search menu
play_arrow

WidgetWeb

News line del 17 Aprile 2024 18:15

regia 17/04/2024


Background
share close


Speaker 0: E non è vero

Speaker 1: Newsline sera

Speaker 2: le diciotta e diciasette una buona serata a tutti voi da Domenico Quarino ben trovati alla Newsline serale per questo mercoledì diciassette aprile duemilaventiquattromolta cronaca nella Newsline che come sempre avrà al centro le notizie del giorno principali per quanto riguarda Firenze la Toscana e servizi della redazione e le interviste in diretta, gli approfondimenti, la cronaca dicevamo perché ci sono c’è c’è un fascicolo aperto per omicidio colposo riguardo alla morte del giovane calciatore Mattia Gianni che ha avuto una un infarto fatale domenica nella partita del campionato di eccellenza Campi Bisenzio durante il match tra Lanciotto e Castelfiorentino United poi è morto il giorno dopo a Careggi proprio in seguito al all’infarto però però ci sono molte polemiche accese anche dalla dalle dichiarazioni dei familiari, dalle testimonianze riguarda la tempestività dei soccorsi, alla presenza o meno dei medici, alla collocazione ehm ehm alla localizzazione meglio del del defibrilatore, all’arrivo dell’ambulanza con o senza medico a bordo insomma tutte cose da valutare e allora la procura ha aperto questo fascicolo per omicidio colposo al momento naturalmente non ci sono indagati c’è invece un colpevole definitivo per quello che riguarda la morte di di Niccolò Ciatti ricorderete no? Il peppestaggio orrendo orribile che provocò la morte straziante del giovane Niccolò al ehm Aure De Mar nel quattordici agosto del duemila diciassette una discoteca Raul Rasulvi Sultanov che è ritenuto l’unico colpevole è stato condannato dalla Corte di Cassazione.

Ieri vi abbiamo dato la notizia ehm praticamente in in diretta durante la news line a ventitre anni, solo che Bissultan al momento è uccelli Bosco, cioè è latitante quindi sentiremo il padre di Niccolò Luigi Ciacci nuovamente ribadire l’appello affinché venga trovato e venga portato a scontare la la pena che a cui è stato legittimamente condannato. Molta politica anche perché ieri c’è stata Firenze Magnifica, no? La prima convention di Ike Schmit, candidato del centrodestra a Firenze, però questa mattina è stata ospite, non si studia la candidata del centro sinistra, Sara Funaro, quindi in una specie di pin pong vi faremo sentire entrambe le le voci e e poi c’è stata la presentazione dei candidati alle Europee di Alleanza Verdi Sinistra. Ci occuperemo ancora della vertenza Tintoria K. S.

Che ha avuto una un esito positivo grazie anche all’impegno dei SICOBAS sentiremo su questo Arturo Gambasi e portavoce sindacato e Poi vi parleremo di un bell’incontro che mette al centro la pace, il dialogo tra le donne per quello che riguarda la possibilità di una convivenza quantomai necessaria ma quantomai difficile e lontana nella società civile israeliana e palestinese. Tutto questo naturalmente nella seconda parte dopo I giorni di popolare Network delle diciotte e trenta e dopo la storia che dedichiamo invece a una polemica che ha a che fare ancora una volta

Speaker 0: con I consultori e la legge centonovantaquattro Mettaglielu is the truth See me in the movie in your heart Lady, oh yeah Mettaglielu is the truth Mettaglielu is the truth All alone without you Oh yeah, Mettaglielu I couldn’t be You’re gonna feel my baby to me She’ll be wild, you know if I don’t try to quit Yeah, Melodolove, has it been Just like a silkscurt, a saber tooth, a dream I’ll clean you up, you’ll show me Oh, yeah, Melodolove, is it you? E non c’è paura

Speaker 2: Dunque come dicevamo non c’è pace per la centonovanta quattro ehm impropriamente legge sull’ aborto ma insomma per intenderci perché? Perché c’è questo emendamento di Fratelli d’Italia al decreto sul PNRR con il quale si dà alle Regioni la possibilità di inserire nei consultori rappresentanti delle associazioni anti abortiste contro questa ipotesi hanno preso posizione due assessore della Giunta Regionale Toscana Alessandra Nardini e Serena Spinelli tre anzi anche Monia Monni e Serena Spinelli assessora al welfare della Regione Toscana è collegata con noi No perché è caduta la linea ma la recuperiamo subito. È una polemica naturalmente si aggiunge alle tante polemiche sulla centonovantaquattro. Sapete che è un tema politico molto sensibile soprattutto quando ci si avvicina alle elezioni dobbiamo dire. E comunque è un campo di battaglia che divide oramai storicamente in maniera molto forte, molto netta, centro-destra e censore-inistra, è uno di quei temi no?

