search menu
play_arrow

WidgetWeb

News line del 13 Febbraio 2024 18:15

regia 13/02/2024


Background
share close


Speaker 0: Che si

Speaker 1: fa.

Speaker 2: Newsline sera. Diciotta sedici una buona serata a tutti voi dal Domenico Guarino Bentrovati Newsline serale martedì tredici febbraio duemila ventiquattro di cosa ci occuperemo? Naturalmente il menu è quello consueto, quindi servizio della redazione, notizia del giorno, le interviste, gli approfondimenti, la politica, naturalmente in primo piano come spesso facciamo in questi giorni ma perché francamente è una campagna elettorale, questa per le amministrative toscane, Firenze, Prato, Livorno, le tre piazze più grandi al voto molto interessante, certamente la più interessante degli ultimi tempi E anche per una serie di motivi che hanno a che fare con gli scenari nazionali, il governo Meloni, naturalmente che cambia, poi riferimenti anche per quello che riguarda gli schieramenti, no? Con Fratelli Italia è protagonista rispetto alla al passato più o meno recente quando anche il centrodestra comandava tra virgolette forza Italia oppure la Lega. Questo per dire che ad esempio manca ancora l’ufficialità sul candidato del centrodestra a Firenze non a Prato e sentiremo che stasera appunto il quello che si sta preparando per le elezioni amministrative di Prato così come Scandici perché ci saranno le primarie partito democratico tra due assessori della della giunta che che va a concludere il il proprio mandato e che si confrontano per mmm diventare candidato appunto del Partito Democratico quindi probabilmente è candidato anzi qua sicuramente è candidato al schieramento di centro-sinistra, oggi è stata in nostri studi l’assessora Claudia Sereni, vi proponeremo un estratto dell’intervista che abbiamo realizzato e poi e poi Schmit perché l’ufficialità come vi raccontavamo ieri del nome di Schmit come candidato al centrodestra a Firenze pare oramai una questione di giorni se non di ore per quanto Schmit oggi a Firenze per il passaggio di consegna gli uffici con il nome di direttore verde abbia negato cioè abbia detto no io insomma sono voci per il momento non confermo.

Quindi è rimasto sulla stessa linea di dicembre, non confermo, non smentisco e fra tempo molti confermano intorno a lui. Sentiremo Schmit merito però alla questione degli Uffizi perché sulla questione politica per l’appunto non ha voluto parlare e interpreteremo tutto questo col collega Niccolò Gramigni della nazione, dell’ANSA per cui cerchiamo così anche di di tirare un filo rispetto a tutto quello che è accaduto fino ad ora. Degli uffici vi abbiamo detto, parleremo poi del ehm del del Capodanno cinese perché ci sono due manifestazioni peraltro quest’anno è l’anno del dragone quindi un anno insomma particolarmente importante per la comunità cinese Prato la città che è la comunità cinese più grande in per tutta l’Italia ci occuperemo poi anche di bullismo di siperbullismo come intervista al all’assessora all’innovazione del giovane Toscano Stefano Ciuffo oggi c’era un incontro per siglai un’intesa tra l’Anciel Lampas proprio sulla lotta a bullismo e si per bullismo e poi tante altre notizie, la storia iniziale, la storia iniziale è quella della talpa non mi scavate vecchia talpa no? A proposito di giornate della radio ricorderete sicuramente trasmissione storica e gloriosa di Controradio no la talpa la Mona Lisa quella che scava il tunnel dell’alta velocità perché?

Perché si sono aperte delle crepe in dei palazzi che sono sul percorso della talpa e quindi ci sono degli allarmi Gianni e Nardella, presidente della Giunta Regionale, sindaco di Firenze, dicono che tutto sotto controllo ma I comitati non ci stanno. Oggi conferenza stampa del comitato no

Speaker 0: tunnel Tav sentiremo tra un po’ Tiziano Cardosi No No

Speaker 3: No No No woots like violence break the silence come crashing in into my little world painful to me it’s right through me but you understand oh my little girl

Speaker 0: all I ever wanted all I ever needed is here in my arms e

Speaker 2: la talpa va la talpa Mona Lisa va nel sottosuolo Fiorentino e e ci sono tutta una serie di preoccupazioni che riguardano danni dalle parti di Montalpino, zona Massaccio, oggi conferenza stampa da parte del comitato Notto nel Tav in cui sono stati mostrati e descritte anche aspetti e documenti del progetto dice il comitato da cui risulta che I danni agli edifici saranno lungo tutto il percorso e anche molto più grave di quelli avuti finora. Buonasera

Speaker 4: Tiziano

Speaker 2: Cardosi. Buonasera. È così? Sì. No dico

Speaker 4: è così, ci saranno danni anche be’ sì, allora proprio ci sono proprio delle pagine dedicate sul progetto dove si vede difficile per edificio I danni che le stesse ferrovie prevedono verranno fatti e ci sono, ci sono, è che finora gli hanno negati ma ci sono, ci sono e quello che l’edificio che è stato danneggiato nei giorni scorsi è proprio il primo che la che la TBM che la macchina ha trovato sul suo percorso. Ha ha trovato altri edifici bastano edifici abbandonati. Quelli del del. Adesso ha incontrato le più abbandonate più edifici abitato

Speaker 2: e ha fatto danni.

Speaker 4: E questi. Di che danni parliamo? Allora sono crepe ehm porte che non si aprono più, che non si chiudono I portoni non si chiudono le soglie rotte danni ora non stiamo non stiamo a danni dei crolli ma comunque

Speaker 2: sono dei grossissimi dei fastidi per le persone che generano peraltro preoccupazione. Possiamo chiare intanto se la questione che riguarda le eventuali assicurazioni, cioè danni che verranno riparati, sono riconosciuti come danni provocati dallo scavo

Speaker 4: oppure oltre al danno ce l’abbessa. Allora io questo questo lo speriamo veramente. Noi abbiamo cercato da tutte le parti se c’erano tracce dei contratti d’assicurazione non li abbiamo trovati. Sarebbe bene per esempio con la faccenda che sono questi che gli prima li chiamavano gli gli cantiere di vetro. Ora sono I cantiere parlanti.

Sarebbe bene che li fassero vedere se parlassero e così si sa cosa funziona. Perché nelle infrastrutture passate, nei lavori finora, I cittadini sono stati danneggiati se hanno voluto del ristarcimiento, hanno dovuto affrontare processi civili piuttosto lunghi, spese enormi e non sempre sono stati ristarciti totalmente anche quando è stato riconosciuto loro che avevano ragione. Quindi ecco non mi sembra una buona cosa. Ora affronteremo un po’ la noi cercheremo di di di affrontare questa cosa anche

Speaker 2: con I cittadini abbiamo promosso una un’assemblea ma questo ci torneremo alla fine perché naturalmente volevo chiederle un parere

Speaker 4: detto che sono

Speaker 2: setteiti chilometri no? Quindi se se se al primo edificio succede questo uno no? Si mette un pochino in allerta però sindaco Nardella e il presidente Gianni dicono no situazione sotto controllo in particolar modo Nardella interpellato su questo ha detto non c’è nulla che possa preoccupare seriamente I cittadini. Abbiamo un sistema osservatorio permanente su tutto quello che può conseguire lavori di sottotraversamento a situazione assolutamente

Speaker 0: sotto controllo.

Speaker 4: Questo quanto di cara a Nardella? E si vede che I tunnel non passano da via del paradiso dove sta la residenta Nardella. Perché I cittadini comunque si si potranno trovare dei disagi e beh saranno abbastanza ascociati. Anche se non gli crolla la casa, anche vedersi per esempio il pavimento che stia inaltato di otto centimetri come è successo

Speaker 2: lì in un appartamento di via. Ottomilimetri

Speaker 0: ho letto io

Speaker 2: o sono otto centimetri? Come?

Speaker 0: Ottomilimetri

Speaker 2: o otto centimetri? Ehm me parevano otto centinaia. Ah ok ok Io ricordavo otto millimetri. Cambia poco. Se ti si

Speaker 4: muove il pavimento una certa preoccupazione c’è. Ovvio. Sì. Falta tutto. È una bella una bella ascoltatura.

E comunque ci sono e ci sono c’è da stare attenti.

Speaker 0: Ci saranno delle zone, per

Speaker 4: esempio nella zona di via delle ghiacchiai della cittadella vicina a Viare del Fiore, dove si prevedono dei danni, dei danni piuttosto grossi. La nostra critica non è solo al fatto dei danni. La critica grossa è che finora si è detto che non esistevano problemi. Noi vorremmo ricordare un’intervista rilasciata dall’ingegner Rocca, il 3 giugno dell’anno scosto al Tirreno, in cui si dice assolutamente non ci saranno danni, non c’è problemi, non c’è da preoccuparsi, gli unici due edifici che potranno avere dei danni non sono di privati, sono di edifici del comune. Ecco e qui è stato smentito.

Ecco un atteggiamento del genere al di là di se ci vanno a occuparsi o no. Vuol dire che non si vuol dire la verità alle persone. Vuol dire

Speaker 2: che ci sanno delle cose da nascondere. Vabbè questo lo vedremo. Intanto sì prego

Speaker 4: poi dopo chiudiamo sull’assemblea. Li guarda le dichiarazioni di Gianni sono surreali a un lec che ha sostenuto

Speaker 2: che la fresa è

Speaker 4: lontana dalla dalla del edificio dove sì più o meno sì. L’abbiamo fede quello che si è dormito male.

Speaker 2: Per quanto riguarda quello

Speaker 4: dice Nardella dice ovviamente gli amici social Cardoso lo so che stanno monitorando tutto ma monitorare monitorare sembra la parola magica dei politici che non sanno cosa fare perché monitorare non vuol dire prevenire I danni, monitorare vuol dire vedere cosa sta succedendo. Monitore vuol dire stare a guardare e poi ci sono danni dopo si si cercherà di rinnovare. Ma il tutto questo

Speaker 2: monitorare non è che salva da qualche cosa. Se io Veniamo all’assemblea perché siamo in chiusura Cardosi tanto ci sarà modo di no veniamo all’assemblea perché siamo

Speaker 4: in chiusura voi avete lanciato un’assemblia cittadina. No ecco allora la nostra è nostra paura che I cittadini poi si trovino di fronte a a questo elefante a questo pachiderma che sono le ferrovie piene di soldi piene avvocati, ingegneri e digeologi e che questi per vedere riconosciute I loro danni debbano affrontare le le spese enormi. Quindi abbiamo indetto una un’assemblea per mercoledì ventuno febbraio. Dove? Abbiamo invitato un avvocato che ha già tutelato molti cittadini che hanno avuto danni non non non affidenze ma sono dalla variante di valido ecco e e faremo dare dei suggerimenti per come andare avanti.

Sicuramente se I cittadini che hanno dei timori vogliono essere efficaci dovranno non rimanere soli ma unirsi.

Speaker 2: Certo allora abbiamo detto

Speaker 4: mercoledì mercoledì ventuno ma dove a che ora? È nella sala parrocchiale della chiesa dell’ascensione vicina al listo scientifico Leonardo da

Speaker 2: Vinci in via

Speaker 4: Giovanni da Empoli al numero due B.

Speaker 2: Perfetta. A che ora? All’eve e ventuno alla sera.

Speaker 4: Grazie Tiziano Cardosi no tunnel un’eltava. Buona serata. Grazie a voi.

Speaker 2: Insomma la talpa, la talpa scava, la talpa scava, speriamo sia tutto sotto controllo, insomma, speriamo che abbiano ragione quelli che dicono e non c’è nulla da preoccuparsi. Vedremo. Comunque se siete interessati alla vicenda la l’assemblea l’avete sentita dove si si svolge mercoledì ventuno alle ventuno per cui se avete interesse diretto e in diretto potete partecipare. Noi nel frattempo diamo la linea tra pochissimo al general e il

Speaker 0: popolare network poi torniamo insieme per le altre notizie

Speaker 2: del

Speaker 0: giorno e

Speaker 4: una

Speaker 5: buonasera dalla redazione di Popolare Network

Speaker 0: le diciotto e trenta minuti queste le principali notizie

Speaker 5: di oggi a Gaza continuano a cadere le bombe mentre al Cairo sono in corso in negoziati a quattro su un possibile cessate il fuoco secondo I media israeliani ci sarebbe un accordo di massima su una tregua di sei settimane nella capitale egiziana è presente anche una delegazione di alto livello di Hamas. Di un’altra parte di un’altra parte di un’altra parte di un altro. La città di Talavi ha intanto presentato un piano per spostare I cibili da Rafa in quindici diverse tendopoli in vista dell’offensiva di terra le Nazioni Unite prendono le distanze e sarebbe un’evacuazione forzata. Fonti di stampa statunitensi riferiscono che l’amministrazione Biden starebbe indagando su possibili crimini di guerra israeliani a Gaza. Aljazeera ha denunciato che oggi due suoi giornalisti sono stati colpiti da un drone mentre preparavano una diretta uno è stato amputato ed è in pericolo di vita.

In Italia intanto il Parlamento approva tutte le emozioni sulla guerra discusse oggi sia quelle della maggioranza che dell’opposizione. Grazie ai voti incrociati passano appunto anche quelle dell’opposizione che chiedono il cessate il fuoco al governo. La presidente della Rai Marinella Soldi si dissocia dalla nota dell’amministratore delegato Roberto Sergio letta a domenica in dopo il caso Gali fortissimo disappunto a Napoli scontri fuori dalla sede Rai la polizia carica I manifestanti Le opposizioni chiedono ora a piantedosi di riferire in aula. I manifestanti sono stati malmenati dicono. La Corte dei Conti accusa il governo impiegati finora solo ventotto dei cento miliardi di euro incassati per il PNR nella relazione annuale anche un no alla proroga dello scudo erariale.

Il governo risponde con uno schiaffo ai magistrati contabili. Il ministro Fitto nomina alla Corte dei Conti Europea uno dei suoi più stretti collaboratori le diciotto e trentadue minuti queste altre notizie tra poco meno di un’ora nel giornale radio l’appuntamento alle diciannove e

Speaker 0: trenta più tardi e una buona serata

Speaker 2: diciotto e trenta due torniamo in diretta alla quale vi controllo per le notizie locali dunque si vota a giugno anche a Prato dove per ora per I dopobifoni Sono due candidati che hanno ufficializzato la loro candidatura allo scenario, le coalizioni, la storia delle candidature che sono state già definite di quelle non ancora in pista, soprattutto il centrosinistra

Speaker 6: servizio di Giorgio

Speaker 0: Bernardini. La gestione della sicurezza e

Speaker 6: il rilancio economico del distretto saranno certamente al centro della campagna elettorale per l’amministrazione del secondo comune della Toscana, la città italiana con il più alto numero di straniere rispetto alla popolazione residente e quella con il maggior numero di imprese di questa regione, Prato. Gli sfidanti hanno scelto, chi governa la città non ancora, Per ora sono solo due I candidati sindaci ufficialmente in campo. Quello del centrodestra unito che ha scelto come suo front runner l’avvocato sessantunenne Gianni Cenni e il giovane imprenditore Giorno Tantargetti alla guida di una lista civica che prende il nome dal suo blog. Cenni sostenuto da Fratelli di Italia, Lega e Forza Italia ha lo stesso cognome di Roberto il sindaco che per primo sottrassi al centrosinistra in una città capoluogo in Toscana. Era il duemila nove.

I due non sono parenti ma il nuovo candidato faceva parte proprio della sua giunta restata in carica cinque anni prima del doppio mandato di Matteo Biffoni. Cenni è uno dei fondatori del partito di Giorgia Meloni a Prato ed è riuscito ad arrivare alla candidatura battendo la concorrenza di un giovane collega di partito e di foro, l’avvocato Tommaso Cocci. Per arrivare al ballottaggio il centrodestra dovrà certamente contare in città sul voto moderato di chi vuole discontinuità. Imprese in vero non semplice se si guarda alla consistenza delle liste nati al centro in opposizione al governo. Una di queste è quella di Targetti, ha già il candidato in campo, l’altra potrebbe essere la lista di Italia Viva, attuale alleato della maggioranza comunale ma in procinto di presentarsi autonomamente al primo turno in una dinamica molto simile a quella in atto a Firenze.

Il centro sinistra guidato dal PD con una coalizione che va da sinistra italiana fino alle frange del terzo polo sta invece sciogliendo le ultime riserve riguardo alla candidata o al candidato sindaco. Anche qui niente primarie, l’associazione Matteo Biffoni però non è affar semplice. Sono in pista diversi nomi. L’assessora comunale alla scuola Ilaria Santi. Il vicesindaco Simone Faggi, il segretario del PD partese Marco Biagioni, la consigliera regionale Ilaria Bugetti.

Alcune suggestioni portano anche ipotizzare la presenza nella rosa dei nomi della capo di gabinetto della Toscana Cristina Manetti che è pratese.

Speaker 0: La decisione a

Speaker 2: quanto si apprende verrà presa proprio nel corso della prossima settimana. Anche Scandici si vota una nuova storia scrivendo insieme lo slogan della candidata alle primarie per sindaco, Claudio Sereni che è stato ospite oggi ai nostri studi per la nostra rubrica tutti al voto, primaria di Partito Democratico aperta che si terranno il prossimo diciassette marzo, avranno come concorrenti Sereni e Andrea Giorgi, entrambi candidati del PD. Sentiamo Sereni, la sua visione di città e di questo appuntamento di partecipazione

Speaker 7: intervistato da Raffaele Palumbo e Chiara Brilli. L’appuntamento per scegliere chi tra I due candidati siamo due candidati in questo momento del del Partito Democratico sarà il prossimo candidato o reale oggettivo definitivo per il centro-sinistra ehm alle alle elezioni dell’otto e nove di giugno. Sono primarie aperte a tutti, sono primarie di partito dove però appunto si apre a

Speaker 8: un continuo dialogo con la coalizione che è in via di definizione. Naturalmente questo richiama quanto non successo a Firenze primarie non scelte dal partito democratico che invece che percorso lo ha definito un opportunità no? Di partecipazione devono ricepire I cittadini e gli elettori sentendosi coinvolti in questa scelta a priori rispetto a una candidatura

Speaker 7: che poi porterà in una visione della città. Certo. Sono due strade differenti. Il partito democratico ha incitato vari territori anche a trovare soluzioni etarie di sintesi non sempre queste soluzioni sono diciamo raggiungibili e dobbiamo sempre vedere il lato positivo perché c’è un forte desiderio anche delle

Speaker 9: persone di essere ascoltate di poter dire la propria. Dovrete in qualche modo raccontare delle differenze essendo persone dello stesso partito lei e Andrea Giorgi e essendo persone che hanno fatto del parte della stessa giunta perché uno deve scegliere lei piuttosto che che che l’altro. Questo sarà secondo me l’impegno più complesso in questi densi. Certo. Trenta giorni e Scandiccia è piena di internazionalità dicevo dicevamo prima fatta di individualità, fatta di nogosfinomi, grandissime aziende per lei questa è una cosa di rimente il fatto di

Speaker 3: aprirele la città il

Speaker 0: più possibile

Speaker 7: all’Europa, al mondo e qualche altro. Certo, assolutamente sì. Tanti di noi quando vengono in piazzale resistenza si sentono in Europa perché oggettivamente la nostra città è pensata e progettata per questa dimensione nazionale internazionale. Questo deve essere il cuore del nostro progetto. Un progetto locale perché punta ovviamente all’amministrazione e alla gestione dei servizi locali e e di ciò che dobbiamo e dello sviluppo

Speaker 0: diciamo della città ma deve

Speaker 2: guardare al mondo dunque prossimo appuntamento di tutto al voto su Controlla dei Web TV quattordici febbraio Mirco Dormentoni, presidente quarta e quattro di Firenze responsabile sostenibilità urbanistica del PD, sedici febbraio, Stefano Saccardi, vicepresidente al Regione, candidata sindaco di Firenze per Italia Viva. Non sciolgo niente oggi. Ho già detto a settembre che sono centrista, sono centro campista. Centro campista può teoricamente correre con il pallone, può anche passare il pallone a qualcun altro che è più avanti, più a destra, più a sinistra, sono tutte le possibilità ma oggi non c’è niente da sciogliere. Questo quanto a dichiarato invece Aike Schmidt, ex direttore di Uffizi, attualmente direttore di Capodimonte a Napoli a marge dell’evento del passaggio di consegne con il suo con il leo direttore degli uffici Simone Verdi che è il suo successore alla guida degli uffici rispondendo appunto a chi gli chiedeva se fosse pronto a sciogliere la riserva sulla sua candidatura a sindaco di Firenze Vedo anche che oggi eventuali avversari sono tutti sulla linea di estrema sinistra a chiacchierare farsi complimenti e criticarsi quindi se ora corresse qualcuno sarebbe fuori gioco quindi è inutile correre adesso.

Ha detto Schmit impegnato in un’inedita e diremo alcuni tratti un po’ impervia ehm così, una impervia un impervio paragone calcistico. Buonasera a Niccolò

Speaker 4: Gramigni, Anza

Speaker 2: nazione grazie di essere con noi. Ciao Domenico, buonasera. Ti ha convinto

Speaker 10: questa questa parafrasi

Speaker 4: Schmidtana sul centrocampista? Allora non so che tipo di centrocampista è in generale dico che comunque è molto abile nel parolo Su questo gli va riconosciuto veramente un’abilità, cioè è una persona in grado di polarizzare a livello mediatico, attira sempre molto e infatti si vede anche da tutti I titoli che anche sui quotidiani si prende, nonostante appunto ormai non sia più neanche direttore degli uffici, poi bisogna vedere nel concreto che cosa accadrà, perché mi pare di capire che anche oggi comunque non ci sono stati passi avanti, continuano sotto traccia le trattative soprattutto a livello romano, però per ora non ci sono grandi novità. Ecco, è una tattica attendista che da un lato posso anche comprendere perché il discorso che fa Smith sulla lacerazione della sinistra è un discorso intelligente perché questo sta accadendo, dall’altro secondo me poi arriverà il momento delle scelte, deve arrivare a breve perché altrimenti poi insomma più tempo passa si diventa anche difficile affrontare una campagna elettorale quando l’avversario che

Speaker 2: sarà Funaro è già in corso ormai da mesi sì detto bene cioè da una parte c’è il rischio del logoramento che nel centrosinistra mi sembra in queste settimane in questi mesi è apparso evidente dall’altro però c’è anche il rischio che ci si presenti troppo tardi e oramai per quanto appunto come dicevo e poi Smita ha una capacità di rimanere sulla cresta dell’onda

Speaker 0: mediatica anche

Speaker 2: a prescindere dal proprio ruolo. Draghi ieri ha detto che appunto in effetti questa situazione a loro fa comodo dentro la prima settimana di marzo dovranno sciogliere la riserva era molto certo che oramai fosse il candidato ma del centro sinistra appunto tu che che idea hai rispetto

Speaker 0: a tutto quello che sta

Speaker 4: accadendo beh diciamo a livello di coalizione quella che lega il PD è Sarafonaro, quella è una coalizione comunque che è compatta, anche gli ultimi problemi legati a Sinistra Italiana in questo momento sembrano rientrati, però c’è anche l’incognita Italia Viva, perché un conto è avere in coalizione fin da subito Matteo Renzi, un altro è rischiare andare ad un eventuale ballottaggio e a quel punto cercare di trattare con Matteo Renzi per averlo perché comunque, benché se ne dica, ancora a Firenze il peso politico che ha Renzi è abbastanza evidente, quindi è evidente allo stesso tempo che insomma un personaggio come Renzi io me lo vorrei trovare amico fin da

Speaker 2: subito, al

Speaker 4: posto che arrivare ad un eventuale ballottaggio. Sul resto delle forze di Cerzo sinistra e di sinistra dico che c’è una grande confusione. Ad oggi non ho capito che cosa sarà Cecilia Delle. Non ho capito chi è il candidato dell’associazione 11 agosto di Tommaso Montanari. Ho solo capito che lui non si candida e sarà eventualmente capolista in Consiglio comunale, però esprimere anche lì la candidatura al sindaco è un’altra cosa e va fatta prima possibile.

C’è Dimitri Palaci con tutta la sinistra, c’è Tossinista italiana, insomma c’è un grande caos che secondo me non aiuta gli elettori perché anche un esterno comunque un anche un appassionato di politica che vuole un po’ capire che cosa votare per giugno mi sembra in difficoltà perché non per ora

Speaker 2: l’ignarezza ce n’è poca ecco e I giorni passano. Grande confusione sotto e sopra il cielo come si dice. Grazie, grazie Nicolo Gramigni. Buonasera grazie di essere

Speaker 1: stato con noi Nicolo. Ciao ciao ciao. Vita, morte e miracoli. La stagione due mila ventitre e due mila ventiquattro del teatro metastasia di Prato. Pies San Persona.

Il teatro documentario di Rimini Protocol riflette sulla morte e sull’effimero. Nella tentativo di testimoniare non tanto sulla morte ma sul viaggio che un uno di noi prima o poi sarà costretto a

Speaker 0: compiere. Dal quindici al diciotto febbraio al Fabricone. Controradio e quindi E

Speaker 2: dunque lo dicevamo prima e che Schmitt ha passato ufficialmente oggi il testimone a Simone Verde con la consegna simbolica della chiave degli uffizi e la scoperta quattro mani della targa dell’Auditorium delle Gallerie che viene intitolata da oggi al compianto Antonio Paolucci scomparso da poco. Prima di ripartire per Capodimonte a margine dell’evento l’ex direttore ha poi ribadito di non voler sciogliere la riserva e la sua candidatura sindaco di Firenze come detto chiudendo poi con una nota polemica riguardo alla scelta di una

Speaker 0: pubblicità particolare

Speaker 11: in Piazza Repubblica sentiamo non sciogliere oggi ho già detto a settembre che sono centrista sono centrocampista e centrocampista può teoricamente correre con il palone, può anche passare il palone a qualcun altro che è più davanti, più a destra, più a sinistra, questo sono tutte delle possibilità ma oggi non c’è niente da sciogliere. Vedo anche che I eventuali avversari sono tutte sulla linea di estrema sinistra a chiacchierare, a farsi I complimenti e a criticarsi se ora corresse qualcuno sarebbe comunque fuori il gioco e quindi inutile correre adesso. Devo dire che quando sono venuto qui stamani dalla stazione di Firenze mi sono fermato mezzo secondo ehm plazza della Repubblica ho visto un

Speaker 0: enorme pubblicità ti sei

Speaker 11: meritata la Spagna. Cioè nel mezzo di Firenze una grande pubblicità sicuramente autorizzata dal comune di Firenze dove viene fatto pubblicità per la Spagna. Uno dei migliori alberghi di Firenze di Rimpetto, I ospiti arrivano, aprono la finestra, vedono questa giostra che sembra un relitto di un film di Felini del millenovecentosettantatre e poi vedono questa pubblicità per la per la Spagna. Cioè secondo me questo è una vergogna. Una amministrazione comunale che autorizza una pubblicità nel centro storico di Firenze di questo genere.

Io raccomanderei al sindaco di fare ogni tanto una

Speaker 2: passeggiata per Firenze a vedere un po’ cosa succede questa città. Insomma comunque sarebbe un osso duro Schmidt sarebbe un osso duro perché come sentite come giustamente ricordavano I collogramini la capacità dialettica è innegabile se vogliamo anche la capacità no di trovare il il pelo che che che può poi creare la discussione. La nascita e la venere ai Botticelli, capolavoro e rinascimento, esposta agli uffici, è stato oggi ricoperto nel pomeriggio di immagini dell’alluvione di Campi Bisenzi, attaccate con scotch di carta alla tecca che protegge il dipinto, hanno agito due militanti di ultima generazione che ha dato la notizia spiegando che il personale del museo ha fatto uscire I turisti, spento le luci e chiuso la sala. Calabinieri hanno giunto I due attivisti, li hanno fermati, ora sono alla stazione Uffizi e c’è anche un presidio di solidarietà davanti alla caserma nascita la Venere ai Botticelli è stata ricoperta da immagini della realtà nella quale stiamo affondando, questo spiega l’ultima generazione alluvioni e franne, sono sempre più frequenti che creano danni alle case scuole, ospedali e strade da un lato, si cita inimmaginabili dall’altro questo nella rivendicazione di ultima generazione. La protesta dei trattori, la maggioranza dopo una lunga rincorsa tra fratelli d’Italia e Lega ha trovato l’intesa sottaglio dell’IRPEF agricola soddisfatto il gruppo di riscatto agricolo che ha organizzato le manifestazioni che si dice pronto a smobilitare la protesta.

L’agricoltura che difendete è sbagliata. Questo afferma Paolo Pilleri ordinario di pianificazione territoriale ambientale al Policlinico di Milano, autore di un articolo su altre economie in cui analizza I temi di chi non vol cambiare rotta per un’altra agricoltura di cipileri

Speaker 12: possibile e necessaria. Sentiamolo in l’intervista di Chiara Brilli. L’agricoltura che hanno difeso quei trattori peraltro le avete viste I trattori da centinaia di migliaia di euro quindi difficile poi farsi come dire idee chiare, sono agricoltura in enorme sofferenza. Comunque quelli sono anche trattori da agricoltura industriale, agricoltura quella che ne chiamiamo convenzionale, quindi è l’agricoltura che sicuramente deve fare enormi passi avanti per rispettare l’ambiente e anche produrre cibo pulito e sano quindi ehm oggi immaginare di andare a sostenere un’agricoltura di quel tipo non vuol dire fare bene al futuro ma non solo al futuro dell’ambiente del Tenente anche la cosa seria perché l’agricoltura è responsabile ma proprio per scontare tutto di un quarto delle emissioni clivalteranti praticamente mai sficato una cenura come la Lombardia I I terreni continuano a essere poveri di sostanza organica per via delle coltivazioni troppo intensive. Potremmo fare un elenco dei problemi che l’agricoltura non vuole affrontare, non riesce affrontare perché è predata da da da una logica industriale pertanto come ho come ho scritto è proprio sbagliato andare a protestare contro I governi europei e e quello italiano che continua a sostenere da anni l’agricoltura dovrebbero andare a protestare al prof insomma verso quelle industrie dei pesticidi e sementiere che

Speaker 2: fondamentalmente impongono

Speaker 10: una certa

Speaker 2: agricoltura l’Unesco l’Unesco ha istituito ehm l’Unesco ha istituito la Giornata Mondiale della Radio il duemila dolci decidento che ogni anno il tradici febbraio giorno in cui nel millenovecento quarantasei fu fondata la radio delle Nazioni Unite si celebrasse questo mezzo di comunicazione fondamentale per l’accesso all’informazione che favorisce la libertà di espressione e l’uguaglianza di genere che contribuisce al dibattito democratico attraverso l’intrattenimento e interazione con gli ascoltatori ai nostri microfoni invece ascoltiamo Francesco Diasi, autore di Eter, storia di radio, antenne e frequenze del mondo tra gli speaker

Speaker 13: del World Radio Day duemilaventiquattro di Milano. La radio ancora oggi dopo cento anni ha una particolarità ed è quello

Speaker 0: della partecipazione. La radio ancora oggi è partecipazione

Speaker 13: di tutti I dibattimi, da quelli più accechi, a quelli più controversi, fino a, se vogliamo, l’effetto romantico di poter chiamare il radio e dedicare una canzone a chi vogliamo bene, tutto questo genera partecipazione. Immaginiamoci quanto questo possa essere importante soprattutto nei paesi del sud del mondo dove stessi volentieri senza elettricità, senza accesso a internet, le popolazioni locali ricordano continuamente a questo strumento che non diventa soltanto uno strumento di informazione ma di comunicazione vera e propria per le comunità. Ci vediamo conto che in realtà in tutte le situazioni più vulnerabili la radio Aspetto è rappresentato un punto fermo, un punto fermo non soltanto per le comunità ma proprio nel percchio più intrinsico dei diritti di comunicazione. Diritti di

Speaker 2: comunicazione ci sono dei diritti umani fondamentali. Sfilate del drago e danza del leone in programma diciassette e diciotto febbraio prossima a Prato per I capodanno cinese. Prato è la città che conta la più numerosa comunità orientale in Italia. Il duemila ventiquattro peraltro è l’anno del dragone, sinonimo di potere, magnanimo, forza e darmonia secondo il calendario ononare cinese. È cominciato il dieci febbraio a prati festeggiamenti organizzati dall’associazione buddista della comunità cinese sono iniziati sabato scorso con la cerimonia della campana al tempio buddhisto Puroa di Piazza della Gualchierina proseguiranno appunto sabato e domenica prossimi con tradizionale sfilate del dragolo, danza e leone, il diciassette, nella industriale macrolotto, uno e due domenica, macrolotto 0

Speaker 0: e nel centro storico

Speaker 14: A friend in need is a friend indeed A friend with weed is better A friend with breasts and all the rest A friend who’s dressed in leather A friend in need is a friend indeed A friend who teases better Our thoughts compress which makes us blessed And makes for

Speaker 0: stormy weather e

Speaker 2: Dunque il dato è interessante perché in Toscana gli studenti che hanno subito episodi di bullismo si per bullismo nel duemila ventidue sono stati sedici per cento erano il ventitre virgo a due per cento nel duemila diciotto quindi diciamo in quattro anni c’è stata una diminuzione significativa di oltre il sette per cento. Un dato interessante certamente positivo direte voi sì è così però è ancora più interessante il fatto che si è ridotto molto il bullismo ma invece il ciberbullismo continua a rappresentare un problema addirittura è aumentato soprattutto il genere femminile buonasera all’assessore dell’innovazione in regione Toscana Stefano Ciuffo

Speaker 0: grazie di

Speaker 2: essere con noi. Buonasera a voi. Dato comunque no positivo in generale

Speaker 10: come dicevo preoccupante per la questione dell’online. Sì lo è in particolare per il fenomeno del salvo del bundismo che rischia di non avere elementi di autentico controllo. L’azione che noi stiamo sorricitando, che anche stamane in qualche misura abbiamo sviluppato con un confronto con I rappresentanti dei comuni, è stata proprio questa ricerca, cercare di comprendere con quale misura possiamo essere più attenti, più vicini ai percorsi formativi dei nostri giovani. Ne saremo fuori in realtà solo quando saremo in grado di dare ai nostri ragazzi elementi di capacità critica, autonoma, perché possono certamente intervenire norme di vieti e quanto altro, ma se I nostri ragazzi non saranno messi in grado di discernere le sondicitazioni, rischi, pericoli e l’internet, ormai la digitalizzazione ha messo a a disposizione di uno di noi difficilmente riusciremo nell’intento di creare soggetti liberi autonomi che possono difendersi

Speaker 2: da soli sono sto messo a rilevante. E c’è anche perché assessore no uno dice vabbè bullismo fisico no? È più è più pericoloso in realtà no? Perché sappiamo che sul lato della virtualità psicologico addirittura è più pesante no? Poi talvolta si sposta anche sul piano fisico ma comunque la devastazione può produrre ciberbullismo è certamente maggiore

Speaker 0: di quello che

Speaker 10: accade poi diremo in un bullismo no? C’è una differenza fondamentale il bullismo al quale in qualche misura tutti siamo stati toccati in qualche momento della nostra vita, della nostra esperienza, sia la scuola, sia lo sport, siano altri elementi nella relazione comune che a persone avvengono in momenti di prevaricazione di uno o di gruppi, ma una cosa è il confronto fisico in luoghi, spazi, dimensioni reali e una cosa è la subitanza, il rischio di moltiplicazione degli attacchi, la subalternità che si può creare attraverso Internet se non abbiamo capacità critica. Penso alla diffusione di immagini contro la volontà dei singoli, penso alla subalternità psicologica che si può creare, un adulto può interferire sulla relazione, sulla dominanza verso un minore n senza elementi di tutela, senza possibilità di essere apertamente messo in evidenza la sua violenza. Per questo I ragazzi devono assolutamente comprendere che quando capiscono di essere minimamente soggetti a questi rischi, devono parlare, parlare con le loro compagne, con I loro docenti, con la maestra, con I genitori, perché si può uscire, si può essere aiutati, si può essere accompagnati fuori in sicurezza da questi da questi pericoli che producono

Speaker 2: mostruosità che una volta non esisteva. Grazie, grazie alla assessora Stefano Ciosso. Raccogliamo e rilanciamo l’appello naturalmente. Dal ventitre fino al venticinque febbraio la stazione Leopolda di Firenze in scena la terza edizione di testo evento che dal duemila ventidue serve da punto di incontro tra lettori, caseditrici, autori italiani internazionali e chiunque s’interessa o lavori nell’editoria contemporanea, manifestazione ideata dalla Liberia Todo modo di Firenze organizzata da Pitti al stazione Leopolda si arricchisce quest’anno di nuove collaborazioni ed eventi in tutta la città parlarcene Pietro Torrigiani, ideatore di testo, proprietario della libreria

Speaker 15: Todo modo intervistato da Viola Giacalone. Quest’anno sono nati I book club, cioè gli autori, ospiti internazionali I cui libri usciranno in prossimità di testo verranno accolti da un gruppo di lettura che ha già letto il loro libro quindi già preparato. Quest’anno sono nati le passeggiate letterarie che sono bellissime, sono dei percorsi in periferia e in provincia seguendo o la letteratura o la filosofia orientale. Il cinema, facciamo tre produzioni per le cinema

Speaker 0: e la compagnia, uno spettacolo di danza con

Speaker 15: la goldenetta, cioè potrei andare avanti ancora. Sono tutte collaborazioni che stupiscono quando si leggono tutte insieme, perché sono molte, ma in realtà non lo fanno perché la struttura dell’organizzazione di testo è proprio pensata per dare luogo ogni volta a progetti diversi. L’attenzione che dedichiamo a testo è quella più legata alla qualità, è legata, è brutto dire da nicchia, però essendo la terza edizione è una creatura nuova, è una piantina che sta germogliando e se tu non le dai le radici forti poi questa piantina crolla e secondo noi il fatto di avere tre o quattro nomi pazzesche che ti portano decine milioni di persone a dispetto di un programma solido alla lunga è una strategia che non funziona per cui ci siamo concentrati ad avere autori di enorme qualità però legati sempre a un loro valore letterario puro al di là della celebrità. Ora ci sono alcuni tipo Björn Larsson che è famosissimo e anche Sylvan Tesson che è diventato famoso perché sono usciti un paio dei suoi film documentari però ad esempio Nick Thorpe è un inglese viaggiatore eccezionale che ha scritto il libro più bello sul Danubio che si è mai uscito. I Marini Mie che si trova, Lidi e Salvera.

Sono

Speaker 2: tutti autori importantissimi. Dunque in prima e professione del tempo in conclusione vi ricordo che anche a Firenze è stato organizzato un presidio per la Palestina davanti alla sede regionale della Rai lo rendono noti I consiglieri comunali di sinistra al progetto comune Dimitri Palagi anche candidato sindaco e Antone Labundo l’iniziativa in programma giovedì, giovedì quindici febbraio c’è un clima pesante e preoccupante al nostro paese rispetto a richiesta di pace in Palestina. Questa quanta ferme due consiglieri di sinistra progetto comune dopo gli episodi di San Remo con la lettura di una nota dell’amministratore delegato e la televisione pubblica in risposta a pochissime parole di Gali sono in corso delle organizzazioni presidi di fronte alle sedi e di tutta Italia anche a Firenze l’appuntamento appunto è per giovedì. Le previste nel tempo per quanto riguarda la giornata di domani sulla Toscana c’è lo sereno poco novoloso, salvo transito di velature locali nebbia al mattino nelle valli venti deboli da ovest nord ovest Maripoco Mossi, temperature minimi in ulteriore lebe calo, le massime quasi stazionarie e tutto. Giustina in regia ottimamente la ritroverete dopo la sigla fino agere popoia trenta buon

Speaker 0: serato a tutti voi dal Domenico Guarino. Ciao ciao

Speaker 1: Newsline sera”

Leggi l’articolo su: ControRadio.it

Previous episode