search menu
play_arrow

WidgetWeb

News line del 06 Giugno 2024 08:00

regia 06/06/2024


Background
share close


Speaker 0: E non è vero

Speaker 1: la news line di Controradio

Speaker 0: l’informazione prima di tutto

Speaker 2: otto passate da quattro minuti giovedì sei giugno di nuovo buongiorno dalla redazione di Controradio e Chiara Brilli in studio con voi ma tra poco come di consueto mi raggiungerà anche il buona Raffaele Palumbo c’è un entusiasmo che si percepisce nei corridoi della radio non si sa se per la stanchezza o per la tensione pre maratone elettorale ma insomma davvero tanta frenesia e tanti anche accorgimenti dal punto di vista tecnico organizzativo perché vi proporremmo degli spazi di approfondimento sul nostro sito, sulla radio, su tutti I canali cross mediali cercando di dare al meglio una copertura di quelle che saranno le votazioni in ambito europeo ma anche amministrativo naturalmente poi ve ne daremo conto ma andiamo come diciamo sempre per ordine anche di scaletta il meteo apre la nostra newsline allora Messeri questo oggi dall’Ama buongiorno. Sì buongiorno a tutti. Che ci dici Almeno per quanto riguarda il tempo abbiamo forse

Speaker 3: più certezze che per

Speaker 4: il più ronostici elettorali Messeri. Questo non è detto. Però comunque sia anche il tempo ci mette ci mette del suo e raggiungerà a calore a questo momento già molto già molto caldo. Ehm infatti avremo oggi una giornata l’insegna del cielo sereno poco nuvoloso anche se in mattinata saranno presenti nubi basse soprattutto sul Val d’Arno medio e inferiore e sulle zone nord ovest, nubi che perderanno consistenza dalla tarda mattinata e soprattutto nel pomeriggio. I venti sono deboli, I mari poco morsi, le temperature dicevo sono in rialzo, oggi arriveremo a ventotto, ventinove gradi e questo qui è il preludio di un’ondata di caldo attesa soprattutto a partire dalla giornata di venerdì, domani, infatti è per la venerdì per il tempo con il termometro che arriverà a trenta forse anche trentungradi e ancora più caldo sarà la giornata

Speaker 2: successiva quella di sabato. Direi che è tutto. Sì sì non ci spostiamo oltre perché domani faremo il punto anche a livello meteorologico lo farà per noi il Mirco Ropolo credo prima di dare la regia a Gen Z on the road perché saremo live ve lo abbiamo detto ma ve lo ricordiamo da novoli dalle otto alle nove al polo di scienze sociali davanti alla libreria campus in via delle pandette per uno speciale dedicato ai giovani al diritto allo studio, al diritto all’abitare, ai servizi che fanno dovrebbero fare di Firenze una città a misura di studente. Tutto questo sempre anche sui nostri canali cross-mediali ma anche in collaborazione con TIF dunque diretta anche Instagram su This is Florence. Adesso breve pausa pubblicitaria

Speaker 5: e poi ci ritroviamo in Newsline. Messaggio

Speaker 6: elettorale a pagamento comittente responsabile Giancarlo Coccheri. Sono Dimitri Palagi. Per garantire il diritto alla salute e contrastare le liste d’attesa, per garantire il diritto alla mobilità e superare la decisione scelerata di privatizzare Ataf, per garantire il diritto alla sicurezza attraverso la presenza sul territorio e la prevenzione sociale, abbiamo presentato oltre duemila trecento atti in Palazzo Vecchio e garantito una presenza in città ovunque ci fosse bisogno. Per questo, per una giustizia climatica giusta e per la dignità del lavoro, richiediamo di votare una delle nostre due liste, sinistra progetto comune o Firenze

Speaker 5: ambientalista e solidale per dimiti palaci sindaco. Messaggi elettorale a

Speaker 7: pagamento, comittente responsabile Giancarlo Coccheri. Secret Florence riscopre in chiave sorprendente I luoghi della città. Danza, musica, arte e cinema dialogano con il paesaggio urbano e la sua storia. Cinque partner, tempo reale, fabbriche Europa, lo schermo dell’arte, musicus

Speaker 0: consentus e il centro di

Speaker 7: produzione della Danza Virgilio Sieni presentano performance inedite aperte a tutti dal quattro giugno al sedici luglio ingresso libero info Secret Florence punto it

Speaker 8: alle prossime elezioni comunali a Firenze c’è una sola grossa novità e da Firenze Democratica. Io sono Cecilia del Re e mi candido come sindaca per portare aria fresca alla nostra città perché non sono le idee che paralizzano le città sono le persone l’otto e il nove giugno barrate il simbolo di Firenze Democratica Insieme costruiremo

Speaker 5: una città davvero democratica partecipata e per tutte e tutti. Messaggio elettorale autogestito, committente responsabile, analisa I stori. Messaggio elettorale

Speaker 9: pagamento, committente responsabile, Giovanni Fittante. Sede russo dalla politica? Anche noi. Non ottamare il tuo voto. Scegli Anima Firenze ventitrenta e al comune scrivi Fittante.

Saremo la tua sentinella nelle situazioni. Più sicurezza, tolleranza 0. Restituiamo le cascina alla città. Più cultura e un nuovo piano casa. Scopri di più su Anima Firenze venti trenta punto ET.

L’otto e il nove giugno scrivi Fittante e scegli la lista

Speaker 5: civica Anima Firenze venti trenta con

Speaker 2: Funaro Sindaca. Firenze è anche nostra.

Speaker 5: Per una Firenze rassicurante vota Giovanni Fittante. Messaggio

Speaker 10: elettorale a pagamento, committente responsabile Giovanni Fittante. Buccolica, circolo culturale agricolo dal primo giugno torna a Open Farm, quinta stagione, la transizione proteica, la fattoria aperta con osteria vegetariana, vendita diretta, bar agricolo, yoga nell’Oliveta, visiti napiari e canzoni popolari farentine, picnic nel cortetto, watch, play me, music, aperitivi e cene con solo ingredienti e vericoli prodotti nel raggio di cento metri ogni settimana dal mercoledì alla domenica. Bucolca è la strasigna, dieci chilometri da Firenze, ottocento metri dall’uscita

Speaker 0: PPL. WWW bucolca punto parme. Controrario e di un’altra parte. Controradio

Speaker 2: alle otto e dieci uno sguardo alle principali notizie di oggi a partire dal nostro sito Controradio punto it, le nostre dirette, I nostri podcast, nella fascia serale di Newsline ci siamo occupati di Fiorentina e di Stadio, lo ritroviamo nelle prime pagine dei giornali di oggi dalla Nazione Stadio, lo scontro a colpi di mele. La Fiorentina diffide al comune dal continuare I lavori di restyling ma ieri è comparsa una ruspa in Fiesole intanto lo lo schiacobin salmane atteso a Firenze tra una settimana sarà una vacanza di lavoro. Il Frankie dunque torna a pochissimi giorni dalla fine della campagna elettorale al centro del dibattito cittadino Frankie di fida viola al comune in apertura dal Corriere ieri mattina prime demoluzioni inserata la lettera della Fiorentina pronti ad agire per vie legale. Torna ad infiammarsi anche lo scontro politico. Schmidt dice il lavorato I lavori scelta assurda Nardella ci sono leggi da rispettare.

Su questa vicenda annosa ma che appunto si è rinfoccolata adesso nel singolar tensione tra società Viola e amministrazione comunale, abbiamo chiesto il parere di Saverio Pestugia,

Speaker 3: Viola News punto com, microfone di Domenico Guarino.

Speaker 0: Mi sembra la

Speaker 11: come si

Speaker 0: dice a Firenze

Speaker 3: la novella dell’ottento, no? Sì sì, assolutamente. Ecco e mi sembra che ci siano delle situazioni un po’

Speaker 11: particolari perché la che non ha mai digerito

Speaker 0: interamente questa operazione di dardella di di

Speaker 3: di a cui ricordiamolo ma anche ancora una parte del diciamo dei soldi e le città di per fare la copertura completa e la Fiorentina non l’ha mai digerita, però è Aprile è vero come vero, la Fiorentina a Aprile ha accettato questa convezione e l’ha firmata, allora uno perché l’ha firmata a Finaprile tra l’altro nei primi di giugno dici non fermami

Speaker 0: I lavori. Mi sembra un po’ un po’ un po’ strano

Speaker 3: e ora chiaramente le cose però non stanno non son perfettamente a posto perché sì è vero che il comune come da da da da sua parte un documento firmato però siamo a mettersi uno contro l’altro non chiedo vada è chiaro che la società non non voglio dire che che ti da parte dall’altra ma sicuramente è piacere che lo stadio bofo se non venga venga fatto in un altro modo però ecco altri giorni dalle

Speaker 2: elezioni andare andare contro così infatti e veniamo alle altre notizie dalla Repubblica di Firenze stragi del novantatre pentiti e carabinieri accusano l’ex capo dei Ross Mori, lo abbiamo detto nelle anticipazioni, PM indagano sui silenzi, su allerte per possibili attentati e su presunti boicottaggi denunciati da un colonello interrogatorio ieri in procura per il generale Mario Mori, l’ex capo del Ross ed ex direttore del SISDE ehm nel generale appunto è stato interrogato in procura a Firenze ci sono dichiarazioni di collaboratori di giustizia e testimonianze di ex ufficiali di carabinieri a formare il quadro d’accusa nei confronti del generale Mori già comandante del Rosso e direttore del Rosso e direttore del Sisde per la Procura Fiorentina, non avrebbe impedito le stragi del novantatrini, nonostante avesse ricevuto informazioni sul progetto di attentati di cosa nostra. La cronaca dal Corriere Fotonotizia e due morti in un frontale a Grosseto. Un nuovo scontro a pochi giorni dal la morte di due motociclisti a Sganzano, da domenica nove vittime sulle strade nell’incidente coinvolti sei militari dell’area unautica e poi di taglio basso Santo Spirito appello dopo le violenze. L’assemblea dei gestori dei locali poi il documento a comune questura e prefettura in sostanza dopo quanto accaduto nelle scorse settimane ovvero l’accoltellamento di un giovane un sabato sera tra due gruppi di coetanei l’aggressione nei confronti di un titolare I gestori dei locali della piazza si sono riuniti ieri e in sostanza chiedono maggiori controlli ma anche maggiori attività culturali e maggiori servizi a partire dai bagni pubblici sentiamo Lapo Cantini con Fezercenti Stefano Guerrieri

Speaker 12: Conf Comercio rappresentanza dei ristoratori. Rappello alla

Speaker 0: conciore dell’ordine finché la piazza sia

Speaker 12: maggiormente controllata dalle 22.30 alle 0.00 da notte è l’orario in cui più frequentemente questi fatti accadono e accadono fuori dal perimetro delle imprese all’interno delle quali la sicurezza è garantita, la convivenza civile è ben garantita, non dovrebbero accadere, accadono, vanno ripresse, bisogna antipedere, questo è il nostro piano.

Speaker 13: Oltre alla sicurezza di cui abbiamo parlato ampiamente, abbiamo anche la ripetuta immediata ai bagni pubblici che è importantissimo per l’uso della piazza e anche la programmazione di eventi che furono fatti l’anno scorso anche venti culturali di animazione sul sagato alla chiesa se non si può farlo comunque nella piazza perché anche I venti contribuiscono a un amare tritore quindi diciamo di storia e

Speaker 0: attenzione dalle menti di micro emilionalità di migliorare in

Speaker 14: realtà. Non sai cos’è finché non fai lontano quella cosa chiamata realtà e che riflette I sogni e nutre le illusioni come si chiama un momento così quando non hai le parole quando non hai le parole quella cosa che chiamiamo pace e che non sai cos’è finché non fai a botte Quella cosa che chiamiamo luce, che non sai cos’è finché non viene notte Quando una notte perfetta va via tra poco sorge il sole E io non ho le parole Tra poco sorge il sole E io non ho le parole Tra poco sorge il sole

Speaker 15: E’ tutto un mondo bello, tutto un mondo bello E’ tutto un mondo bello, tutto un mondo bello Tutto mondo bel, tutto

Speaker 14: mondo bel Quella cosa che chiamano vita è che non sai cos’è finché qualcuno non muore Quella che chiamano La verità è che non sai cos’è finché non sai mentire È quella cosa che chiamiamo festa È che non sai cos’è finché non hai un lavoro Quella cosa che chiamano amico È che non sai cos’è finché non resti solo È quella cosa che chiamano tutti È che non sai cos’è finché non canti il coro

Speaker 0: Hey you wherever you go caccia a

Speaker 14: te o non un mondo

Speaker 0: morre in asso solo Hey you wherever you go a chi

Speaker 14: me sta praia tutto il vento tutto il volo quella cosa chiamata poesia che vive nelle cose se la vai cercare quella cosa che chiamano amore e che non sai cos’è fin che

Speaker 2: le non appare dopo una notte di rum bella alle otto e dieciassette minuti in Newsline vogliamo raccontarvi una storia anzi cercare di capirla perché è un po’ complicata che fare con dei diritti mancati o per lo meno zoppi che meritano attenzione. Stiamo parlando di una vicenda di carattere universitario, ci colleghiamo con uno studente dell’Università di Firenze Matteo Magni in collegamento con

Speaker 16: noi, ben trovato,

Speaker 2: buongiorno. Buongiorno Chiara. Allora, studente, un IFI e anche nostro ascoltatore che sta portando avanti, lui la definisce una piccola lotta, il tema è un riconoscimento del percorso all’estero ovvero stiamo parlando di un percorso che tu hai fatto Matteo in Francia dove hai studiato e poi hai deciso di scriverti in una seconda fase diciamo della tua vita all’università di Firenze Laura Laura magistrale in scienze storiche ecco ma da quello che è successo in Francia al riconoscimento dei crediti in Italia Firenze cosa è successo? A tuo discapito diciamo rispetto al riconoscimento dei crediti dei

Speaker 0: voti che

Speaker 16: avevi ottenuto cosa sta avvenendo? Allora ben tanto grazie di di ricevermi farmi parlare fa molto piacere. Diamo cerco

Speaker 11: di essere il più sintetico possibile.

Speaker 16: Io sono andato in Francia a 19 anni dove ho studiato in triennale e magistrale. A fine magistrale, durante la tesi, diciamo, sono andato in in burn out, per cui ho lasciato gli studi, ho continuato a lavorare, visto che già lavoravo e poi sono ritornato in Italia. Trovate una stabilità a Firenze, mi sono riscritto all’università chiedendo da una parte riconoscimento del mio percorto triennale e dall’altro un abbreviamento della carriera per quanto riguarda la magistrale, ovvero io avevo convalidato diciamo 99 crediti, quindi diciamo mi mancava poco più che la tesi e insomma sapeva ci sarebbero stati degli esami da ridare. Mi sono riscritto all’Università di Firenze, eravamo anche all’indomani del del lockdown avevo già avuto ricicoltà negli studi, volevo un’università in presenza, volevo poter andare a studiare e confrontarmi con persone diciamo fisiche. La mia domanda di riconoscimento studi diciamo è stata riconosciuta parzialmente per due motivi uno è che su 99 crediti invalidati me ne sono state riconosciuti 30 questo con tre appelli da parte mia cioè l’inizio 18 poi 24 poi 30 questa è un limite non solo dell’unissima del sistema universitario in generale ovvero tendono a riconoscere soltanto diciamo gli esami più simili a quelli della Teneo e questa è libertà dell’università di farlo e vabbè non discutiamo.

Il problema diciamo sul quale mi sono un po’ impuntato è un altro, ovvero ehm se uno studente Erasmus va all’università dove ho studiato io, cioè a Tolosa convallida un esame, ottiene sedici su venti, torna

Speaker 2: a Firenze

Speaker 0: e gli

Speaker 2: viene riconosciuto trenta e lode. Ecco se invece un cittadino appunto è scritto lì un rimpatriato poi si scrivono all’Università di Firenze

Speaker 16: non si applica la stessa tabella Assolutamente si applica invece una proporzione matematica contenuta in un allegato di un decreto del duemila sedici per un bando di specializzazione di medici e anziché trenta mi venne mi sono mi è stato riconosciuto venticinque quindi diciamo una media

Speaker 2: del ventinove è stata riconosciuta con una media del ventidue. Tu hai fatto appello al garante dell’università.

Speaker 16: Qual è stato il suo parere? Sì. Il parere del garante è stato che l’unifi avesse operato in maniera illegittima perché a me è stato risposto a plurime riprese nero su bianco e si operava per una prassi consolidata. Ok? Cioè che non si seguiva diciamo un quadro legislativo si seguiva una una prassi consolidata ehm però il garante nel merito del criterio utilizzato non poteva dire niente perché anche la competenza all’università scegliere I criteri per

Speaker 2: per accogliere o meno appunto studenti arrivanti dall’esterno. Quindi se ho capito bene il garante ha riconosciuto un metodo non corretto, non si esprime però nel merito poiché è competenza degli organi di Ateneo e a questo punto ti chiedo qual è la posizione degli organi di Ateneo

Speaker 16: che immagino tu abbia coinvolto o comunque tu abbia sollecitato Chiusura totale, punto. Ho avuto soltanto un diciamo uno spiraio ed è la vicerettrice che si occupa dell’internazionalizzazione che non mi ha più risposto. L’internazionalizzazione che mi ha risposto a una o due mail e poi giustamente sarà sarà piena di lavoro poi non mi ha più risposto tutti gli altri a qualsiasi diciamo livello gerarchico dalla dal corso di laurea fino alla scuola sono solo porte di Use e posso dire veramente burocratismo incancrenito dico un piccolo aneddoto io lavoro in ambiente internazionale ho una collega che ha un’esperienza simile alla mia lei è francese è venuta a Firenze negli anni ottanta negli anni ottanta ha fatto la stessa procedura che io ho fatto nel duemila ventidue bene a quaranta anni di distanza sono stati applicati a me gli

Speaker 0: stessi criteri

Speaker 2: sono stati applicati a lei cioè questo per dare proprio il polso anche temporale di questa di questa arretratezza l’università tu ribadisci deve agevolare cosa sacrosanta, la mobilità di ritorno, no? Si parla della fuga dei cervelli e valorizzarla invece innanzitutto c’è questa burocrazia che si pone davanti che sembra non solo un muro di gomma ma un qualcosa che pone una un’inaccessibilità, un’applicazione di diritti che dovrebbero essere quando si parla di Europa, ci avviciniamo all’appuntamento europeo di ehm una di democrazia di carattere comunitario in termini di applicazione di certi valori che vanno oltre gli stati nazionali e invece il diritto allo studio è uno dei primi che viene discriminato. Ci scrivono ehm vediamo se possiamo leggere il messaggio al numero WhatsApp a tre quattro due ottantuno 0 quattro cento undici. Ci scrivono Matteo in Spagna ci mettono non meno di due anni a riconoscere I titoli universitari, triennale e magistrale ottenuti in Italia. Io sono tre anni che aspetto tempi lunghissimi, una cosa alienante visto che parliamo di Europa.

Quindi si

Speaker 16: parla di storie simili. Assolutamente diciamo poi andare a vedere chi fa peggio o chi fa uguale non aiuta mai, bisognerebbe andare a vedere I casi virtuosi. Io quello che sto sul caso dell’Università di Firenze e che l’Università di Firenze ha I margini nell’ambito della pro delle proprie competenze della propria economia per essere un esempio virtuoso e non per rimanere quarant’anni indietro come anche altri. Cioè può accogliere la questione è questa, cioè esiste già una tabella che usano per la mobilità Erasmus e

Speaker 11: che però non

Speaker 16: applicano agli altri casi. Ok? Per quale motivo uno ne può pensare mille pensando bene pensando male però non la applicano quindi andiamo a cercare casi virtuosi oppure che l’università di Firenze lo sia che ci sia un minimo di non non ci vuole veramente troppo sforzo. Basta applicare criteri che sono già in uso all’interno della università

Speaker 2: ma sono usati solo per la mobilità E allora ci attiveremo per cercare di capire quali sono gli elementi ostativi cercheremo appunto con gli organi di Ateneo di avere anche una replica o di metterli a conoscenza di una situazione che senz’altro sapranno ma magari di fare anche pressione al riguardo tu dici il tuo il tuo è un caso limite ma è un piccolo tassello di un mosaico complesso che abbiamo voluto illustrare e non è un caso isolato. Come raccontavamo? Sarà uno degli argomenti anche questo di Gen Z on the road che sarà in diretta La nostra trasmissione sulle voci dei ventenni per il futuro di tutti e tutte in diretta da Novoli proprio dal Polo Universitario di Scienze Sociali venerdì dalle otto alle

Speaker 0: nove. Grazie

Speaker 16: Matteo per la tua testimonianza. Grazie a te e se posso dire giusto una piccola cosa ho aperto una mail rimpatriati punto unifi chocciolagimail punto com per raccogliere

Speaker 2: storie simili alla mia e cercare di organizzarci insieme. Poi magari ci aggiorneremo su chi ti scrive le storie le racconteremo.

Speaker 16: Rimpatriati chocciola Unifi punto itta hai detto? Rimpatriati punto Unifi Chioccila Gmail punto com. Le storie che ho sono già tutte uguali ovvero percorsi internazionali non valorizzati non riconosciuti ma svalorizzati sbiliti e ovviamente quelle ci dicono poi tutti e ma perché non venne tornati all’estero e alla alla fine quello è quello che tanti di noi devono fare se vogliono essere riconosciuti.

Speaker 2: Rimpatriati punto unici, piaceremo GMAIL punto com. Speriamo di cambiare, di invertire la tendenza ottenendo delle risposte. Ce la metteremo tutta dal punto di

Speaker 0: vista informativo.

Speaker 16: Grazie ancora

Speaker 0: Matteo Magni. Grazie, buon lavoro. E io stavo sperando di incontrarvi ma tua ragazza mi ha detto di non capire il mio numero perché stavo pensando come stavi a svegliare I tuoi weekend stavi a dormire e tua ragazza mi ha detto di non capire il mio numero cosa può essere vero? Cantare la tua canzone preferita? Si può andare a lungo oh yeah yeah cosa può essere vero?

Il sol è sempre troppo lento EEEEEEEEEEEEEEE tre.

Speaker 2: Otto e ventotto minuti tra poco la linea alla GR di Popolare Network e poi torneremo e studio su Controradio Web TV con tutti al voto vi mancherà un po’ questa rubrica di approfondimento non lo so non lo so sicuramente è servita per entrare dentro quelle che sono state le dinamiche politiche di avvicinamento alla campagna elettorale la formazione delle coalizioni che poi hanno portato all’espressione dei candidati e delle candidati per le amministrative e le europee che troveranno una sintesi poi nella maratona elettorale che faremo lunedì a partire dallo speciale europee Newsline dalle otto ma anche dalle quattordici quando inizierà appunto il percorso di scrutinio delle amministrative. E allora rimanete sintonizzati sulle nostre frequenze perché alle otto e quaranta avremo in collegamento il professor Chiaramonte, il professor Floridia per un bilancio di questa campagna elettorale, un quadro anche degli scenari post voto ma anche alla luce delle comparazioni che possiamo fare rispetto alle precedenti tornate elettorali.

Speaker 0: Rimanete con noi. EEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE un’altra che è la Networ

Speaker 18: Otre trentadue minuti popolare Networ le notizie la guerra a Gaza nella notte l’esercito israeliano ha colpito una scuola dell’Uru all’ agenzia ONU per I palestinesi Anus e Irat trentadue fino a le vittime accertate tra loro anche molte donne e bambini così riferiscono giornalisti palestinesi sul posto. All’interno dell’edificio colpito c’erano centinaia di rifugiati. Tel Aviva ha confermato il bombardamento affermando che si trattava di una base di Hamas che ospitava terroristi del settembre ottobre. Questa mattina Droni di Esbollano colpito il nord di Israele un militare di Tel Aviva è morto. Un altro è stato trasportato in ospedale in grave in gravi condizioni.

Sono iniziate le elezioni europee da stamattina si vota in Olanda, primo paese ad aprire le urne nel continente, il paese si è da poco insediato un governo guidato dal partito nel leader euroscettico e antislamico Gert Wilders, elege trentuno parlamentari l’esito delle elezioni olandesi rappresenterà una prima cartina di tornasole sul possibile spostamento a destra del baricentro del Parlamento Europeo evidenziato dai sondaggi della vigilia di qui a domenica saranno chiamati alle urne trecentosettantatremilioni di cittadini europei dopo L’Olanda toccherà domani a Irlanda e Repubblica a Cecca e via via tra sabato e domenica a tutti gli altri. Ultimo giorno di iniziative e comizi elettorali oggi anche in Italia Salvini chiude a Roma in Piazza Santi Apostoli col generale Vannacci, Bonino e Renzi saranno sempre nella capitale ma in Piazza della Pietra e l’Eschlein ha in programma un incontro a Firenze Giorgio Meloni sarà invece in TV da Vespa a Porta Porta dopo che ieri non si è fatta sfuggire una comparsata al TVG delle venti di la sette. Non si placano intanto le polemiche per lo show di ieri di Meloni in Albania. Stamattina in un intervista al Corriere la leader del PD L. E.

Define cinico l’accordo, osserva che I soldi stanziati si sfiora al miliardo avrebbero potuto essere usati per la sanità. In generale le opposizioni accusano Meloni di aver usato il proprio ruolo istituzionale per guadagnare I consensi attraverso annunci e provvedimenti spot di cui esiste poco più che il titolo un un suicidio, un tentato suicidio nell’ultimo e quaranta ottore nelle carceri italiane, un detenuto di trentuno anni di origine pakistana in attesa di giudizio per rapine e lesioni si è impiccato martedì sera nel carcere romano di Regina Celi ho reso noto la polizia penitenziaria che ha detto come nel carcere capitolino ci sono mille quattrocento detenuti a fronte di una capienza di poco più di sei cento posti e solo circa trecento agenti una situazione secondo il SAPP, il sindacato della Polizia Penitenziaria insostenibile. Sempre ieri nel carcere di Avellino una detenuta della sezione femminile ha tentato il suicidio stata salvata dall’intervento degli agenti della penitenziaria. Dall’inizio del duemila e ventiquattro sono già trentanove I suicidi nelle carceri italiani sentiamo Alessio Scandurra, responsabile

Speaker 11: dell’Osservatorio Carceri di Antigone. Ci sono delle dei dati obiettivi che parlano di sovraffollamento, che parlano per esempio del ritorno del regime a celle chiuse, dalla pandemia fino adesso era stato sostituito nella maggioranza dei dei casi dal regime a celle aperte, il ritorno diciamo ai dieci minuti della settimana di telefonata per la maggior parte dei dettenuti e questi chiaramente sono tutti elementi oggettivi di aggravamento di una situazione detentiva. Però al tempo stesso sono anche situazioni che abbiamo vissuto in passato e la cui reazione non erano stati questi numeri di suicidi. Quindi evidentemente sta cambiando qualche altro aspetto della vita penitenziaria del clima penitenziario evidentemente c’è un senso di chiusura e di come dire mancanza di prospettiva mancanza di speranza che che è particolarmente scoraggiante per per le persone detenute e credo anche per il personale perché comunque trovare una situazione in cui non si è in grado di fornire risposte utili al disagio delle persone che non si vedono iniziativa di segno opposto immagino che guardare una campagna elettorale a vedere che del tuo mondo in in disagio e in sofferenza nessuno parla mai a sua volta