Su cui le le di atribe, gli scontri, le battaglie, le le polemiche sono sono all’ordine del giorno e naturalmente questo questo questo emendamento di Fratelli d’Italia è andato a fare da detonatore ulteriore a queste polemiche per cui come dicevamo decreto PNRR e le regioni hanno la possibilità di inserire I consultori, rappresentati dell’associazione di abortisti abbiamo recuperato Serena Spinelli,

Speaker 3: assessora buonasera grazie di essere con noi.

Speaker 2: Buonasera, scusate la rischi del momento. Ci mancherebbe

Speaker 4: e il

Speaker 2: bello della diretta come dicono quelli bravi. Allora Assessora questo insomma

Speaker 3: questo emendamento perché vi trova contrario? Ma si comincia a dare le risposte a ciò di cui ci sarebbe bisogno sempre nella modalità sbagliata. Il PNR fra le altre cose aveva anche l’ambizione di di ristrutturare, riformare, potenziare I sistemi di sanità di territoriale di cui I consultori sono uno dei luoghi carline della presa in carico delle donne ma anche dei giovani, degli adolescenti, della generalità e si risponde invece minando alle base la libertà delle donne di scelere e di trovare nei consultori quelle figure professionali, quelle competenze che possono accompagnare la loro scelta o non scelta di maternità in maniera competente, formata, personalizzata e di supporto psicologico vero. Invece da andare a rafforzare I professionisti all’interno dei consultori si mettono figure all’interno non professionalizzate che hanno un atteggiamento ideologico e che rischia anche di creare complessità alle donne che fanno una libera determinata scelta che deve essere supportata e accompagnata da personale specializzato. È una scelta ideologica non comprendendo oltretutto una adeguate e accessa alla 194, peraltro è anche dimostrata un elemento di sicurezza per le donne e anche una più aggressiva riduzione dell’accesso alla 194.

Si ripete costantemente lo stesso meccanismo. Nelle regioni di centro-destra non si favoriscono quei percorsi di accesso alla 194, che sono anche meno invasivi per le donne, a partire dall’userito dell’RU 486, sia a difficoltà di accesso per l’alto numero di medici antibiotisti che sostanzialmente si nega una legge dello stato che ricorda tutto questo paese avvoluto con una conferma

Speaker 2: referendaria che ha vinto a larga maggioranza nel paese. Sì, peraltro diciamo possiamo anche dire con uno schieramento abbastanza trasversale poi al di là di quelle che furono le indicazioni dei partiti ma la lunga maggioranza come lei ricordava. È vero che negli anni dal centonovantaquattro come lei diceva per per tutta una serie di motivi per tutta una serie di motivi forse si allontanata un po’ da quello che era il il suo obiettivo si fa fatica e lei lo ricordava ad avere tutti gli strumenti necessari comunque noi abbiamo sottomano un comunicato stampa della della l’avrà visto l’associazione provita famiglia che dice no noi non entreremo nei consultori perché noi vogliamo fare ehm campagne di sensibilizzazione politica influenza politica, un campagna nazionale

Speaker 4: però

Speaker 2: afferma insomma l’emendamento va alla giusta direzione perché ehm perché si tratta insomma di riportare I consultori al ruolo per cui furono pensati, cioè il luogo dove le donne possono essere aiutate a trovare alternative concrete all’aborto rimuovendo situazioni di disagio socioeconomico di solitudine e abbandono che rendono la determinazione un vuoto slogan politico. Questa è la posizione

Speaker 3: di provita famiglia. Come risponde? Le donne trovano I supporti socio economici nella comunità e nella risposta ai servizi sociali che si costruiscono nella comunità. