search menu
play_arrow

WidgetWeb

News line del 06 Maggio 2024 08:00

regia 06/05/2024


Background
share close


Speaker 0: E la nuova news line la

Speaker 1: news line di Controradio

Speaker 0: l’informazione prima

Speaker 2: di tutto lunedì sei maggio iniziamo la news line di oggi otto passate da quattro minuti di nuovo un buongiorno dalla redazione di Controradio prima fascia dell’informazione locale mattutina iniziamo subito con uno sguardo alle previsioni del tempo con Matteo

Speaker 3: Rossi dall’amma a quest’oggi.

Speaker 2: Buongiorno. Sì buongiorno a tutti. Siamo preparati.

Speaker 3: Sappiamo che andrà a peggiorare se non erro Rossi. Sì, peggioramento atteso per domani, oggi ancora una giornata discreta, un po’ di nuvolosità in transito, c’è la possibilità di isolate e piogge sull’Appennino Pistoiese ma insomma a parte la regione non sono previste piogge, le temperature oggi ancora gradevoli intorno ai venti, ventidue, anche ventitré, ventiquattro gradi sulle zone più interne della regione domani arriva questo peggioramento, area più instabile che porterà delle precipitazioni sparse su gran parte della regione e anche le rovesce temporali poi dopo in realtà fra mercoledì e giovedì poi migliora il tempo anche piuttosto rapidamente resido in stabilità mercoledì ma poi ecco il tempo ma

Speaker 2: il tempo va al sud Italia ecco quindi. Ecco quindi non ce lo portiamo dietro come

Speaker 3: strascico per tutta la settimana

Speaker 0: diciamo.

Speaker 2: No paio di giorni ecco diciamo al marzo. Va bene va bene. Intanto una buona notizia per questa inizio settimana lavorativa grazie a Rossi, poi ci risentiremo con il LAM per sempre maggiori particolari nel corso dei nostri appuntamenti ma anche con

Speaker 0: Jimmy Tranquillo, breve pausa pubblicitaria

Speaker 4: e poi torniamo in Newsline Invasioni, eventi e performance sul tema della guerra con

Speaker 0: Riccardo Mencini,

Speaker 4: Arturo Galanzino, Ugo Nespolo e con Patrick Zaki, padre Bernardo, Ginevra Di Marco, Francesco Magnelli, Giorgio Van Straten, Fulvio Cauteruccio, Peppe Voltarelli e moli altri. Invasioni è un’iniziativa del Gabinetto Viesse con fondazione Palazzo Strozzi in occasione della mostra Angeli caduti di Anselm Kiefer. Giovedì nove maggio dalle diciassette alle ventitre nel cortile di Palazzo Strozzi a Firenze. Ingresso libero.

Speaker 1: Diretta su Controradio dalle venti. L’odio il film caldo e novanticinque in bianco e nero di Matteo Cassovitz premio migliore Gia Akan. Dall’undici al sedici maggio torna sul grande schermo alla compagnia in versione restaurata in quattro cappa in lingua originale sottotitolato. Il film che per primo ha raccontato le bagnie parigine tra povertà, pietizzazione e scontri con le forze dell’ordine. Ispirato alla reale uccisione di un ragazzo da parte della polizia parigina, l’odio è ancora oggi un film manifesto sul disagio e la violenza

Speaker 5: nelle periferie del mondo. Info Cinemalacompagnia punto it. Sono aperte le iscrizioni ai corsi di istruzione e formazione professionale in partenza a settembre grazie al Fondo Sociale Europeo Plus la Regione Toscana promuove per corsi triennali gratuiti per giovani con meno di

Speaker 0: diciotto anni, lezioni in

Speaker 5: aula, laboratori, stagio in azienda per ottenere una qualifica professionale ed entrare subito nel mondo del lavoro. Grafica, commercio, ristorazione, benessere e molto altro. Scopri di più su regione.toscana.it slash formazione, iniziativa nell’ambito del progetto Giovani Si. Cereali resilienti 3.0, dal semi al piatto, il progetto PSR Toscana di rete semi rurali sabato undici maggio dalle dieci presso il bar di Baratti l’azienda agricola Sanagricoltura organizza il secondo di cinque momenti di assaggio e valutazioni dei prodotti con degustazioni di pane, pasta e birra ottenuti da frumenti tene, erituri e monococchi provenienti da popolazioni locali. Prima della degustazione un’introduzione sulle popolazioni evolutive e sulla loro importanza nel futuro che ci attende.

Per tutte le info scrivi a Info Chiacciola Semirurali

Speaker 0: punto net contro radio

Speaker 2: veniamo alle notizie uno sguardo alle principali notizie di Cronaca soprattutto che ci portiamo dal fine settimana uno sguardo ai giornali al nostro sito Controradio punto it dove trovate da apertura e riepilogo complessivo di quanto è accaduto ieri a Volterra dicevamo il crollo di una porzione di mura intorno alle dodici foto che ritrovate anche su Repubblica ombuato crolla parte delle mura a Volterra ferita una donna. Perché vi ho detto che siamo stati tra I primi a darne notizia? Perché sono arrivata lì cinque minuti dopo il crollo e e effettivamente la vista di questa ventina di metri di mura venute giù improvvisamente come fossero davvero ehm ehm friabili ecco ha generato paura, spavento, preoccupazione oltre che a disagi per quanto riguarda il traffico bloccato sulla provinciale quindici in entrambe le direzioni e soprattutto si temeva che ci fossero persone sotto quindi sotto le macerie. Fortunatamente solamente una donna è stata ferita di rimbalzo rispetto a una pietra che appunto l’ha sfiorata non ci sono state poi sono state coinvolte anche unità cinofile, altre persone coinvolte, tre famiglie evacuate perché naturalmente si temeva per cedimenti soprattutto per quanto riguarda le abitazioni soprastanti ma il sindaco ha rassicurato ehm tutto tranquillo da questo punto di vista due famiglie sono rientrate nelle loro abitazioni un’altra ospitata in una struttura del comune insomma ci sono però molte riflessioni da fare sulla tenuta la staticità, la resistenza, l’impatto delle piogge, delle precipitazioni sulle accinta murari a di Volterra, l’ultimo episodio la frana che avvenne mh il trentungenaio duemila quattordici venne giù un tratto di circa trenta metri, aveva ceduto anche la sede stradale ed erano state evacuate delle abitazioni.

Fu ricostruito in nove mesi grazie a un intervento milionario di regione e governo. La frattura di oggi è ampia, una ventina di metri, ha spiegato il sindaco, quindi più ridotta rispetto a quella di dieci anni fa ma la situazione è più complessa perché dal punto di vista del contesto cittadino ha un impatto maggiore. Secondo le prime stime ci sarebbero danni per almeno due e tre milioni di euro. Il cedimento potrebbe anche in questo caso essere stato causato dalle piogge degli ultimi giorni anche se ancora presto per fare delle ipotesi certamente quanto accaduto ribadisce il singa cosciente ci rivela la fragilità della nostra cinta muraria sulla quale è necessario aprile una riflessione. Sui nostri canali social potete vedere anche sulle nostre storie Instagram e Facebook ma anche sulla pagina contro Radio Firenze video relativi a quanto accaduto ieri a Volterra.

Altre notizie la riprendiamo da repubblica di taglio alto, le ecografie neambulatorio dal medico di famiglia, la regione stanza a due milioni di euro per acquistare I primi macchinari e fare gli esami direttamente nello studio del dottore. Sempre per accorciare le attese si lavora sulla riduzione delle prescrizioni inutili, apparecchiature di diagnostica per I medici di famiglia, anche una spinta per l’appropriatezza, cioè per ridurre le prescrizioni di visite ed esami inutili da parte dei professionisti, mentre a Roma il ministero discute di un prossimo decreto sulle liste di attesa. La nazione dedica il taglio alto alla cronaca delle spaccate, l’incubo emigra a Rifredi come localizzazione degli ultimi episodi che si sono verificati, ancora un furto con danni in piazza Dalmazia, la banda del Tombino prende di mira un altro quartiere dall’isolotto a Careggi dunque la geografia della micro criminalità che si sposta lungo I binari della Trambia. Questo per quanto riguarda le

Speaker 0: notizie che riprendiamo dai giornali di oggi. Oh, I love you, you beat me, say hi Oh, I love you, you beat me, say yeah I’m telling you why The time I’ve been gone I’ve been struggling alone Keeping all of my demons to myself I’m saving my place For that heavenly place To the sun I will sing you my song EEEEEEEEEEEEE Ah ah ah ah, ah ah ah ah Never coming back Ah ah ah ah, ah ah ah ah Never coming back All those beautiful people say Hey All those beautiful people say Hi All those beautiful people say Yeah I’m telling you high non è mai venuta tutte le belle persone dicono tutte le belle persone dicono tutte le belle persone dicono io ti dico tutto è stato per iniziare un nuovo solo una amica in vento si può scegliere c’è il craccio del cielo e la luce da sotto e quattordici minuti

Speaker 2: alle otte e quattordici minuti entriamo in punta dei piedi, imbuttiamola in politica, la rubrica di commento, analisi verso le amministrative con Tommaso Ciuffoletti che sentiremo tra poco ma apriamo dandovi subito conto di un contributo audio, quello della candidata sindaco d’Italia Viva Stefania Saccardi perché oltre a venire nei nostri studi il due maggio scorso gli ultimi giorni sono stati proprio quelli in cui diciamo la Italia viva dalla sua componente appunto di candidata alla corsa sindaco ma anche lo stesso leader Matteo Renzi sono stati al centro della cronaca politico elettorale Ciclone Renzi spinge Saccardi, l’unica figura competente al ballottaggio vincenti o decisivi. Lidera di Italia Viva suona la carica dal giardino delle serre torrigiani leggiamo dalla nazione. Ieri c’è stata l’inaugurazione del comitato elettorale della stessa Saccardi sentiamola dunque in questo stralcio delle sue dichiarazioni.