Speaker 18: questa sia una cosa soraggiante, deprimente. Noventina di capi di Stato e di governo sono attesi oggi in Normandia nel nord della Francia per le cerimonia degli ottant’anni del D-Day lo sbarco alleato del sei giugno quarantaquattro ci sarà anche il presidente americano Joe Biden, quello ucraino Zelensky, Pieri Macroni in visita in Bretagna ha dichiarato il nostro paese riferendosi alla Francia una gioventù audace e valorosa pronta allo stesso spirito di sacrificio dei suoi anziani parole che sono suonate come un avvertimento a Mosca per un possibile invio di struttori militari francesi in Ucraini in Ucraina scusate La BC è verso il primo taglio dei tassi di interesse da quasi due anni a questa parte, due anni segnati da ingenti profitti per le banche, l’annuncio è atteso per oggi ma non è detto che la decisione sia poi confermata e riproposta nei prossimi mesi. I paesi nordici e germani infatti frenano entre Italia e Francia sperano in nuovi tagli del costo

Speaker 0: del denaro nel corso dei prossimi mesi

Speaker 18: le otte trentasette minuti è tutto per questa edizione, la

Speaker 0: prossima alle nove e trenta, grazie per l’ascolto, a Più tardi

Speaker 19: Sembra impossibile agire per un mondo senza guerra. Tutto è impossibile. Finché non si trova il modo di realizzarlo. Dona il tuo cinque per mille a emergency codice fiscale nove sette uno quattro sette uno uno 0 uno cinque cinque.

Speaker 20: Scopri di più su emergency punto IT slash

Speaker 21: cinque per mille. Ci sono dei luoghi

Speaker 2: in Italia dove è

Speaker 8: facile perdersi.

Speaker 21: Ognuno per la sua strada.

Speaker 20: Non possiamo accogliere tutti. Falto non cambia nulla. Luoghi comuni. Possiamo uscirne. Con l’otto per mille alla Chiesa Valdese.

Un passo concreto verso l’accoglienza e il sostegno a chi ne ha più bisogno. La mia dichiarazione conta. Otto per mille alla

Speaker 0: Chiesa Valdese. L’altro otto per mille.

Speaker 6: Popolare Network e un’altra. Popolare Network

Speaker 22: muoversi in Toscana Info,

Speaker 23: aggiornamenti in tempo reale

Speaker 11: sulla mobilità

Speaker 0: nella regione. Ancora ben trovati dalla

Speaker 23: redazione di Firenze Smart in studio Agnese e Fedele. Vediamo la stazione del traffico della mobilità in Toscana in questi minuti. A cominciare dall’autostrada in Avulo, rallentamenti per traffico verso nord, tra Calenzano via uno variante, na undici con I attratti per traffico, tra Pistoia e Bivio con la uno e tra Sesto Fiorentino e Firenze e Peretola. In Fipoli un chilometro di coda per incidente in direzione mare tra ponte della est e ponte della ovest verso Firenze con dei attratti tra Ginestra e Firenze Scandici. Siamo al TPL a Firenze per lavori in Borgogni Santi.

Quest’oggi deviazioni per le linee trentasei e trentasette. Deviazioni anche a Pionbino per la giornata di oggi. Tutti I dettagli sul sito del gestore. Moversi in Toscana Info, un servizio in collaborazione con il reggione Toscana,

Speaker 22: città metropolitana chirense e comune di Chirense. Per ora è tutto.

Speaker 24: Buon viaggio. Moversi in Toscana Info. Aggiornamenti in

Speaker 0: tempo reale sulla mobilità nella

Speaker 17: regione Contro radio, buon ascolto e buon viaggio

Speaker 25: FM novantatre e sei novantotto e sono Rosamaria Di Giorgi ex assessore e parlamentare. Mi occupo di cultura, scuola, università, ricerca dei

Speaker 10: giovani e di lavoro.

Speaker 25: Mi candidano nella lista a Stati Uniti d’Europa. Per noi la nuova Europa deve superare I veti e dare opportunità a tutti. Essere moderna, sicura e accogliente e forte della propria civiltà. Lotte il 9 giugno vota Stati Uniti d’Europa. Scrivi di Giorgi.

Speaker 1: Messaggio elettorale a pagamento. Commettente e responsabile Mario de Gasperi. Dopo il sold out e le richieste di nuovi viaggiatori parte il secondo viaggio in Algeria fra

Speaker 17: deserti oasi e storia milionaria dal ventotto ottobre al sette novembre. In con autisti Tuareg percorreremo il Sahara Algerino, uno dei più bei deserti di sabbia del mondo e visiteremo le rovine di civiltà

Speaker 7: puniche, romane, bizantine. Le architetture arabe ed ottomane e I boulevard coloniali francesi delle grandi

Speaker 1: città, le osi preistoriche, le incisioni rupestri, I canyon e le rocce e rose dal vento. Algeria

Speaker 7: la prima volta dal ventotto ottobre al sette novembre in compagnia di Rossana Mamberto. Posti limitati.

Speaker 1: Informazioni e prenotazioni su Controradio punto hit sezione viaggi e banner Algeria. Valter Albini il calento. Lo stilista. Fino al ventidue settembre al Museo del Tessuto di Prato la mostra dedicata ad un protagonista assoluto della moda degli anni sessante e ottant’a considerato il primo stilista italiano di Preta Porte. Grande disegnatore e instancabile innovatore Albini è stato ideatore di tanti stili e look diversi.

In mostra oltre trecento tra disegni, fotografie, abiti, accessori e tessuti che ricostruiscono le vicende di un mito della grande moda italiana. Info e biglietti

Speaker 0: su Musee

Speaker 26: del Tessuto punto

Speaker 0: it Contrivolto

Speaker 26: che assale.

Speaker 1: Sosteniamo la raccolta fondi per la digitalizzazione dei documenti dell’Istituto Storico Toscano della Resistenza per preservare e tramandare alle generazioni future un pezzo fondamentale della nostra storia. L’appuntamento è mercoledì dodici dalle 19.30 per la cena in piazza al centro commerciale San Donato di Novo, l’Inglia Forlanini a Firenze. Una serata con Max Collini in storie di antifascismo senza retorica e in diretta su Controradio dalle ore venti testimonianze e musica di Controradio. Iniziativa di Unicop Firenze della Fondazione il Cuore si scioglie in collaborazione con la Si

Speaker 17: Crea e Controradio. Controradio. L’informazione di Controradio continua sui nostri social

Speaker 0: e sul sito WWW Controradio punto IT.

Speaker 1: Speciale Newsline. Tutti al

Speaker 0: e speciale Newsline

Speaker 1: tutti al voto

Speaker 2: giovedì sei giugno otto e quarantadue minuti tutti al voto ormai sigla che ci accompagna da gennaio e ci porterà fino all’appuntamento di questo fine settimana elettorale amministrative ed europee cerchiamo di tirare un po’ le fila titolano titolano oggi rush finale Raffaele ma noi vogliamo un attimo fare il punto complessivo in

Speaker 21: termini soprattutto di analisi pre e post voto. E comunque devo dire come l’attenzione del dire che tutto il voto durerà fino a questo prossimo fine settimana e non fino al ventiquattro perché noi non abbiamo la speria di cristallo anche se alcuni sondaggi ci dicono che fosse il nostro lavoro per quello che riguarda le amministrative di Firenze. Non finisce qui. Vedremo Alessandro Chiaramonte, politologo Unifi, buongiorno a lei professore e grazie per essere con noi insieme ad Antonio Floridia saggista già responsabile dell’ufficio elettorale della regione toscana andate sui nostri social perché siamo anche nella nostra Controradio Web TV per raccontare di queste elezioni. Ci diremo diverse cose, quindi risposte anche bevi, potremmo fare molte domande.

Però professore Chiaramonte, in generale che elezioni sono state considerato sempre che siamo alla radio diciamo così quindi mi raccomando confidando nel suo buon gusto ovviamente però come dire sia un punto di vista dei temi, di Europa si è parlato pochissimo e altre cose del genere. Lei come l’ha vissuto questa campagna elettorale?

Speaker 24: La campagna elettorale per le Europee è stata abbastanza deprimente, credo che questo sia un termine accettabile anche in radio, si è discusso molto poco sulle questioni fondamentali dell’Unione Europea e di quello che attende l’Unione Europea nei prossimi mesi, nel presente vorrei dire prima ancora che nel futuro e quindi la questione della politica estera, della politica di difesa mi pare che molti si siano nascosti abbiano preferito rivolgere le loro attenzioni a questioni prettamente nazionali quasi come se appunto l’Europa non ci fosse proprio nel momento in cui

Speaker 0: la presenza dell’Europa

Speaker 2: è particolarmente importante. Questo professore è stato una una scelta secondo lei strategica nell’ambito delle varie coalizioni oppure proprio un’incapacità di creare programmi che possano vedere davvero un’incisività dell’istituzione europea negli ambiti che lei diceva in particolar modo nella politica estera come lo sta peraltro dimostrando?

Speaker 24: Io credo che sia stata una scelta strategica perché per molti partiti l’elettorato di riferimento è diviso su questi temi e quindi accentuare, enfatizzare questioni rilevanti come appunto il posizionamento sulla guerra in atto fra Ucraina e Russia, sul Medio Oriente, sulle questioni di politica estera e difesa dell’Unione avrebbe probabilmente creato di sapori anche nell’elettorato di riferimento. Così non parlandone si è cercato di dividersi di meno ma a scapito di una chiarezza nei confronti degli elettori più indecisi e di coloro che vorrebbero avere un’idea più chiara

Speaker 21: delle delle posizioni dei vari partiti per poi decidere come votare. Questo è molto interessante. Dalle altre cose le Europee partono questa mattina alle sette e trenta nei Paesi Bassi I primi paesi dell’Unione Europea adaprire I I seggi inaugurando questa sessione elettorale che in quattro giorni porterà al voto oltre trecentosettanta milioni di elettori da Lisbona a Tallin però in questo nostro salta a beccare tra l’Europa e le amministrative Antonio Floridia. Prima di tutto parleremo di di Toscana anche dando un po’ di di dati però partiamo dalla questione tecniche se d’accordo per quello

Speaker 15: che riguarda una serie di questioni di

Speaker 21: cui anche questo è parlato poco, soglie, preferenze, voti disgiunti, ce lo farà veramente un quadro Floridia.

Speaker 26: Bene, concentriamoci sulle comunali. Sulle europee ci sono la possibilità di dare tre preferenze con due o uno rispettando comunque una presenza di genere per le comunali ehm diciamo così che molta attenzione viene rivolta al tema del voto di giunto. Corso opportuno ricordare alcune cose. L’elettore può scegliere di votare solo il candidato sindaco. Troverà nella

Speaker 0: scheda una una un rettangolo abbastanza

Speaker 26: sottile in alto e sotto il nome del candidato sindaco scusate

Speaker 21: è richiestissimo a Teo Floride questo momento è chiaro

Speaker 26: candidato sindaco allineati I simboli delle liste che lo sostengono il canale L’elettore può dare un voto solo al candidato sindaco, mettendo un segno nella parte ristretta di questo rettangolo, oppure può scegliere di dare un voto a questo rettangolo oppure può scegliere di dare un voto a una lista in questo caso il voto si intende dare automaticamente si trasferisce anche al candidato sindaco e accanto al nome al simbolo della lista può indicare due due preferenze differenti anche qui per il genere. Il voto disgiunto attenzione è un voto su questo si crea qualche equivoco, in passato ci sono state anche case di annullamento. Il voto disgiunto è quello tra il candidato sindaco e una lista. No, Tra candidato consigliere e la lista. Se uno vota un candidato consigliere deve votare necessariamente anche la lista in cui questo candidato è presente.

Può invece essere dato un voto separato, diviso, votare un sindaco e votare una lista che non appoggia questo sindaco. Quindi questo semplicemente il quadro è questo bisogna decidere se accettare un trascinamento del voto dal simbolo di della lista al candidato sindaco o se separare I due voti. La soglia di sbarramento per accedere al Consiglio Comunale è il tre per cento ma qui va fatto una sottolineatura importante che non è sempre stata presente all’opinione pubblica il tre per cento vale sulle liste non sui candidati sindaci per dire se un candidato sindaco prende il tre virgola uno per cento e la lista collegata il due virgola nove questa lista non avrà consiglieri comunali il primo consigliere eletto in questi casi è il candidato sindaco però bisogna che sia la lista a superare il tre per cento non non il candidato sindaco. Questo può avere una sua

Speaker 2: importanza. Credo che siano queste le cose essenziali. Floridia ci stanno arrivando dei messaggi così cerchiamo anche di fare avere delle informazioni di servizio. Ci dicono Floridia sa benissimo che il disgiunto lo fa solo l’uno virgola cinque per cento dei votanti quindi in influente veramente così

Speaker 26: soprattutto a questa tornata elettorale? È una sicuramente una minoranza però sta crescendo e abbiamo avuto anche recenti elezioni per esempio in Sardegna dove il voto di Giunto è stato molto più diffuso e anche decisivo quindi vedremo sicuramente un tipo di voto come dire sofisticato che presuppone un elettore molto consapevole con le idee molto chiare però non è così rilevante ecco ehm si può si può arrivare

Speaker 21: almeno al cinquadre per cento del del voto. Senta professor Chiara Monti noi alle volte abbiamo I toni un po’ enfatici ricordando che in questi mesi metà della popolazione mondiale va alle urne e che questo genererà dei nuovi equilibri. Le reazioni in India sono state una sorpresa perché tutti ci aspettavamo una vittoria travolgente di Modi e così non è stato anche se Modi comunque se era giusta e governerà ancora ma India parte veramente ci sveglieremo nel duemila venticinque con con

Speaker 24: degli equilibri profondamente mutati secondo lei potrebbe essere perché appunto ci attendo una elezione importante da ultimo abbiamo saputo che si voterà breve in in Regno Unito

Speaker 0: poi ovviamente

Speaker 4: abbiamo l’appuntamento di novembre

Speaker 24: con le elezioni presidenziali americane, quanto mai importanti, quindi a seconda ovviamente dei risultati per quanto riguarda il Regno Unito siamo abbastanza certi che prevarrà il partito laburista che nei sondaggi sta molto ma molto avanti rispetto a quello conservatore, questo sotto il profilo per esempio dell’impatto in Europa, non dovrebbe modificare, cioè modifica ovviamente le politiche del governo nazionale britannico ma non I rapporti con gli altri paesi dell’Unione della quale ovviamente la Gran Bretagna non fa più parte. Nel caso invece degli stati uniti sappiamo che c’è moltissima incertezza sull’esito del voto e sappiamo anche che qualora dovesse prevalere Trump allora sì si prospetterebbero scenari

Speaker 2: profondamente diversi da quelli attuali. Naturalmente stiamo punteggiando tra europee e amministrative in una riflessione che tiene tutto insieme accumulata dal grande grande tema dell’assenzionismo che poi tratteremo in conclusione di trasmissione leggiamo dal televideo che è partita la maratone elettorale delle europee alle sette e trenta questa mattina I Paesi Bassi sono stati primi ad aprile e sei e gina

Speaker 21: inaugurando la sezione che in quattro giorni porta. Infatti lo dicevamo

Speaker 2: qualche minuto fa però torniamo alla Toscana. Sì torniamo alla Toscana con Floridia in particolar modo dando un quadro professore una piccola guida diciamo alla lettura cosa sarà importante guardare soprattutto come si arriva questo voto in colore

Speaker 26: politico dei sindaci uscenti e non solo allora intanto diamo un quadro generale c’è molta attenzione per l’Europa ma va ricordato che votano ben sette mila setticentogindici comuni in Italia quasi la metà di cui duecentoventotto con popolazione superiore ai quindicimila abitanti e dopo I ballottaggi per questi duecentoventotto comuni sarà più facile fare un bilancio politico di successi e insuccessi. Votano in particolare anche ventinove capoluoghi di provincia e la situazione è interessante perché in questi ventinove comuni capoluogo ai blocchi di partenza abbiamo tredici giunte di centrosinistra, tredici di centrodestra, due del Movimento Cinque Stelle e una civica. Sarà interessante vedere la dinamica di queste di questo di questo voto. In Toscana votano trentatre comuni con popolazione superiore ai quindicimila abitanti e qui si possono dare alcuni dati interessanti perché come potete capire I cicli elettorali dei comuni si svolgono nel arco di sono scaglionati nel corso degli anni. Il ciclo elettorale che è iniziato nel duemila e venti che si conclude domenica è riguardo a cinquantacquattro comuni toscani con popolazione superiore a quindici mila habitanti vende delle importanti novità.

Finora hanno votato ventuno comuni gli altri trentatre voteranno appunto domenica. In questi ventuno comuni in testa al centrodestra con dieci. Nove del centrosinistra, una sinistra che Campionisense è una civica. L’anno scorso per usare una metafora calcistica il centro sinistra giocava fuori casa nel senso che aveva erano al volto soprattutto Città, Capoluoco come Massa, Pisa, Siena che che erano in mano a Pistoia che erano in mano al centrodestra. Quest’anno il il centro sinistra gioca in casa ma proprio per questo forse la partita è più difficile.

Dei trentatré comuni, Toscani che votano domenica, ventinove hanno giunto di centrosinistro o centro. Solo quattro di centrodestra che sono Pionbino, Monte Cattini, Termeagliana e Cortona. L’ha dal punto di vista politico si tratta di capire se il insediamento del centrodesto dentro il Canada che ha visto soprattutto in ultimi anni una forte presenza del sette capoluoghi su dieci oggi governati da centrodestra è un insediamento che si consolida o se il centrosinistro riuscirà a invertire la tendenza. La partita per esempio sarà molto interessante in una città come Pionvino, ex città operaia il Rosso, ma anche in una città importante come cortona e così via. Credo che sia un quadro abbastanza interessante.

Tra l’altro va detto che proprio guardando la serie storica dei dati ci sono stati sette cinti elettorali nei comuni toscani superiori, dal 93,

Speaker 0: da quando è entrata

Speaker 26: in vigore la nuova legge elettorale sulle elezioni dei sintaci e fino al duemila dieci duemila quattordici c’era addirittura una schiacciante maggioranza di giunte di centro sinistra. La svolta avviene tra il duemila e quindici e il duemila e dicemnove quando le giunte di centro-sinistra scendono da cinquantaquattro a trentanove e quelle di centrodestra salgono da una a quindici. Oggi comunque come dicevo prima siamo dieci a nove. Vediamo come finisce

Speaker 21: la partita dopo il voto di domenica. Tantissimi residenti che ci la Floridia professori Caramonte ci furono grandi speculazioni a questo proposito e intellettuali a proposito delle elezioni per esempio regionali. Hm quando ci si aspettavano terremoti che poi video in realtà riprodursi il vecchio voto sulle regionali suscitando delle delle sorprese anche come dei avvantaggi di un conservatorismo per alcuni versi dell’elettorato. È un po’ schizofenica questa cosa perché l’elettorato d’Oscar da una parte è conservativo più che conservatore, dall’altra parte invece Floridia ci ha fatto vedere una situazione in enorme movimento. Ma il tema delle contendibilità è veramente così presente in alcune città importanti come Livorno,

Speaker 24: come Empoli, come Prato e come Firenze? Beh non è tutto uguale ovviamente dipende molto dalla specificità locale Firenze

Speaker 0: per per citare la

Speaker 20: città che andrà al voto

Speaker 24: più importante ovviamente della Toscana che andrà al voto domenica, non è mai stata contendibile, la sinistra è sempre stata largamente maggioritaria, I candidati di centrodestra nel corso delle precedenti elezioni comunali ma anche il centrodestra Fiorentino nelle elezioni politiche europee precedenti non è mai riuscito a varcare la soglia del 40%, anzi perlopiù si è fermato intorno al 35%. Quindi non ci dovrebbe essere partita da questo punto di vista, però ovviamente la divisione nel campo della sinistra può far riaprire la partita e certamente può favorire se non altro un ballottaggio nel quale poi vedremo se saprà la sinistra a riunirsi intorno al candidato o alla candidata che accenderà al secondo turno. Empoli ha una storia simile a quella di Firenze, un’altra delle roccaforti toscane mai espugnate da forze altre rispetto al centro-sinistra. Livorno sappiamo che in passato era stata vinta dal Movimento 5 stende, tutti gli altri capologhi di provincia e molte altre città toscane sono stati o sono tuttora amministrate dal centrodestra, questo a livello regionale restituisce un quadro di una regione che nel suo complesso è altamente contendibile, cosa che ovviamente è molto diversa da quanto accadeva in passato quando la Toscana era una rocca forte rossa ed era parte di quella zona rossa dell’Italia centrale che è rimasta tale per

Speaker 21: svariati decenni dal secondo dopoguerra fino agli anni duemila vorrei dire.

Speaker 2: Abbiamo tempo per un flash sulla questione di astenzionismo. Sì, assolutamente, astenzionismo è indecisi molti candidati che hanno fatto riferimento a questo anche nella campagna delle amministrative che polso avete? Risposta secca a Chiaramonte, prima e Floridia dopo su questo sia per

Speaker 0: quanto riguarda

Speaker 24: la tornata locale che quella europea. Beh ci aspettiamo un astensionismo ancora in aumento la forbice fra politiche ed europee nelle ultime due

Speaker 0: tornate elettorale è

Speaker 24: stata di addirittura a 17 punti, se così fosse all’europé scenderemmo ampiamente sotto il 50%, forse non sarà così, ma comunque ci aspettiamo una partecipazione in calo. In decisione tanta ma questo è il segno dei tempi l’elettorato italiano a tutti I livelli è diventato molto indeciso molto confuso molto disorientato decide se andare a votare all’ultimo momento decide chi votare sempre di

Speaker 2: più all’ultimo

Speaker 26: momento. Chiaramonte. Floridia Floridia in conclusione. Sì beh concordo con quanto detto era d’Alessandro. Aggiungerei però che la forbice tra europee e politiche si sta riducendo.

Da alcuni dati nel duemila e quattordici votò il cinquantasè per cento alle europee alle successive elezioni politiche del duemila e diciotto votò il settantadue per cento. Nel duemila e ventidue alle politiche alle regionale alle m m europee del duemila dicionnove votò il cinquantasè per cento alle politiche del duemila e ventidue il sessantatre Quindi pur nella tendenza al ribasso forse la forbice tende a restringersi quindi vedremo se questa tendenza verrà confermato meno. Aggiungo sull’astenzionismo che bisogna credo superare una visione indifferenziata dell’astenzionismo. Soprattutto le europee hanno caratteristiche diverse. In passato sono state sempre, da una parte degli elettori sono state percepite come elezioni con come dire il più basso ranking di interesse politico e quindi la partecipazione calava rispetto alle politiche o anche rispetto alle amministrative.

Ho l’impressione che questa volta non sia completamente così e soprattutto l’astenzialismo è un fenomeno asimmetrico nel senso che colpisce a seconda dei momenti diversi segmenti di elettorato per cui si spiegano gli sbalzi percentuali che l’Europa abbiamo visto in passato, duemila e quattordici con Renzi, nel duemila e diecianove con Salvini, perché basta una un calo dei votanti,

Speaker 0: degli altrui votanti

Speaker 26: e una buona mobilitazione dei propri elettori per provocare notevoli sbalzi nelle percentuali e segnare il confine tra vittoria politica e insuccesso politico. Quindi io penso che domenica sera la cosa potremo già capire molte cose guardando

Speaker 21: la geografia dell’astenzionismo. Sarà molto interessante anche vedere la famosa profezia che si autoavvera in merito a quelli che votano per quello che si capisce vincerà diciamo perché c’è una percentuale elettorato che una volta l’ando una volta ogni cinque anni vuole stare dalla parte di di di di di di di di vince così come ci sarebbe piaciuto chiedervi come di una poltrona per due se questo è un test Meloni ma conoscendo figure di Floridia e di Chiaramonte ci risponderebbero che trattandosi di teste europei e di amministrativi e non politici non possiamo esprimerci in questo senso quindi non dai vostri sognini

Speaker 2: gli si capisco che possiamo salutarci direi Chiara. Sì dando un arrivederci perché ci rivedremo e ci risentiremo insomma vi vi riacciufferemo nel corso di queste giornate soprattutto da lunedì perché quando inizierà la nostra maratona sull’Europa e la mattina e poi dal pomeriggio lo scrutinio per le amministrative sicuramente saranno ancora nostri ospiti strappiamo

Speaker 21: una disponibilità ora naturalmente in diretta infatti. Prof. Icchiaro Monti da lunedì se lei ha esami perché c’è sessione di esami li sposti un consiglio personale

Speaker 26: gli studenti capiranno mi mi auguro.

Speaker 0: Io sono in pensione quindi

Speaker 21: ho più tempo lì sarà anche in pensione Florida ma non perde un colpo su su queste vicende. Antonio Floridia, grazie davvero, grazie Alessandro

Speaker 24: Caramonte per essere stati con noi questa mattina. A voi

Speaker 0: arrivederci

Speaker 17: Stai ascoltando contro radio contro radio e

Speaker 12: non è un

Speaker 0: po’ più. Stai ascoltando Controradio. Controradio

Speaker 7: FM Dab

Speaker 1: streaming social web. Condividila con chi vuoi. Questa è Controradio. La Città dei lettori, leggere cambia tutto. Dal cinque al nove giugno a Villa Bardini a Firenze, il festival che mette al centro I lettori e il piacere di leggere.

Venerdì sette incontro con la cinquina dei finalisti del premio strega che dialogheranno con Chiara Brilli di Contro Radio. Info sulla Città dei lettori punto it. La Città dei di sforza. La città dei elettori è un progetto di fondazione CR Firenze e

Speaker 0: associazione e

Speaker 8: uno dei festival dell’estate fiorentina duemila ventiquattro alle prossime elezioni comunali a Firenze c’è una sola grossa novità ed è Firenze Democratica. Io sono Cecilia del Rey e mi candidò come sindaca per portare aria fresca alla nostra città Perché non sono le idee che paralizzano le città, sono le persone. L’otto e il nove giugno barrate il simbolo di Firenze Democratica. Insieme costruiremo una città davvero

Speaker 5: democratica, partecipata e per tutte e tutti. Messaggio elettorale autogestito, committente responsabile, analisa Ristori. Messaggio elettorale

Speaker 9: pagamento, committente responsabile, Giovanni Fittante. Sede russo dalla politica? Anche noi. Non rotta male il tuo voto. Scegli Anima Firenze venti trenta e al comune scrivi Fittante.

Saremo la tua sentinella nelle situazioni. Più sicurezza, tolleranza 0. Restituiamo le cascina alla città. Più cultura e un nuovo piano casa. Scopri di più su Anima Firenze ventitrenta punto ET.