Speaker 6: La lista che noi presenteremo si chiamerà al centro con Saccardi sotto e all’interno ci sono I simboli delle formazioni politiche che mi sostengono e che naturalmente ringrazio Italia Viva, il Partito Socialista, I Lib Dem, ma è al centro con Saccardi perché in una campagna elettorale intanto che si cerca di polarizzare molto tra Schmidt e Sara Funaro, io credo che ci sia uno spazio importante al centro, un centro che è un centro di corpista, che è un centro che guarda avanti, un centro che non ha paura di dire che le infrastrutture in questa città vanno realizzate, che sono un elemento di sviluppo a partire dalla nuova pista dell’aeroporto, dall’alta velocità, dal completamento della Rete delle Gran Ville, ma un sviluppo, una crescita che non dimentica nemmeno che resta indietro. Non a caso buono e tutti I fondamentali del nostro programma è un piano casa reale per dare una risposta amicativa sia a chi è in vista d’attesa degli alloggi popolari sia a quella fascia grigia

Speaker 0: che non riesce

Speaker 6: a trovare un alloggio a prezzi sostenibili e anche avendo un lavoro e un’attività. Se fosse stata in continuità avremmo sostenuto Sara Funatti che è la candidata della continuità con questa amministrazione culturale. È una candidatura che si pone nell’ambito dei valori e della storia della tradizione centrosinistra ma che è in totale discontinuità con questa amministrazione. Non a caso, io spesso dico, si può cambiare squadra senza cambiare campi, quindi quello che noi proponiamo è una candidatura che resta nell’ambito del centro sitiso, che è peraltro la parte della mia storia, della mia tradizione, ma che guarda appunto a questo centro che vuole raccogliere tra parte ancora il riformista del Partito Democratico e di tanta gente che non si riconosce in questa amministrazione ma che non vuole votare a destra Aike Schmidt, che si presenta come candidato cimico, ma che in realtà è preso sempre per mano da Donzelli e Marcheschi, quindi è una candidatura fortemente contrasegnata dal sostegno di Fratellini. Sono convinta di riuscire ad andare al secondo turno, di arrivare al secondo turno.

E poi da che parte ci schiereremo, quale saranno le scelte che faremo al secondo turno, lo decideremo dopo il primo turno, se per caso non fossimo forza di farlo all’attaccio. Ederanno tante cose per tanti aspetti dal risultato elettorale anche e dal perlifuzione che riusciremo ad avere. Quindi

Speaker 2: sarà un tema che decideremo successivamente. Otto e diciotto minuti Stefania Saccardi candidata sindaco di Italia Viva, l’abbiamo sentita in questo contesto, in questo brusio da partecipazione inaugurale rispetto al proprio comitato elettorale ma dicevamo il giorno prima ehm a tenerla insomma a sostenerla e a fare il punto sulla corsa anche per Firenze lo stesso leader di Italia Viva dalle serre Torri Giani diamo il buongiorno, imbuttiamola in politica

Speaker 0: al nostro Tommaso

Speaker 2: Ciuffoletti, ben trovato. Ciao buongiorno Chiara. Tommaso partiamo dal centro perché il centro è stato al centro, scusa, il gioco di parole di queste ultime ore di cronaca politico elettorale. Insomma, rispetto a un’assenza ehm di partecipazione e di dichiarazioni lasciando fare un po’ alle stilettate ai che Schmit sarà Funaro Stefania Saccardi entra adesso insomma scalda I motori in questa campagna elettorale e lo fa con con lo stesso Renzi. Ecco ti sollecito subito su una dichiarazione di Renzi che in qualche modo ha tenuto a sottolineare nessun problema con Schmitt e con Funaro a tutti e due abbiamo dato qualcosa perché appunto in questa conferenza stampa di sabato pomeriggio ha ricordato come il suo governo avesse chiamato Schmidt

Speaker 0: per fare

Speaker 2: il direttore degli uffici e che Sara Funaro era cresciuta con la lista Renzi nel duemilanove quindi nessun problema con loro forse di più con Nardella però rilanciano su una candidatura che ritengono e che ritiene lo stesso Renzi vincente

Speaker 7: per Firenze Saccardi. Cosa ne pensi? Sì che era in modalità pippo baudo Renzi, no? Quello ho inventato io, l’ho inventato io tutti due fatti piuttosto piuttosto veri, la nominal di Schmidt che però si era probabilmente avvenuta anche a dove non ci fosse stato Renzi al presidente del Consiglio e sì che le prime esperienze poi che di Funaro sono state effettivamente ricco da lista Renzi era era un momento diverso da un Renzi diverso però esatto se ormai ti chiede nella sindrome di Pippo Baudo e non hai l’età di Pippo Baudo

Speaker 2: io qualche domanda me la farei fossi in Renzi. Ecco si può cambiare squadra senza cambiare campo ormai lo slogan che abbiamo sentito ripetere da Stefania Saccardi un campo però che in questi giorni abbiamo visto anche fra le varie ipotesi nel con il ballottaggio magari nel secondo turno possibilmente anche proiettato verso il centrodestra, cellà ai fratelli d’Italia, al coordinatore cittadino ha avanzato questa

Speaker 0: ipotesi,

Speaker 7: insomma non è stata esclusa Tukur diciamo. No no, scusa Tukur no anzi viene sottilmente paventata nel gioco di un possibile appunto mh una possibile trattativa post primo turno avere questo tipo d’atteggiamento di permettere alzare la posta quindi del tutto comprensibile poi fatica a immaginare che realmente si possa dare il caso di. Ma sai con Matteo Renzzi se ti mette a giocare al tavolo di questo tipo di partite sai sempre che parti con un certo svantaggio perché davanti uno è veramente bravo. Il motivo per cui molto probabilmente in otto I capri di notte sarebbe stato sciocco risolvere questa questione prima così come sarebbe stato più intelligente evitare l’uscita di del re insomma I due I due problemi più spinosi a livello elettorale di qui alle alle prossime elezioni il PD se li ha creati da sé quindi come dire complimenti a loro e adesso come uno usa dire siamo capoli vostri e sperate che vi vada tutto liscio al primo turno perché sennò al secondo c’è da mettersi a sedere con gente

Speaker 2: che ha questo tipo di giochi insomma ha una accettabilità. E però però leggiamo dalla nazione oggi da Domenici a Renzi fino a Nardella al bottino eterno del centro sinistra. Dov’è lezione cento diecimila voti o giù di lì. Dunque ad ogni tornata elettorale che sia stata quella Domenici Scaramuzzi, Domenici Valentino, Renzi Galli, Nardella Stella o Nardella Bocci, l’ultima del duemila diciannove c’è un bacino sicuro insomma che il centrosinistra è in cassa a Firenze praticamente sempre gli

Speaker 0: Ecco questo tipo di analisi io

Speaker 7: le sento fare spesso anche con buoni spunti di argomenti ovvero no, Firenze è una città che ha proprio strutturalmente dei bacini di voti che si orientano molto anche in legame al fatto che questa città ha il Comune, la Resone, una serie di uffici pubblici, questi… Poi sono riflessioni che a me mi lasciano sempre piuttosto preso, però non basta. È vero che al diminuire generale della partecipazione al voto lì c’è una certa costanza di ritorno, se sia per degli interessi che si legano all’espressione del voto, cosa che non dovrebbe essere, se almeno si tratta di interessi del tutto legittimi, questo non lo so dire, c’è, però questo dato c’è, c’è anche chi ci si affida con ragionevole certezza, secondo me è innegabile che I numeri in fondo hanno la testatura ed effettivamente quelli sono ecco che ci si debba affidare sempre solo di quelli più che delle proposte che accompagnano e sostengono il fatto che quei numeri si riconfermino non è non è diciamo il miglior viatico per un

Speaker 2: futuro luminoso di cambiamento spendore per la città. Intanto diciamo entriamo praticamente questa settimana nell’ultimo mese di campagna elettorale soprattutto è l’ultima settimana, gli ultimi giorni per la raccolta firme, per la presentazione delle liste, la definizione degli accordi, il vodamia diamanti su Repubblica sottolinea come tra I cinque stelle cresce la voglia di campo largo ma questo campo largo ancora non si è visto

Speaker 7: e c’è un countdown davvero alle porte ma io sui Cinque Stelle poi mi devo mordere sempre la lingua perché non avendo mai avuto grande simpatia per il movimento di Grillo, avendo neanche meno per quella di Conte ma questo appunto è un bias tutto mio poi al netto del mio

Speaker 3: del mio punto di vista c’è un dato di

Speaker 7: fatto che ad oggi se c’è un movimento politico che ha una certa allianza a livello nazionale che ancora su Firenze non ha dato prova ad essere presente è il movimento 5 stelle che è cercato da Montanari e non trovato. Si dice in accordo col PD da Roma per poi mettersi tutti insieme ma ad oggi siamo lì a far sentire niente secondo me qualunque soluzione arrivasse ad oggi non sarebbe la soluzione che insomma come dire che porta lustro a questo movimento quanto meno a livello locale ecco non non non ti fa venire voglia di dire oh andiamo a votare questo bel movimento cinque stelle

Speaker 2: dovunque andasse a colloca e diamo ora invece alle otto e venticinque abbiamo un ultima trance di trasmissione, uno sguardo anche ai tanti candidati civici minori o comunque senza coalizioni alle spalle. Saranno I protagonisti di questa settimana di tutti al voto? Da domani De Giuli per Firenze rinasce, Asciuti per Firenze Vera, Zini per Firenze Cambia mi verrebbe da fare una lista

Speaker 0: anche a me Firenze Brilla non so cosa ne pensi Tomaso. Sì. Sì. Poi il doppio il doppio

Speaker 2: significato di

Speaker 7: Brilla che gioca su questa amiguità tra l’essere quasi brilante e un pochino alticcio a

Speaker 0: me almeno per uno

Speaker 2: troppo tardi. Troppo tardi. Rimaniamo a quelli che ci sono. Come valuti questo pullulare di candidati che corrono intercettando esigenze porzioni di città e di disagi che non sono state magari raccolte dal dai grandi insomma dalle grandi coalizioni, l’ultima anche ecco ribella, abbiamo intervistato Francesca Marrazza che viene dalla realtà di proteste della zona di Campo di Marte per esempio,

Speaker 7: l’ultima in ordine di arrivo. Sì esatto, c’è

Speaker 8: la la la Campo di

Speaker 7: Marte che è il quartiere dove dove sono nascosto, riusciuto e vivo che ha che ha espresso che di fatto poi è una roba molto legata a Campo di Marte, anche le proposte che portavanti riguardano molto Campo di Marte, no? Alla tromba di Assordiale dei Mila, quindi insomma il movimento iper localistico che ti lascio un po’ perpresso poi nell’ambito della di una di una lezione comunale. E poi insomma almeno credo un paio di movimenti legati di liste, legate ai movimenti no green pass, no vax o comunque quell’area lì, che anche lì due, perché uno non bastava. Anche lì sono tutte cose che vedendole da fuori più che andare a cercare a intercettare qualcosa che non viene rappresentato dagli altri partiti. In un certo senso il caso dei Novaks potrebbe essere in questo senso ma mi pare che ormai quella vicenda sia messa alle spalle e voler insistere su quel, come dire, sul portato di quella vicenda politica che già aveva filiato a livello nazionale una serie di liste e movimenti da cui, che si erano tra loro frammentate, mi ricordo un periodo c’era da Marco Rizzo a Paragone, che si erano tra l’altro politici, gati fra di loro, qualcuno è stumiso anche il periodo, se non sbaglio, in tribunale per questioni di loghi, ecco, riproporle anche a livello locale, oggi nel duemilaventiquattro fa un po’ più, un po’ più che sorridere, però come dire?

Questo è la democrazia, vedremo se poi a sorpresa magari non ti tirano fuori dei risultati. Non ci scommetterei una lira di cascamia

Speaker 2: ma se uno c’ha voglia di provare perché no. E allora siamo quasi in conclusione giusto un flash su quanto stanno puntando I candidati sulle bici, sulla mobilità ciclabile, sono molto contenta di questo perché insomma I nostri ascoltatori sono sensibili a questo tema, però da un lato l’amministrazione più che I candidati ma insomma c’era anche Funaro con Giorgio alla presentazione di Pedala Firenze Ti Premia ehm che è stata raccontata negli ultimi giorni il comune darà trenta euro al mese a chi va in bici, al lavoro o a scuola, rilancia subito del re annunciando la proposta di un chip antitaccheggio sulle bici di Firenze. È

Speaker 0: un elettorato questo su cui stanno puntando molto. Bello quello

Speaker 7: dell’antitaccheggio ti giuro me l’ero me l’ero persa ma io su quello son sensibile visto che di biciclette credo in media con I possessori di biciclette a Firenze che ne hanno rubato cinque negli ultimi cinque anni credo. Quindi un all’anno ecco questa proposta già quando me l’hai detta mi è suonata bene all’orecchio però sì dai è un tema che è decisivo quello della mobilità pubblica alternativa a quella privata su gomma no? Alla macchina. Cioè. Con cinque posti con a bordo un conducente che sta lì a chiedersi ma guarda quanto traffico nel mentre che è lui il traffico.

Questo no? È il disegno che tutti abbiamo in mente. La bicicleta per tutti coloro che hanno modo di ovviamente c’è una parte di popolazione che invece purtroppo è esclusa per ragioni fisiche, no, dalla possibilità di muoversi, bcdetta, è assolutamente un mezzo praticabile per una città come Firenze che ha le dimensioni di Firenze, quindi spingerci il sacro santo ogni proposta ben accetta dal, come dire, incentivarlo finanziariamente, nel mio caso ben venga perché io ci vado sopra affare centometriche, ecco, forse magari è dove l’incentivo economico andrebbe tarato sulle reali, come dire opportunità che può generare, però ecco è un’idea, è una proposta poi va vista nel concreto l’antisaccheggio altrettanto intelligente anzi se fa collezionassero questa serie di proposte per poi accoglierle tutte laddove ovviamente addiano

Speaker 0: senso per me ne venga

Speaker 7: solo di

Speaker 8: guadagno per la città.

Speaker 2: Quindi. Assolutamente. Benefondato bene chiunque. Allora sono le otto passate mh da trenta minuti tra poco la linea al GR di Popolare Network non abbiamo considerato molto Schmit ma lo faremo lunedì prossimo perché l’undici annunciato sabato presenterà la sua lista, le sue liste civiche. Dunque, ne parleremo nella prossima appuntamento di Buttiamola in politica.

Speaker 0: Grazie a Tommaso Ciuffoletti. Grazie a te, chiara

Speaker 2: e prima che squillino alle trombe vi ricordo che dopo il GR di Popolare Network l’appuntamento è con l’assessore alla mobilità di Firenze Stefano Giorgetti aspettiamo I vostri messaggi

Speaker 8: rimanete con noi Popolare net EEE

Speaker 9: ote e trentuno

Speaker 0: minuti popolare e buongiorno alle notizie buongiorno

Speaker 9: buongiorno L’esercito israeliano ha iniziato l’evacuazione della città di Raffa in vista dell’attacco di terra sulla città per ora l’ordine di abbandonare le case riguarda solo I quartieri orientali con I cittadini che vengono informati con lanci di volantini, messaggi e telefonate. I civili è stato indicato di spostarsi in una non meglio definita zona umanitaria nelle aree di Almauasi e Cangiunis che dice l’esercito comprende ospedali da campo e Tendopoli. Online è stata pubblicata una mappa delle aree che devono essere evacuate quali percorsi prendere per raggiungere le città più a nord I militari in un comunicato affermano che l’evacuazione è temporanea ma anche che progredirà gradualmente ci si attende quindi che presto vengano sgomberati anche altri quartieri non è chiaro se c’è una data indicata entro cui lasciare le aree sotto evacuazioni l’ordine è arrivato dopo una notte di intensi bombardamenti su Raffa che hanno ucciso ventidue persone tra cui otto bambini C’è un clima mai visto la RAI ha una storia di azienda occupata dai governi ma quello che sta accadendo ora non era mai successo prima questo governo sta perseguendo un progetto di riscrittura della storia e della cultura del paese a dirlo in un’intervista a Repubblica Vittorio di Trapani presidente della FNSI, la Federazione Nazionale della Stampa dove commenta lo sciopero dei giornalisti della RAI, la vigilia dello sciopero è stata assegnata dalle polemiche per via di un comunicato aziendale in cui vengono bollati come fake news le motivazioni alla base dello sciopero.

Trenta euro per la prima tornata elettorale, venti per il ballottaggio, questo è il tarifario della compravendita delle preferenze a cerco alla provincia di Napoli in occasione delle elezioni amministrative del maggio del duemila e ventitre Questo emerge da un’indagine dei carabinieri della DDA su una serie di episodi di voto di scambio settegli arrestati questa mattina tra loro la figlia di un bosser gastolano all’epoca dei fatti rappresentanti di lista una candidata legata da vincoli di al clan De Micco e suo fratello consigliere in una municipalità di Napoli. Provedimenti sono stati richiesti dalla DDA parte nopea sono stati eseguiti tra Ponticelli, Cercola e San Sebastiano al Vesuvio. La notte scorsa le forze russe hanno lanciato sull’Ucraina un nuovo attacco missilistico. Le autorità di Chieva affermano di avere intercettato quasi tutti gli ordini, non si segnalano infatti vittime né feriti, bombardamenti hanno avevano causato tre vittime ieri, giornata in cui si celebrava la Pasqua Ortodossa, le truppe russe intanto hanno rivendicato la presa di un altro villaggio nel Doniese, che la guerra in Ucraina sarà uno dei temi al centro del trilaterale in programma oggi a Parigi tra il presidente francese Emanuele Macron, la presidente della commissione europea Ursula Fonderlain il presidente cinese Xi Jinping nel suo primo tour europeo dalla pandemia del covid nei prossimi giorni Xi Jinping sarà anche in Serbia e in Ungheria.

Milaia di famiglie sono state costrette a lasciare le proprie case nel nord ovest del Kenya mentre aumenta il bilancio dei morti per le alluvioni nel paese scrive così il sito Capital News questa mattina il fiume Niando nella regione del Lago Vittoria è esondato e ha sommerso baracche, negozi, scuole e una stazione di polizia oltre a invadere l’autostrada Kisumu Nairobi, le vittime ufficiali dall’inizio delle alluvioni nel paese

Speaker 0: sono duecentoventotto con più di duecentomila evacuati

Speaker 9: tempo previsto per la giornata di oggi si avvicina all’Italia una nuova perturbazione atlantica, la giornata trascorrerà con cielo nuvoloso al nord per precipitazioni sull’alco a sull’arco alpino, scusate, più soleggiato al centro e al sud alle otto e trentacinque si conclude questa edizione la prossima alle nove e

Speaker 0: trenta grazie a tutti voi per l’ascolto e buona giornata buona giornata

Speaker 8: popolare network e non

Speaker 0: è un’altra cosa. Popolare Network

Speaker 10: muoversi in Toscana Info,

Speaker 11: aggiornamenti in tempo reale sulla mobilità nella regione.

Speaker 0: Ancora ben trovati

Speaker 11: dalla redazione di Firenze Smart in studio Agnese Fideli. Cominciamo dall’autostrada in A11, code per riabilità esterna che non riceve tra A11 Firenze Nord e Firenze Peredola e per traffico intenso tra Pistoglio e Il Bivio con l’A1 e il tutto verso Firenze. In Fibinico dei tratti tra Ginestra e Firenze Scandicci verso il Caporuoco e Coda in uscita a San Minato in carreggiata opposta. Ricordiamo che è in corso uno sciopero nazionale di 24 ore che interessa anche la tranvia e I mezzi di Atorino e Toscane. La tranvia è garantita ancora fino alle 9.30 e poi tra le 17 e le venti I mezzi di Toscane saranno garantiti nuovamente dalle dodici e trenta alle quattordici e ventinove.

Prima di salutarci per il traffico urbano di Firenze sul viadotto del ponte all’Indiano segnaliamo restringimento e traffico rallentato per incidente. Muoversi in Toscana Info è un servizio in collaborazione con il gioco Toscana, città meropolitanica

Speaker 10: in Firenze, comune di Firenze. Per oltretutto buon viaggio. Muoversi in Toscana Info, aggiornamenti in tempo reale sulla mobilità

Speaker 4: nella regione. Controradio.

Speaker 0: Buon ascolto e buon

Speaker 1: viaggio. FM novanta tre e sei novantotto e noni. Vita, morte e miracoli. La stagione è duemila ventitre e duemila ventiquattro del Teatro Metastasio di Prato. Il riformatore del mondo.

Di Thomas Bernard. Regia di Leonardo Capuano. Il scena uno dei capolavori dell’autore austriaco che con il suo stile inconfondibile ha dato vita a personaggi estremi spesso artisti e intellettuali misantropi

Speaker 5: dal sette al dodici

Speaker 0: maggio al

Speaker 5: Teatro Fabricone. Corri per Michela settima edizione domenica dodici maggio corri con noi

Speaker 0: contro la violenza alle donne.

Speaker 5: Partenza alle nove e trenta dal giardino Michela Noli in via Torcico da Firenze. Info su Corripermichela.it. Il ricavato delle iscrizioni sarà interamente devoluto al centro antiviolenza Artemisia con il contributo di Toscana Aeroporti. Art View 2024. Da sabato undici a domenica a 19 maggio alla Città del Teatro di Cascina, il primo festival dedicato alle donne nell’arte con incontri, mostre, spettacoli e concerti.

Gaia Nanni, Amanda Sandrelli, Virgilio Sieni, Teresa Salgueiro, Federico Giannini, Cristina Acidini, Manfredi Gelmetti, sono solo alcuni degli ospiti in cartellone. Scopri il programma completo su Art View Festival punto it e la città del teatro punto it. Incontri ad ingresso libero con prenotazione, con

Speaker 2: prenotazione, spettacoli in

Speaker 0: pre vendita su TicketOne. MET RAGAZZI, otto appuntamenti tra

Speaker 9: febbraio e maggio dedicati ai piccoli spettatori.

Speaker 5: Info, programma e prenotazioni su metastasio.it.

Speaker 1: Sabato 11 maggio, alle 17 al Teatro Metastasio, Sbucci, un progetto degli omini. Paure e sogni, bugie e verità, prospettive ricordi e Sbucci per restituire una visione dal basso dell’essere adulti.

Speaker 0: Sottotitoli e revisione a cura di QTSS EEEEEEEEEEEEEE Is there anybody who had a life out there? This is radio nowhere Is there anybody who had a life out there? I was sitting round a dirt dial Just another lost number in a file Then some damn dark code Just searching for a world with some souls This is radio nowhere EEEEEEEEEEEEEEE quattro minuti

Speaker 2: otto e quaranta minuti diamo

Speaker 7: il buongiorno

Speaker 8: all’assessore Giorgetti, ben

Speaker 2: trovato assessore. Buongiorno, buongiorno a tutti gli ascoltatori. Ultima settimana di informazione, ultime settimane di informazioni e confronto anche con gli ascoltatori. Partiamo da una buona notizia e tre mesi record per la Tranvia di Firenze, passeggeri saliti a nove milioni rispetto allo scorso anno. La metà dei biglietti sono dei turisti.

Le chiediamo un commento sul appunto sul riscontro positivo della fruizione del servizio ma si torna ad un problema che ci viene segnalato da un’ascoltatrice rispetto al ai festivi, cioè la tram via è veramente usata tanto soprattutto dai turisti che riempiono sin dal capolina di Villa Costanza e ehm ci sono state mandate foto di tanti cittadini rimasti a terra perché è impossibile entrare nel tram ehm a partire appunto da Federica verso il centro. Insomma le domeniche si potrà fare qualcosa per cercare di ragionare con

Speaker 8: geste per un potenziamento del servizio assessore visto appunto sì sì senz’altro sì sì sì senz’altro sì è un argomento che avevamo già affrontato e quindi ne stiamo parlando anch’io sto parlando con gli uffici per vedere appunto di intensificare le corse nei festivi perché diventa importante dare anche questa risposta perché chiaramente questo grande afflusso in qualche modo richiede ci sia un ulteriore inclemento del servizio. Fra l’altro l’aspetto che ci siano I turisti che arrivano in trambienze e arrivarono I bus in città per noi è quello che abbiamo sempre chiesto di fare perché I bus in città in qualche modo creano tutta una serie di problematiche anche sempre per il carico e poi per la ripresa dei turisti, quindi se arrivando a Villa Costanza noi lo preferiamo da questo punto di vista come anche se arrivano da Guidoni, perché anche a Guidoni torna a ripetere la possibilità dell’interscambio dei bus turistici con la Tramvia e poi lo faremo

Speaker 0: anche

Speaker 8: con la nuova tram via su sull’uscita di Firenze Sud quando sarà pronta per l’arriva da Bagnaricolo e quindi queste grosse opportunità di arrivare in città con I mezzi pubblici anziché arrivare con con I bus è questo quindi senz’altro con gest parleremo anche di questo di questo argomento

Speaker 2: l’avevamo già messo all’ordine del giorno. Bene invece sempre con gest c’è un l’annuncio di un piano di guardie giurate sul tram come effetto deterrente da un punto di vista della sicurezza d’esclusione dei giorni festivi però come valuta anche nella sua delega alla Polizia Municipale questa tipologia

Speaker 8: di sperimentazione. Guardie giurate sul tram. Sì allora questa sperimentazione l’abbiamo chiesta a noi a Jest, infatti è un accordo abbiamo fatto con Jest e con Tram per fare una sperimentazione con persone dedicate alla sicurezza, alla presenza più che guardi giù hanno fatto un concorso e un esame specifico per per la frequenza sopra sopra la Tramvia sono persone dedicate a questo con anche una formazione specifica e il progetto ora è in prefettura per l’ultimo via perché vada sia tutto come concordato, come deve essere previsto, aspettiamo ora che la risposta alla prefettura e poi partiremo e vedremo un po’ se tutto questo può essere un deterrente rispetto agli ultimi episodi che sono successi anche sopra il tram e quindi un elemento di maggiore sicurezza. Seranno delle persone che saliranno e scenderanno dal tram su tutte le linee, su entrambe le due linee e nei punti anche un po’ più particolari quindi questo darà garanzia agli usanti del tram di una presenza sul tram che

Speaker 0: comunque in

Speaker 2: qualche modo è sensato un deterrente. Ricordiamo intanto che oggi c’è uno sciopero proclamato dai sindacati di base per gli autobus anche di Autolini e Toscana e la Tramvia le fasce di garanzie sono state fino alle otto e quattordici la prima e poi dalle dodice e trenta alle quattordici e ventinove ci arriva un messaggio da Paolo sulle strisce per le bici in via le Giannotti e zona Gavinana è più di un anno che non si vedono più quando interverrà il comune per risolvere. È la questione delle

Speaker 8: mh corsie ciclabili assessore questa. Sì la questione delle corsie ciclabili perché in merito alle corsie ciclabili ci sono un po’ di problemi riferiti anche alla alla normativa. In via Lejannotti non sono state rifatte ad oggi dagli uffici proprio per questa difficoltà ma ora con la riasfaltatura via Lejannotti abbiamo visto che c’è la possibilità di poterle ridisegnare e come sapete da questa settimana poi lo diremo anche iniziano proprio le riasfaltature e con queste riasfaltature disegneremo anche le corsie cilabili poi dopo ci saranno anche I lavori della tramvia però questo permetterà per un periodo di riavere le corsi oscillabili. Ne approfittiamo con l’asfaltatura e nella regolamentazione della sosta laterale che dovrà essere appunto parallelo al marcia pieve e non perpendicolare come invece oggi viene molto spesso fatto e quindi

Speaker 2: questo permetterà di disegnarne lo social. Allora per quanto riguarda le bici diamo conto ai nostri ascoltatori che domani sarà in collegamento l’assessore all’ambiente del comune di Firenze Andrea Giorgio per parlare del progetto Pedà la Firenze Ti Premia con tutte le modalità anche per iscriversi come usufruirne e non solo avremo modo di avere nei nostri studi anche il presidente di Fiaba Firenze in bici perché la ciclabilità davvero è al centro non solo dell’interesse dei nostri ascoltatori ma anche della fruzione più sostenibile della città. Un altro messaggio per Giorgetti, ecco al tre quattro due ottantuno 0 quattro cento undici. Cosa è E a che cosa serve quella struttura enorme in metallo in piazza Isidoro del Lungo? Ora non so se le sembra un’indicazione generica

Speaker 8: o a presente assessore di cosa stiamo parlando? No no, presente di che cosa stiamo parlando? Perché è un argomento abbiamo affrontato diverse riunioni prima dell’ordinanza in un loco per poterlo realizzare è una struttura che serve per recuperare e strutturare tutto quelli immobili e quindi un intervento privato che loro inizialmente avevano chiesto di fare anche in invenienza l’edificio ma questa avrebbe creato problemi rispetto alla viabilità della piazza di 0 e lungo e comunque non tornando indietro per quanto riguarda il viale ma soprattutto anche per quanto riguarda via Rapponi in uscita dal centro e quindi il sistema che serviva per il recupero e quindi la realizzazione del cantiere della Grulabiamo concesso in uno spazio estremamente ridotto della piazza il minimo che potevamo concedere e e quindi quella specie di galleria serve per il passaggio in sicurezza sotto la parte dove ha utilizzato il cantiere. Quindi non abbiamo concesso la possibilità di il potere di intervenire il cantiere su via Capone avrebbe reato tutta una serie di problemi è sulla piazza ma quella quella specie di galleria è stata realizzata è

Speaker 2: per la sicurezza durante durante I lavori. Ecco un messaggio invece è arrivato alla redazione di Tif che seguirà la vicenda ma magari lei ci può dare già dei ragguagli. Una cittadina del quartiere quattro ha scritto ehm sotto casa attaccato alla caserma dei carabinieri di Legnaia senza avviso adeguato saranno tolti a noi civili altri parcheggi auto per mettere altre strisce gialle già esistenti. La caserma ha anche un parcheggio interno ma oggi saranno messe altri posti auto solo per loro. Già qui trovare un parcheggio a un inferno adesso peggiorerà la situazione.

È un un qualcosa di cui ha contezza, assessore o comunque si può intervenire in qualche modo rispetto

Speaker 8: a questa segnalazione. Beh in genere quando vengono concesse queste zone di sosta in prossimità delle caserne, delle tutti gli edifici militari vengono concesse sul fronte per rispondere alla norma nazionale della sicurezza e quindi praticamente potremmo mettere dei paletti, potremmo mettere anche, fare anche soluzioni diverse, però intercusa la sosta diciamo ai residenti, ma è data soltanto ai militari perché per un problema è legato alla sicurezza. Come uno può vedere in tutte le parti della città dove ci sono delle caserne in prossimità delle caserne ci sono sempre degli spazi riservati e questa è una norma legata alla sicurezza stessa dell’edificio

Speaker 2: e non è una una scelta dell’amministrazione un’anno. E allora una foto ci arriva da via il barco, è normale che via del barco sia un parcheggio libero come

Speaker 8: se non fosse dentro

Speaker 0: al parco delle cascine? Via del barco

Speaker 8: ora io non so la foto a che cosa si riferisce ma via del

Speaker 2: barco non è all’interno del barco delle cacine. No è il via lo in realtà forse è il

Speaker 8: via la foto che ci hanno

Speaker 2: mandato riguarda proprio il viale delle cascine.

Speaker 0: Viale del Pegaso.

Speaker 8: Sì forse sì. Sessore sì. Allora sul viale del Pegaso no c’è una una zona che potrebbe essere utilizzata soltanto da chi può ehm questo modo parcheggiare. Non so la la la foto a che cosa a che cosa è riferita quindi bisognerebbe cercare di essere più precisi però diciamo lì quella è una zona che ha una ZTL abbastanza vincolante però c’è da completare il montaggio delle porte telematiche proprio arrivando a via del Barco sul Novo Conte lì è già stata installata la porta ora devrà l’intersezione. Quindi una volta saranno completate queste opere sarà ci sarà la possibilità di accendere le porte telematiche della ZTL vedete che la che avremo una soluzione

Speaker 2: diversa rispetto a quella viabilità. Torniamo invece alla Tramvia perché Se non ero da mercoledì ci saranno dei lavori notturni per il segnalamento in Viale Strozi ma soprattutto anche interventi sulla pavimentazione

Speaker 0: in piazza San Marco,

Speaker 8: aggiornamenti sulla Vax. Sì. Sì anche questi sono dei lavori sempre notturno su San Marco venivano fatte degli interventi sulla sulla pavimentazione per sperimentare anche sistemi diversi proprio per quanto riguarda la realizzazione della aparimentazione sottofondo perché sono molto sollecitate queste zone soprattutto fra I binari e il passaggio dei bus e il numero dei bus ancora oggi passano perché chiaramente su San Marco non avremo un grande abattimento quando sarà completata questa linea e la linea anche per Bagna Ripoli praticamente rimarranno solo I bussini che collocheranno il centro storico ma ad oggi le linee principali continueranno a passare e questo rea dei problemi rispetto alle polimentazioni quindi venga fatti degli interventi per la risistemazione della della polimentazione sono state scelte anche delle forme diverse per quanto riguardi sottofondo, per quanto riguarda larghezza dei giunti per avere più tenuto e quindi faranno un intervento appunto de sulla poi imitazione in Piazza San Marco. Poi avremo sempre nella successiva settimana relativamente sempre I lavori della tram via, lo smontaggio della gru del parterre dove ora viene in fase di completamento la sottostazione perché come sapete diciamo I lavori sono ormai al termine in Piazza della Libertà noi entro fine mese arriveremo anche in Piazza San Marco il tram e quindi siamo proprio nella fase finale rimarrà soltanto la marmora e Matteotti collegamento da da completare però insomma I lavori stanno procedendo

Speaker 2: speriamo che il completamento abbenga quanto prima. Un’ultima segnalazione la prendiamo riguarda un caso, Il Pullman della Fiorentina nel appunto recente confronto con il Bruce è stato scortato da forze dell’ordine sia in moto che in auto. La prima volta non ho visto ma ieri sera sì la moto di inizio scorta che prende a Tutta Birra al marciapiede lato case di via lungo l’Africo tra Gualberto e Rotatoria con via Reduse. A tutta birra insomma ehm è anche pericolosa per chi potrebbe uscire da un portone ed essere falciato. Possibile una cosa del genere assessore cioè non dovrebbe rientrare comunque nello scortare seppur ehm non si può salire sul marciapiede a

Speaker 8: prescindere dal da chi si è che si corre esatto esatto esatto direi proprio di no cioè la la scorta al bus

Speaker 0: della Ferentina è chiaramente

Speaker 8: una scorta di sicurezza per quanto riguarda appunto I bus e I giocatori ma questo non deve creare problemi di perosità per I residenti, per I cittadini che sono in prossimità del passaggio Quindi questo credo proprio assolutamente non vada non vada bene. Ora io non conosco l’episodio però direi senz’altro di no perché non questo non ha senso. Una cosa è la sicurezza della squadra che è dovuta ma allo stesso tempo anche la sicurezza

Speaker 2: di chi praticamente si trova lungo la viabilità. C’è un problema che si ripropone o perlomeno nei nostri messaggi si reitera come se fosse una costante. Quello del parcheggio selvaggio, soprattutto del parcheggio in doppia fila. Che tipi di controlli se c’è un un controllo periodico tematizzato su questo assessore? Perché insomma crea rabbia, fiducia da parte dei cittadini e soprattutto una scarsa accessibilità rispetto a punti come possono essere contesti insomma pubblici, una piazza o un davanti scuola, una tabaccheria o comunque incombrare per quanto riguarda

Speaker 0: il passaggio

Speaker 8: del trasporto pubblico locale sì cittadini hanno perfettamente ragione io concordo perché io sono proprio un fattore contro la doppia fila credo ci sia veramente un’abitudine che è un abitudine che che bisogna bisogna andare a modificare un aspetto che sono messo l’educa

Speaker 12: perché io tante volte

Speaker 8: ho parlato con le persone, mi danno, ho fermato un minuto, ho un doppia fila, ho messo le doppie frecce, qual è il problema? No, il problema è un problema grave perché oltre che rallentare la viabilità può essere in dice anche di pericolosità e quindi anche di incidente e poi non solo mai due minuti perché poi c’è chi va sì in tabaccheria ma poi va al bar, prende il caffè, fa la colazione, Guardi questi episodi ne vedo tantissimi tutte le mattine in città. Noi abbiamo fatto una campagna contro la doppia fila e abbiamo fatto per un periodo proprio tutta una serie di controlli per cercare di ridurre questo fenomeno ma è proprio un fenomeno educativo. Noi quando facciamo la formazione nelle scuole ai giovani, quando siamo in Cipalle, facciamo la formazione proprio parlando dei rischi e la pregossità che ci può essere sulla viabilità si sofferma molto sull’aspetto della doppia fila perché secondo noi

Speaker 0: è è

Speaker 8: fondamentale a questo punto di vista. Abbiamo fatto controlli passando con con con sistemi con la con

Speaker 2: la tecnologia non tanto I vigili

Speaker 8: che si

Speaker 2: ferma. Ecco quindi anche se non si vede la multa. Assessore magari la persona è

Speaker 8: stata sanzionata. Viene fatto. Viene fatto. Viene fatto. Viene fatto.

Viene fatto. Ebbene ribadire. Correrebbe una maggiore esatto ma un po’ correrebbe una maggior collaborazione un aspetto utile ma sì io chiederò una collaborazione anche delle attività economiche che potrebbero parlare un po’ con gli osanti perché molto spesso io vedo la doppia fila e poi cinque metri più avanti la possibilità di parcheggiare in modo corretto. Quindi credo sia proprio un’impostazione

Speaker 2: sbagliata, potrei portare tanti esempi.

Speaker 8: Sì sì

Speaker 2: guardi anche anch’io

Speaker 8: dagli ascoltatori anche a livello personale. Quindi per esempio anche anche l’esercente invece sempre lamentarsi. Potrebbe anche collaborare un pochino di più invece e dire per esempio guarda svegli da me a prende caffè a fatto

Speaker 0: l’azione però

Speaker 2: cerca di parcheggiare bene vediamo speriamo senta un ultimo messaggio di Alessandra che è indicativo per un impegno rispetto al tema con cui abbiamo iniziato la trasmissione c’è la frequenza di questa tramvia che tanto successo sta riscuotendo. Allora ci scrive. Sì. Ho sempre ti fatto per la tramvia ma ho smesso di prenderla da scandiccia a causa della situazione data dagli afflussi turistici che rende veramente un disagio. Viaggiare per lavoro e per gli orari imposti al trasporto biciclette, parlo delle sole due previste nello spazio interno, cosa che ho più volte segnalato come ingiusta e insomma questo ci dà un po’ il il polso della situazione, assessore.

Speriamo davvero che il confronto con gesto porti

Speaker 1: a un potenziamento

Speaker 8: da questi due punti di vista mezzi più in più. Questo senz’altro

Speaker 2: sì, senza. Soprattutto nei periodi del festivo, no? Avevamo detto nell’endorante. Ma ci scrivono anche durante

Speaker 3: durante la

Speaker 7: settimana insomma ci sarebbe

Speaker 8: bisogno davvero di un lo so però durante la settimana bisogna vedere in che fascia siamo perché ci sono dei periodi in cui siamo già al massimo cioè dire sotto quattro minuti e venti difficilmente si riesce a scendere con con I tram Quindi se siamo in quella fascia dove non c’è possibilità di aggiungere un tram però un problema proprio di di tempistica diventa difficile. Mentre

Speaker 2: il riferimento facevamo alla domenica era un periodo dove I tram avevano un passaggio una cadenza sì sì più distanziata ultima segnalazione davvero Daniella ci manda una foto delle biciclette in bike sharing veramente vengono abbandonate ovunque anche su questo assessore si torna all’inciviltà della doppia fila forse una pressione maggiore rispetto alle aziende che si occupano di monitorare e di gestire il servizio

Speaker 8: perché se ne trovano in ogni dove diciamo allora io su questo noi abbiamo fatto tutto assai di verifica su questo voi sapete che l’azienda pretendono la foto di ogni fine noleggio. Sì. Per vedere come viene parcheggiata altrimenti c’è la sanzione e sono sanzione anche abbastanza importanti fino poi a impedire di noleggiare le successive

Speaker 2: bici quindi da questo punto di vista c’è grande attenzione. Però come è possibile che poi sono sul marciapiede oppure agli angoli se ne trovano a a dozzina insieme? Non mi

Speaker 0: spiego ecco come

Speaker 8: riesca l’utente a fare la foto e a passarla liscia. Infatti anche io questo non me lo spiego però noi abbiamo avuto tutta una serie di riscontri di un miglioramento rispetto a prima però io credo ci sia anche un fattore non so

Speaker 0: quanto incide ma c’è anche chi le

Speaker 8: sposta a volte questo bici, perché abbiamo fatto delle verifiche, abbiamo visto anche che o per parcheggiare meglio, c’è anche chi questo bici le sposta, però anche io non me lo spiego perché tutte le volte che uno chiude il noleggio deve mandare la foto e far vedere come ha parcheggiato sia per quanto riguarda le bicilette sia per quanto riguarda I monopattini. Quindi da questo punto di vista noi siamo in contatto, abbiamo fatto anche recentemente degli incontri con tutte le società di gestione proprio per evitare questo per evitare difficile per diciamo per ridurre questa questa problematica continueremo a lavorare con questo con questo sistema per

Speaker 2: cercare proprio di ridurre questa possibilità. Abbiamo sforato un po’ ma veramente una segnalazione particolarmente importante rispetto

Speaker 8: ai lavori in programma questa settimana Sì, allora questa settimana più che altro non me dicevamo prima abbiamo dei lavori di riasfaltatura e quindi vi alle

Speaker 3: già notti che iniziano mercoledì

Speaker 8: e giovedì notturna nella direttrice in uscita città e poi a seguire invece nella direttrice di ingresso città. Quindi di porre particolarmente attenzione alle modifiche alla viabilità anche se siamo un orario notturno dalle 21 alle 6.

Speaker 4: Poi in via ad annuncio avremo

Speaker 8: da oggi un allacciamento alla rete di istituzione del gas e anche qui per cinque o sei giorni dovremo stare attenti, c’è un restringimento, dovremo stare attenti agli aspetti della viabilità. A fuori partono I lavori di sistemazione di via mariti e quindi della ripalifiazione della strada anche in questo caso di porre attenzione a questo tipo di lavorazione poi volevo segnalare che avremo la chiusura di Lungarno Anna Maria Luisa de Medici e Lungarno Archimusieri per dei lavori della alla Galleria degli Uffizi e quindi di porre attenzione in quella zona per quanto riguarda la viabilità perché chiaramente il signore fra Ponte Vecchio e Piazza e Piazza dei Giudici e poi volevo segnalare in via Habur da mercure di otto

Speaker 4: a venerdì dieci in orario notturno e

Speaker 8: previsto lo smontaggio delle antenne dell’Istituto di Geografia Militare, quindi da mezzanotte alle cinque e trenta sarà in vigore un di via di transito da via Guelfa a via degli arazieri e quindi questo è importante come come segnalazione e queste sono

Speaker 2: I lavori più importanti che abbiamo in questa settimana. Tutte le informazioni anche rete

Speaker 8: civica grazie a Assessore Giorgetti

Speaker 0: a lunedì prossimo. Grazie a voi. Buongiorno. Tu tu tu tu tu tu tu tu yeah Tu tu tu tu tu tu tu yeah Yeah I know you remind me of A girl I think I used to know Yeah I see you when the days got colder On those days when I felt like snow non mi ricorda di una ragazza che credo che lo sa mi vedo quando I giorni si fanno più freddi o no, I giorni quando si fanno più freddi ma ora penso che è una ragazza come te che si era sempre stato qui e stava e si riempie le ombre in cielo di un’altra parte

Speaker 8: di

Speaker 2: incroci, di dossi, di parcheggi selvaggi, tanti messaggi, anche sonori che ci sono arrivati all’ultimo sforandole nove non possiamo condividerli con l’assessore vi invitiamo a riproporli Il lunedì prossimo nel rubrica nello spazio di approfondimento in confronto che facciamo appunto con Giorgetti lunedì mattina adesso invece ci spostiamo con Raffaele Palumbo negli studi di Contro Radio Web TV dunque anche diretta video sui nostri canali cross mediali perché vogliamo parlare di invasioni questa sei ore non stop che dal cortile di Palazzo Strozzi al gabinetto Anima e Ra. Giovedì nove maggio incontri, dibatti, talk, performance, spettacoli musicali e teatrali sulla guerra uno dei temi che Ansel Kiefer esplora nella sua arte infatti invasioni è in concomitanza con la mostra Palazzo Strozzi Ansel Kiefer Angeli Caduti. Parleremo di tutto questo con ospiti in studio fra pochissimo da

Speaker 5: Contro Radio Web TV. Rimanete con noi. Volare Festival terza edizione undici dodici maggio Ipodromo del Visarno Firenze. Mongolfiere, aquiloni giganti, droni, falconeria, modellismo, incontri, musica, laboratori e spettacoli per bambini. Con il sostegno di Toscana Aeroporti.

Maggiore informazioni su

Speaker 4: Ultrabox Pirense punto hit. Partner Volotea. Volotea.

Speaker 0: La comunicazione efficace usa strategie innovative.

Speaker 1: Controradio Crossmedia è la punta più avanzata della crossmedialità in Toscana, con la radio NFM Dab, Controradio Web TV, Controradio.it, Controradio Social con I profili Facebook, Instagram e Telegram, I podcast e TIF, il nuovo canale video social Under 35 su Instagram e TikTok.

Speaker 4: Se vuoi comunicare con una strategia ad un pubblico definito, sperimentato e motivato, raggiungendo un bacino certificato di centinaia di migliaia di contatti, contatta I consulenti in comunicazione di Controradio Cross Media. Scrivi a Cross Media, chiacciola a Controradio.it o vai sul sito Controradio.com.

Speaker 5: Sono aperte le iscrizioni ai corsi di istruzione e formazione professionale in partenza a settembre. Grazie al Fondo Sociale Europeo Plus, la Regione Toscana promuove percorsi triennali gratuiti per giovani con meno di 18 anni. Lezioni in aula, laboratori, stagio in azienda per ottenere una qualifica professionale ed entrare subito nel mondo del lavoro. Grafica, commercio, ristorazione, benessere e molto altro. Scopri di più su regione.toscana.it slash formazione, iniziativa nell’ambito del progetto Giovani Si.

Speaker 13: Dal 1991 diciamo no alla guerra. In questi anni abbiamo garantito diritti, solidarietà e autodeterminazione a tre milioni di persone colpite dai conflitti. Anche tu puoi farlo, donando il tuo 5 per mille a un ponte per. Se anche tu credi che solo la pace è un buon investimento, trasforma la tua prossima dichiarazione dei redditi in una dichiarazione contro la guerra. Scrivi il codice fiscale 9623 2290 583.

Speaker 0: Sottotitoli e revisione a cura di QTSS Ma mia mamma ha detto che hai mai sopportato così tanto peso E mia mamma ha detto di lasciare quei piccoli bambini solo E mia mamma ha detto di essere a casa prima della notte E mia mamma ha detto che puoi essere ricco o povero Ma mia mamma ha detto che puoi essere più o meno I’m always on the run But I’m always on the run My mama said that it’s good to be beautiful But my mama said don’t take more than a mouthful Ma mia mamma dice che è buono per me essere bello Ma mia mamma dice che non prende più di un uomo E mia mamma dice che è buono per per essere naturale e mia mamma ha detto che si deve allargare con molta velocità e mia mamma ha detto che si deve ottenere tutto il tuo posto e mia mamma ha detto che si deve amare tutto il tuo interno ma sono sempre l’unico che mi ha detto E mia mamma dice che mi piace tutto il mondo Ma sono sempre al fuoco, ma sono sempre al fuoco Ma sono sempre al fuoco Ma sono sempre al fuoco, ma sono sempre a run Ma sono sempre a run Oh, che c’è mamma?

Tu vuoi? Sì, ora? Guarda, aspetta! Sì! Sottotitoli e revisione a cura di QTSS Sottotitoli creati dalla comunità Amara.org e

Speaker 1: invasioni, eventi e performance sul tema

Speaker 0: della guerra. Cortile Palazzo Strozzi, Firenze, giovedì nove maggio

Speaker 2: alle nove passate da nove minuti sì vogliamo parlare di invasioni di questa sei ore non stop che si terrà giovedì nove maggio promossa dal gabinetto Vessiè in collaborazione con la fondazione Palazzo Strozzi, media partner contro radio che seguirà in diretta l’evento, gli eventi dalle venti del nove maggio. Saluto subito I nostri ospiti come Raffaele Palumbo, il direttore del Gabinetto Vesea

Speaker 14: Michele Rossi, il presidente, Riccardo Nencini qui negli studi. Bentrovati. Buongiorno. Buongiorno. Bentrovati.

Parleremo di giovedì naturalmente però presidente prima una parola su su questo luogo straordinario che abbiamo a Firenze che è il gabinetto Vese dobbiamo dirla per dare anche un po’ di contesto anche rispetto al fatto che il gabinetto Vese sta dentro le cose, sta dentro l’attualità, oltre che dentro un passato veramente unico al mondo.

Speaker 15: Il Gaminetto è considerato ancora oggi in Europa come un centro, una fuscina di cultura. I fondi che ospita I maggiori della letteratura italiana soprattutto del 900 ma non solo, è una biblioteca straordinaria. Quello che stiamo cercando di fare con Michele è mettere accanto a questo passato imponente anche pezzi di futuro, quindi invasioni appartiene a questa categoria, gli eventi e convegni di fine maggio la presentazione di libri in pubblico da giugno all’aperto vanno tutte nella direzione di un rinnovamento di una storia che è stata importante fino da più o meno da due secoli.

Speaker 2: Il gabinetto Vessier in questi mesi davvero ha una spinta in più rispetto anche al mettersi in ascolto di quelli che sono I bisogni per creare confronti, dialoghi con linguaggi anche diverse, non solo in termini di spazio e di accoglienza ma proprio di contributi e di tematiche scelte?

Speaker 15: E’ così, lo stiamo facendo in vari modi, da una parte insegnando a scrivere alle ragazze e ragazzi dall’adolescenza alla giovinezza, molti tengono un diario, molti scrivono favole, novelle, romanzi brevi e c’è un modo però per poterli scrivere meglio e noi abbiamo utilizzato molte scrittrice e scrittori dell’Italia contemporanea per insegnare loro uno stile, perché se ti dai uno stile sei in grado anche poi alla fine di essere più soddisfatto di raccontare meglio di raccontare meglio un evento e poi tutto quello che è anche cultura contemporanea che spazia dall’arte allo spettacolo al teatro alla carta stampata A noi piace ancora moltissimo lavorare sulla

Speaker 14: carta con le con le insomma alla vecchia maniera ecco. A molti piace lavorare sulla carta, la carta rimane quel protocollo di base fatto di Atomi

Speaker 3: consultabile

Speaker 14: c’è teniamocelo teniamocelo perché è estremamente prezioso però un ultima domanda ancora come dire? Generale presidente e non c’è polemica politica in questo perché un tema in realtà annoso e antico più di quanto non possa sembrare ma è un fatto quantitativo o è una questione qualitativa? Cioè è l’importante fare numeri, portare più persone a vedere quella tal cosa o oppure per esempio portare più Fiorentini a scoprire il gabinetto VSC perché c’è un molto fosso utilizzato in un dato quantitativo diciamo facciamo una gara nel mio museo vengono più persone

Speaker 15: che nel vostro museo questa cosa forse va superata l’ha stata superata ma una parte dei Fiorentini quando parlavano è successo anche a me del gabinetto pensavano più al DSC Curva Fiesole. Non sto scherzando è successo è successo più di

Speaker 0: una volta e

Speaker 15: diceva beh anche vi occupate di calcio no? No. Quello è mi pare sia proprio un un insomma una tifoseria importante il il Vese fa altra cosa.

Speaker 0: Sì. Fa la

Speaker 12: tifoseria ma in

Speaker 15: un altro campo. Ormai il Vese arrivano autori anche non soltanto nazionali, abbiamo avuto uno dei candidati al Premio Nobel qualche giorno fa, a Cartaresco, via via ne arrivano, c’è stato Cacciari, c’è stato male, insomma Terra Nova la Marzano davanti a questi autori e autrici il pubblico molto spesso non è soltanto Fiorentino. C’è un che che si muove dalla dall’intera regione con delle punte anche che vengono da fuori.

Speaker 2: Michele Rossi, come si arriva a invasioni che in qualche modo è anche un invadervi, nei vostri spazi, in dialogo con Palazzo Strozzi, questi due condomini che danno la disponibilità e si mettono in ascolto l’una dell’altra ma soprattutto aprono al pubblico su una tematica quella della guerra che rimanda alle opere di Kiefer ma rimanda anche a molto altro non solo al passato ma anche all’oggi.

Speaker 12: Il gabinetto Vesse nasce come luogo di dibattito, di discussione, scambio di idee proprio nell’ottocento e che questo si voleva un po’ ricoprire la funzione originaria perché sì è vero è un archivo contemporaneo conosciuto tutto il mondo il gabinetto Vesse ma è anche appunto un luogo in cui ci si può confrontare e questo era il senso della nostra iniziativa, dibattere che cos’è la guerra oggi, ecco non necessariamente pacifisti, proprio dibattere, come sta cambiando il mondo, cosa sta accadendo nel mondo contemporaneo, era questo un po’ nata così. Ovviamente tutto collegando alla mosta di Kiffer che è

Speaker 2: in corso ecco alla fondazione Strozzi. Il nove maggio Nencini è una data dal doppio valore simbolico, non solo simbolico, scelta anche per da Ponti, insomma, per riflettere su quella che è la dimensione trasnazionale ma anche quello che dal territorio è stato vissuto, è attraversato e che

Speaker 15: può dare anche spunti in dialogo con riflessioni e posizioni anche differenti. È la festa dell’Europa. E se riallaccia all’armistizio firmato al Reims, mi pare il giorno prima fosse l’8 maggio che pone fine alla guerra più drammatica nella storia dell’umanità, perché I morti, la lunghezza di quella guerra che si collegava fra l’altro alla prima grande guerra. Ormai gli storici sostengono giustamente che c’è una continuità fra la prima e la seconda, quello che c’è nel mezzo quei vent’anni è una parentesi in attesa di. La raccontiamo come diceva Michele alla rovescia perché ne parliamo il 9 maggio ma il 25 aprile abbiamo celebrato la liberazione dell’Italia, cioè la guerra di liberazione e che vuol dire che la guerra si va bandita ma ci sono delle guerre contro l’oppressione in questo caso contro il nazifascismo che quando si combattono si combattono giustamente.

Speaker 14: Un dibattito annoso e di grandissima attualità.

Speaker 12: Anche perché ricordiamo anche sempre il 9 maggio del 38, a Firenze ci fu un grandissimo evento che fu Hitler, accompagnato da Mussolini, una città partecipi di quell’evento e ci fa riflettere davvero questo secondo me. Le 38 si festeggiavano due anni dell’impero italiano appunto, dell’acquisto dell’Etiopia, che era venuto appunto il 9 maggio del 36, per quel momento davvero di riflessione come dicevo prima appunto ecco che cosa significa adesso la guerra ma cosa significa anche resistere? Ecco ah quello che è il

Speaker 14: pensiero dominante qua in questo momento? È una è una parabola che inizia con l’armata rossa che entra ad Auschwitz il ventesette di gennaio e si conclude prima il cinque maggio con invece le le le truppe statunitensi che entrano a Mauthausen e lotto appunto con con la guerra è finita, questo annuncio che in Italia venne dato d’alcune voci diventate poi storiche per altre ragioni compreso Mike Buongiorno per intenderci compreso Corrado che ha disse la guerra è finita una notizia straordinaria ripeto la guerra è finita poi andarono a fare altro diciamo che è la loro vita. Kiefer cosa ci racconta in questa mostra? Possiamo dire due parole su questo prima di entrare poi nel programma del nove che è veramente molto bello.

Speaker 12: Il nostro titolo dell’iniziativa appunto invasioni si vuole rifare appunto a Kiefer che ha occupazioni questa appunto che lui ci sono delle fotografie che si trovano nell’esposizione in cui si faceva ritrarre ecco un insegno appunto nazifascista con braccio teso e questo ci fa riflettere come diceva su

Speaker 0: cosa è

Speaker 12: stato anche l’imperialismo, infatti non a caso Kiefer si faceva ritrarre, fotografare dei paesi che erano stati imperialisti, che erano appunto la Francia, l’Italia, ecco. Si collega a questo perché ha un tema centrale nell’opera appunto di… E non a caso si svolge giovedì, mi piace anche dirlo questo, perché sarà aperta la mostra, chiunque può vedere anche le opere fino alle 11 di sera sarà aperta la mostra per visitarla.

Speaker 2: E allora dicevamo il programma, qualcosa abbiamo accennato, ma dalle 17 si parte con Ugo Nespolo, si parte da una provocazione dell’arte, una provocazione nell’arte. Dell’arte, una provocazione nell’arte.

Speaker 15: Fatta di proposito, presentiamo il libro di Ugo Nespolo, altro grande artista, che valuterà anche, penso da un punto di vista diverso, l’opera di Kiefer, perché l’opera di Kiefer si presta, è già stato ricordato, a interpretazioni binarie, diciamo così. Nespolo appartiene a quella categoria che vede nell’opera di Kiefer qualcosa di diverso rispetto a ciò che si vede.

Speaker 14: Meno male,

Speaker 15: ci sarebbe

Speaker 14: da dire.

Speaker 15: Perfetto, meno male e dopo di lui moltissimi altri. L’idea è quella di aprire un palazzo, è già aperto Palazzo Strozzi, ma è aperto per chi viene per le mostre. L’idea è invece di aprirlo interamente con tutta una serie di eventi collaterali che dureranno diverse ore e quindi c’è la possibilità di passare una giornata diversa ascoltando voci diverse perché poi alla fine nella contaminazione che ci si fa un’opinione. Ma infatti

Speaker 14: è così, infatti siamo abituati ad eventi alle volte meramente celebrativi dove bisogna pensarla tutti in lo stesso modo e dire tutte le stesse cose prevedibili attese invece qui

Speaker 15: può succedere di

Speaker 14: tutto come giusto che sia. Meno male. Meno male meno male. Michele Rosso entriamo un po’ nel programma c’era Patrick Zaki per per dire una ci saranno degli artisti insomma accaderà tanto quel pomeriggio sera.

Speaker 12: Si, di fatto è una maratona di sei ore, inizia alle cinque e finirà la sera, grosso modo alle undici di sera. Non si sarà concepito proprio come dibattito il pomeriggio e poi si trasforma in eventi teatrali, musicali, la sera per convolgere un altro tipo di pubblico anche. Si inizierà alle 5 come si diceva con un dibattito con Espolo e poi proseguirà con Patrick Zaki. Patrick Zaki è uno degli ospiti di punta del pomeriggio, sapete, autore di un libro scito da poco per la nave di Teseo, sogni e illusioni di libertà, racconta di questa sua vicenda, accaduta pochissimi anni fa, nel 2020, in cui ha subito venti mesi di prigionia, tornando a casa, studiando, studente di Bologna, e lì ci racconterà che cos’è anche per lui la guerra, che cos’è l’oppressione purtroppo che ancora appunto esiste come appunto nel mondo.

Speaker 14: Abre una finestra importante perché noi naturalmente pensiamo a Giulio Regeni quando parliamo di Egitto, un ragazzo morto che non c’è più, pensiamo a Patrick Zarchi che se le vista nera ma questo ci è utile anche per ricordare che che di di di di Patrick Zacche di giugno Eugeni in Egitto ce n’è dieci undici mila per intenderci. Questo non dobbiamo mai di dimenticarlo diciamo che se noi stiamo di rimanere ripiegati diciamo su come come se le le cose negative accadute questi anni in Egitto riguardassero soltanto il nostro orticello nostri

Speaker 0: connazionali questo è anche

Speaker 14: questo può essere motivo di secondo me di dibattito e di rottura rispetto a una narrazione monca secondo me. Non so se sei d’accordo Michele.

Speaker 12: Sì sì assolutamente è proprio così. Nel fatto il nostro incontro voleva riflettere su queste tematiche e soprattutto non solamente fossilizzarsi sull’ospite ma voleva essere un dibattito con il pubblico, per questo ci interessa in modo particolare, riflettere tutti insieme su tanti I patrizziacchi che esistono, è questo. Poi proseguiremo con tanti eventi, dopo I patrizziacchi ci sarà una performance questa è una caratteristica dopo il talk c’è una piccola performance di un artista ci sarà Anna Corcione che ci riflette riflette sulle case le case in fiamme le case che non ci sono più con la guerra colpite dai conflitti bellici e poi proseguiremo appunto con l’incontro di padre Bernardo che ispirandosi all’opera appunto di Kieffer, sarà in questo caso Angeli caduti appunto, Angeli ribelli, Angeli caduti e per cui è un altro incontro del pomeriggio e ehm finiremo gli incontri con un filoso che Federico Leone che ci parla dell’opera di Kieffer,

Speaker 2: appunto un altro modo di vedere l’opera di Kieffer. In questa sorta di notte bianca, pomeriggio, bianco diciamo di Palazzo Strozzi c’è la parte che

Speaker 15: si sposta poi

Speaker 2: nel cortile musicale perché la musica e il linguaggio anche della cultura nella memoria, nella tradizione ma anche nella rievocazione di diritti, di storie proiettato verso il futuro ancora di lotta è al centro di Rocco Stortu, fu il Viocautorruccio ma anche I Krypton naturalmente nei 25 anni se non sbaglio dalla rappresentazione, dalla storia di Rocco Stortu.

Speaker 12: Rocco Stortu fu uno spettacolo che beve un successo straordinario appunto, racconta di un militare, prima guerra mondiale calabrese che va alla guerra e appunto che si svolgeva proprio in intelletto. La particolarità di questa iniziativa è che verrà anche, le parole di Rocco Storto verranno lette anche in italiano per essere maggiormente comprensibili. Però nasce, però mi piace precisare che nasce da questa idea, però si sviluppa, vedremo la serata con con altri ricordi da parte appunto del Fuvio Cateruccio, sarà Efraia

Speaker 0: Pezzo come attrice e

Speaker 12: poi ricordiamolo le musiche di Peppe Voltarelli che aveva appunto era fu autore delle musiche di questo grande spettacolo.

Speaker 14: E’ una grande apertura queste invasioni che ci fa avvenire voglia di fare una serie di domande impegnative del tipo presidente ma il 900 è finito o non è ancora?

Speaker 15: Sì, il 900 è finito. Sì, non è finita la storia. Ha torto Fukuyama quando sosteneva, per l’altro è un bellissimo libro, la fine della storia è l’ultimo uomo, che la storia con la caduta del muro di Berlino aveva subito una cesura definitiva. Non è così, noi siamo sempre quelli. Io cito spesso quando faccio lezione alle ragazze e ragazzi, I moventi nelle passioni umane.

Tuscidi pensava fossero tre 2500 anni fa, l’onore, l’interesse e la paura, se ora togliamo l’onore e leggi il commissario Ricciardi dei Giovanni rimangono 2500 anni dopo

Speaker 4: l’interesse e la paura

Speaker 15: e quindi noi siamo sempre quelli, quindi la storia non è… Però il novecento è finito, si apre un’era non totalmente diversa rispetto al secondo novecento, ma è il novecento primo delle grandi guerre che hanno sconquassato l’umanità, io penso che sia definitivamente chiuso.

Speaker 14: Le arti in questo ci aiutano anche nel racconto di quello che sta accadendo in questo senso, abbiamo parlato di teatro, parliamo anche di musica naturalmente il 9.

Speaker 12: La serata si concorderà con un concerto appunto di Ginevra di Marco e Francesco Magnelli e con Andrea Salvadori. Anche in questo caso tutti gli eventi sono concepiti per la nostra serata ecco mi piace precisarlo perché nasce anche questo spettacolo di sappiamo che sta girando adesso Ginevani Marco con uno spettacolo dedicato appunto che riprendeva uno vecchio appunto o concerto che fece ad Alba appunto in onore di Beppe Fenoglio. C’è. Cinque ottobre del novantacinque. Ehm e e da libro nascere alla sera sarà diversa perché avremo una voce narrante che è Giorgio Vastraten che ci parlerà non solamente di Beppe Fenoglio ma anche di altri autori del novecento che

Speaker 2: hanno combattuto anche grandi scrittori. E allora siamo quasi in conclusione di trasmissione ricordiamo l’ingresso libero a tutti gli eventi dalle dieciassette e dalle venti la diretta anche su Controradio chiedo a entrambi partendo da Nencini, la speranza con cui che voi riponete nella conclusione di questo evento, di questa sei ore, il pubblico che esce da invasioni, che tipo di stimolo di apertura, di sollecitazione dovrebbe avere?

Speaker 15: Beh, Intanto che esca come quando siamo davanti ad un’opera d’arte, ti deve colpire quella cosa lì senza bisogno delle volte ragionarci troppo, deve avere un effetto dal punto di vista emotivo importante, che muova delle emozioni che diversamente rimangono nascoste dentro di noi.

Speaker 12: Sì, questo sicuramente, anche che il gabinetto Vese è qualcos’altro di un archivio, mi piacerebbe anche questo, che capisca che il gabinetto Vese è un luogo aperto a tutta la cittadinanza e quello è il nostro un po’ obiettivo di questi ultimi mesi. Fa capire davvero che da noi potete venire anche a ascoltare opere che sono anche controcorrenti. Eccolo siamo massima libertà di espressione e di pensiero.

Speaker 14: Ci vediamo il 9, dalle 17, dalle 20 anche la diretta di contoradio, l’ingresso è libero, la mostra è straordinaria, a livello che le mostre vanno viste, comunque la si pensi, diciamo così, e queste invasioni che avete messo in piedi sono veramente imperdibili. Grazie davvero al presidente del gabinetto VSE Riccardo Nencini, Michele Rosse, il direttore, appuntamento il nove dunque in settimana, giovedì a Palazzo Stratto di Firenze con il gabinetto

Speaker 0: VSE e con invasioni, la mostra di Kiefer, I

Speaker 14: dibattiti libri, Pade Bernardo, Patrizzi, il teatro e la musica anche sulle nostre frequenze.

Speaker 2: Programma dettagliato già sul nostro sito con tutti I partiti.”

Leggi l’articolo su: ControRadio.it