L’otto il nove giugno scrivi Fittante e scegli la lista civica Anima

Speaker 5: Firenze ventitrenta con

Speaker 2: Funaro Sindaca. Firenze e anche

Speaker 5: Per una Firenze rassicurante vota a Giovanni Fittante. Messaggio elettorale

Speaker 1: a pagamento, committente responsabile Giovanni Fittante. Messaggio elettorale

Speaker 27: a pagamento, committente responsabile Niccolò Rinaldi. Sono Niccolò Rinaldi, candidato al comune con Anima Firenze duemila trenta. Per me politica non è potere o vanità ma servizio e impegno. Sono abituato a lavorare tanto e nel mondo, da Brussella, Afghanistan, a Gaza. Conosco bene I finanziamenti europei e le buone pratiche di politica per la città che a

Speaker 0: Firenze spesso non conosciamo.

Speaker 27: È un’esperienza che vorrei portare in comune con il vostro voto. Su Wikipedia puoi sapere di più su di me.

Speaker 7: Lars Rockfest presenta Arab Strap in concerto. La band sarà protagonista dell’imperdibile anteprima che si terrà giovedì 20 giugno a Castiglione del Lago. Un live pazzesco e totalmente rinnovato che ripercorre trent’anni di carriera del duo scozzese. Un tour trapassato e presente in occasione del nuovo disco. I’m totally fine with it.

Don’t give a **** anymore. Arab Strap venti giugno Rocca Medievale di Castiglione del

Speaker 0: Lago Perugia prevendite

Speaker 1: su Ticketmaster e Dice Crazy De Ma il capolavoro di Fabrizio De Andreda al vivo nell’imperdibile concerto di Moro Pagani il quindici luglio a Fiesole nell’ambito dell’estate Fiesolana duemilaventiquattro a quaranta anni dall’uscita un concerto speciale dedicata a uno dei migliori dischi italiani di tutti I tempi. Coautori dell’album con l’indimenticato Faber, Mauro Pagani presenta Cloisa De Ma, lunedì quindici luglio al teatro Romano di Fiesole. Prevendite tichetuan,

Speaker 0: info vuvu punto estate fiesolana punto it Controradio

Speaker 1: Gen Z on the road, Controradio e TIF in diretta dai luoghi frequentati dai giovani a Firenze. Dall’appostazione mobile di Controradio TIF. Chiara Brilli, Leonardo Margarito e Camilla

Speaker 0: Coger realizzeranno un ciclo

Speaker 1: di trasmissioni con ospiti, interviste e contributi audio-video sui temi della vivibilità, della sicurezza, del divertimento, del diritto allo studio e dell’habitare. Partecipa anche tu a Gen Z On The Road, il venerdì dalle 8 alle 9 dal vivo e sui canali cross-mediali di Controradio e Tifo. Venerdì 7 giugno, Polo Scienze Sociali di Novolia.

Speaker 0: E

Speaker 21: Ottant’anni fa lo sbarco in Normandia data molto importante e potentamente simbolica anche in vista di queste elezioni europee. Abbiamo sentito prima nello spot Gen Z domani mattina dalle otto alle nove proprio a Novo lì al Polo delle Scienze sociali proprio in via delle pandette per far parlare I giovani per sentire finalmente le loro voci però andiamo subito dal professor Carlo Sorrentino risalutiamo e ringraziamo. Buongiorno

Speaker 28: professore, buongiorno, ben trovato

Speaker 21: a lei. Buongiorno, buongiorno a tutti voi. Che per noi il il il il preside di Scienze Politiche però adesso come si chiama direttore della Scuola

Speaker 28: di Scienze Politiche

Speaker 21: sono cambiati nomi.

Speaker 2: Presidente presidente. Presidente. Presidente. Allora si accenderanno le luci una vera e propria notte bianca, luci elettorali, politiche, riflessioni sul futuro dell’Unione, tutto questo domenica a Novoli, organizzata appunto dalla Scuola di Scienze Politiche Cesare Alfieri che diciamo dal settembre del duemila ventidue in occasione delle elezioni politiche ha inaugurato questa notte bianca elettorale. Come si aprirà?

Speaker 28: Cosa succederà domenica sera professore? Ma sì, riplichiamo visto il successo della notte di settembre

Speaker 0: ventidue replichiamo più o meno lo

Speaker 28: stesso modello nel senso che dalle nove alle undici ci saranno vari colleghi e anche studenti. Quest’anno abbiamo coinvolto anche un po’ di studenti che presenteranno delle schede su queste lezioni e dopo le undici commenteremo come voi potrete immaginare, essendo peraltro due alferini. Sapete bene che qui ci sono competenze che hanno anche a vedere un po’ con tutte le politiche europee e anche con le prospettive diciamo degli altri paesi. Quindi cercheremo di fare il punto anche ovviamente attraverso gli ex poll su quello che sta succedendo non soltanto in Italia ma negli altri paesi poi con collegamenti in diretta EEE anche grazie poi alle proiezioni che ci fa il centro italiano di studi elettorali che è attivo qui presso il nostro dipartimento. Quindi diciamo l’idea è fino verso le due di notte di ragionare un po’

Speaker 21: tutti insieme su quello che sta accadendo. Questa è un’iniziativa che mette come dire a disposizione della città le grandi competenze presenti all’interno del mondo universitario e che vuole andare come dire proprio da statuto in controtendenza rispetto alle cose che si dicono sulla disaffezione e farlo diventare anche un appuntamento popolare tra virgolette cioè un posto dove andare per chi è curioso di vedere le cose non lo fa a casa sua per

Speaker 0: I fatti suoi.

Speaker 28: Per cui una bella controtendenza. Un po’ è un po’ è un po’ è un po’ questa. L’altra volta la cosa che ci sorprese non soltanto di trovare tantissimi studenti che di domenica sera venivano all’università per ascoltare quello che gli si proponeva ma anche tanti cittadini, tanti residenti. Immagino soprattutto qui del popoloso quartiere di Novoli che vennero a curiosare. Insomma bisogna vedere, come sappiamo bene queste sono lezioni quelle europee che attirano meno, bisogna vedere se ci sarà la stessa curiosità.

Noi ce lo auguriamo e invitiamo caldamente tutti a partecipare anche perché quest’anno poi le elezioni europee hanno un’importanza maggiore forse rispetto a tutti gli altri anni e quindi sarà una serata anche calda. Peraltro promettono che sia calda anche metodologicamente ma non

Speaker 21: ci interessa politicamente no? E invece per quello che riguarda le elezioni amministrative lei si è si è appassionato diciamo così

Speaker 2: come come l’ha giudicata questa bandiera ritturale. Chiaramonte parlava prima di elezioni campagne elettorale deprimente per quanto riguarda le europee per quanto riguarda le amministrative in particolar modo

Speaker 0: Fiorentine Sorrentino che

Speaker 28: ci dice? Ma forse un po’ meno deprimente ehm sono sempre molto più vissute sia da da ovviamente

Speaker 0: da chi

Speaker 28: si candida sia dai dai dai cittadini, dai residenti in questo caso dai fiorentini quindi ormai le campagne elettorali hanno perso il fascino di una volta perché come sappiamo più o meno siamo sempre in campagna elettorale, no? C’è questa categoria che hanno inventato I politologi di campagna permanente. Però direi che quest’anno con dieci candidati sindaci con la presenza di un candidato consentitemi di definirlo eccentrico come quello del centro destra mi pare che qualcosa di più si sia visto e sentito anche se poi sostanzialmente si pattina sempre più o meno con gli stessi slogan e con le stesse logiche.

Speaker 21: Sono usciti dei temi che sono stati fondamentali in altre campagne editoriali come in un gioco di prestigio, prima di tutto il tema del clima, ma anche il tema dei migranti che è stato un grandissimo cavallo di battaglia del almeno decennio precedente. Interessante questa cosa.

Speaker 15: La

Speaker 28: cosa curiosa è che è stato un tema sostanzialmente sì, dopo essere stato per dieci anni un cavallo di battaglia purtroppo legato soltanto o se non soltanto principalmente a questione di sicurezza poi era stato un po’ rimosso no? Da quando c’è il governo Meloni era stato un po’ rimosso ed è stato improvvisamente riproposto in campagne elettorale sì perciò dicevo poi alla fine si patina sempre

Speaker 26: allo stesso

Speaker 0: modo, in essenza alla

Speaker 28: fine ci sono degli evergreen, insomma. Ma a me piacerebbe che di migranti si parlasse anche nel vero senso che varrebbe la pena parlare. I migranti sono in un paese, in un continente che è in vecchia, torniamo così all’Europa, I migranti sono una risorsa. Ovviamente vanno gestiti I flussi e non con I click day e con tutte le buffonate che la vostra finica ci costringe a fare. Mi piacerebbe che si parlasse seriamente di migranti che è un grande tema, è un tema anche problematico indubbiamente, non è un tema che si possa andare a conleggerlo ma per ora vede soltanto tantissima speculazione politica o anche tanta come dire paura di affrontarlo una

Speaker 0: visione che sia un

Speaker 21: po’ più complessa e completa. No infatti Stiamo parlando per quello che riguarda l’ultimo anno di di di ventuno mila persone arrivate in Italia le cifre risibili rispetto agli scenari di invasione disegnati degli anni scorsi e rispetto a a possibili cambiamenti anche per cambiamenti climatici che potremo avere

Speaker 2: prossimamente ma di questo parleremo in altra sede. E allora appuntamento dalle ventuno via delle pandette nove edificio di cinque del campus delle scienze sociali tutto questo domenica sera per la notte bianca elettorale all’università di Firenze grazie alla presidente professor Paolo Carlo Sorrentino ben trovato e

Speaker 28: grazie per essere stato

Speaker 0: con noi. Grazie a voi, grazie a voi. EEEEEEEEEEEEEE no no no no no no no no no EEEEEEEEE alla radio.

Speaker 8: Ci sentite? Tif alla radio.

Speaker 11: Voce e

Speaker 2: temi dal canale video di Controradio. Andrea Montigiani quest’oggi per una finestra di Tif alla radio, canale video

Speaker 0: This is Florence.

Speaker 29: Ben trovato Andrea, buongiorno. Buongiorno

Speaker 21: Chiara, buongiorno a voi. Beh la questione del come si vota è una questione importantissima anche per evitare di vorrei dire già parliamo di astenzionismo perché se chi va a votare sbaglia anche a votare la questione si fa ancora più complicata.

Speaker 29: Su questo avete fatto un bel lavoro Andrea. Sì sì diciamo che stiamo cercando di ridurre questo ascensionismo e dare importanza alle elezioni europee perché comunque sono sono importantissime. Lo facciamo con I nostri mezzi, quindi con I nostri su su Instagram e TikTok e con un carosello apposito che abbiamo fatto appunto domenica scorsa per un po’ un’istruzione

Speaker 2: per l’uso, ecco, su sulle lezioni europee. Spesso avete usato questo termine carosello che gli utenti di di di Tiff conoscono ma alla radio cosa significa?

Speaker 29: Cosa? Che strumento è di comunicazione? Il carosello è uno strumento che differentemente dai video dai ril dalle storie le storie vanno e vengono durano ventiquattro ore il carosello è una raccolta grafica per punti per pagine quindi per slide in cui si fa si possono raccogliere grafiche, dati, analisi e sono sicuramente più didascaliche quindi è più facile magari anche memorizzarle e andarne poi a rivedere nel tempo quindi è una cosa che uno si appunta si può salvare e si può riguardare anche anche più avanti In

Speaker 21: questo caso direi che è proprio lo strumento migliore. E infatti in questo momento anche un certo di rascalismo con delle schede, delle cose molto chiare per come votare

Speaker 29: alle europee è è è indispensabile Andrea sì Sì sì sì partiamo un po’ dal dal presupposto che giusto per per essere chiari partire dal generale. Andiamo a votare sabato e domenica. Seggi aperti dalle quindici alle ventitredi sabato e dalle sette alle ventitredi domenica. Poi una cosa importante è che in Toscana a Firenze noi votiamo sia per le amministrative che per l’Europa e quindi anche lì c’è da capire quali qual è la scheda in cui si va a andare a votare e questo dipende dalle ehm circoscrizioni differenti e sono cinque in Italia quindi noi siamo la circoscrizione centro e avremo la scheda elettorale quindi la scheda per votare alle europee di colore fucsia quindi non ci aspettiamo la scheda blu perché uno pensa all’Europa la scheda blu, scheda blu sarà per quelle per le comunali, quella fucsia invece sarà per per l’europee. E ovviamente soliti quando si va a votare bisogna ricarsi al proprio seggio a cui si è iscritti è indicato sulla propria tessera elettorale bisogna aver compiuto diciottanierità ed essere cittadini italiani o dell’Unione Europea e e come si vota?

Si vota in maniera proporzionale si vota tutti in maniera proporzionale in in Europa e e si vota mh assegnando dei seggi in modo da assicurare di a diverse liste un numero di posti proporzionali a voti appunto ai voti ricevuti. Non esiste il voto disgiunto quindi non si può votare una lista e un candidato diverso ma si quindi si si dovrà votare

Speaker 0: la lista

Speaker 29: all’interno della lista il candidato con una X sul simbolo appunto che vogliamo scegliere per esprimere il voto quello insomma è la preferenza appunto accanto al simbolo

Speaker 4: Le preferenze si

Speaker 29: scrivono si esprimono ovviamente con nome e con nome o semplicemente il cognome nel caso di due o tre preferenze espresse in questo caso devono essere bisogna indicare I candidati di sesso opposto altrimenti si annula la scheda. La seconda e la terza preferenza, scusate, si annullano. Quindi nel caso di una preferenza un genere sessuale, quindi

Speaker 0: o un

Speaker 29: uomo o una donna, il

Speaker 2: caso in caso di due o tre

Speaker 29: preferenze bisogna

Speaker 2: votare applicare l’alternanza. Ecco. Andre Montigiani. TIF ha un pubblico principalmente di giovani, un target davvero importante in generale ma essenziale anche per questa mobilitazione di carattere elettorale e che tipo di feedback avete avuto di magari domande o commenti da quando c’è questo ehm prodotto informativo che avete fatto circolare

Speaker 29: in termini proprio di informazione di servizio Allora per

Speaker 13: quanto riguarda proprio a stretto giro

Speaker 29: il carosello di cui parliamo, c’è stato anche qui un certo astenzionismo, nel senso che non abbiamo avuto commenti ma non direttamente. Indirettamente le persone ci chiedono appunto indicazioni su sul voto, su come si vota su su questa modalità che di cui parlavamo adesso, quindi del voto disgiunto, piuttosto del del capire appunto il colore della scheda, del capire quali sono I gruppi, perché ci sono sette gruppi e non si, diciamo non si vota per affinità di partito, ma per affinità politiche. Quindi sono tutte cose che le persone ci hanno scritto magari privatamente e non e non sotto il carosello. Questo credo intuisco anche per come dire

Speaker 0: una certa ehm come dire?

Speaker 29: Aver paura insomma di di fare figure figure figurate come dire? La la domanda è sempre lecita però esprime un dubbio e fa vedere che si è dubbiosi. Quindi in questo caso credo che ci sia stato un astensionismo di questo genere.

Speaker 21: Andate su Tiff, sui nostri social, su Instagram, andiamo tutti I geni. Grazie anche a te, a prestissimo.

Speaker 29: Grazie a voi. Buona giornata.

Speaker 8: RIF alla radio, ci sentite?

Speaker 0: E’ il giudizio degli altri E’ una nebbia cattiva Come un’ombra che striscia piano piano dentro te oh ed eludere un padre un grido in fondo al silenzio nella prigione di un corpo che non è

Speaker 21: quello che sei dopo I fasti meritatissimi l’estata l’amando di Dio purtroppo Paolo Sorrentino non ha replicato con partenope a canne ma vediamo come è andato in festival

Speaker 2: non potremmo resistere non potremmo resistere

Speaker 0: mi

Speaker 2: ha scappato Paolo Sorrentino per il professor Carlo Chissà quante volte si sarà sentito chiamare così ma questo la dice lunga su come arriviamo a questa fine di campagna elettorale che poi non si sa se il fine se il fine sarà però parliamo di cose serie. Qui bisogna allestire un impianto da reazione a modo perché frazzanzare e

Speaker 21: caldo questi giorni

Speaker 2: che in cui l’anticiclone si scaglierà sul settimana elettorale insomma le nostre dirette

Speaker 21: saranno particolarmente sofferte anche da questo punto di vista. C’è un anticiclone su Controllo Radio, non ce legge nessuno però ci seguono le

Speaker 2: nostre ascoltate e I nostri ascoltatori. E se e se a TIF sono arrivati messaggi per richieste, domande su questa campagna elettorale figuriamoci a redazione che oggi ce l’ho controllato.it ai rispettivi contatti. Insomma è stata dura, è stata lunga ma siamo con voi sulle nostre

Speaker 21: frequenze, sui nostri cadani cross mediali naturalmente. Continueremo a farlo anche nel corso della giornata. Sono due giornate di chiusura della campagna elettorale. Vi riferisco soprattutto alle amministrative ma non solo. Anche all’Europa e ve le racconteremo.

Poi avremo il silenzio elettorale già da domenica sera con Popolare Network potremo avere tutte le anticipazioni sulle europee, poi da luce di mattina naturalmente tutti I dettagli sulle europee, sulle amministrative in Toscana e in Italia con collegamenti in diretta non perdete agenzie domani dalle otto alle nove mi raccomando chi va a Novoli domani? Tenga presente questo appuntamento estremamente bello, importante, interessante che riguarda questo famoso mondo giovanile, giovani di tutti che parlano, tutte le volte che si organizzano avvento ma dobbiamo coinvolgere I giovani. Noi ci andiamo. Bravissimi. Giovani invece di cercare di attivarli, di attivarli con specchietti per le allodole e diamo a loro parola.

Accadrà domattina, restate con noi, tra un minuto arriva il giornale radio di Popolare Network.

Speaker 0: Nebulosa una stella Come da bruco a farfalla Di un pianeta che non c’è Come trovare il coraggio Odissia nello spazio Di un cratere profondo Di quel corpo che non sei Più In un collasso di luce per una stella che nasce Dal gioco instabile di masse gelide Sognando un giorno di pace Quando un mattino di luce trasformerà la tua voce Che si rivederà in nuove densità di quell’amore che cace In un mattino di luce In un colasso di luce per ogni stella che nasce Per chi ti aiuterà e per chi ascolterà Tutto tuo amore che t’acce”

Leggi l’articolo su: ControRadio.it

Previous episode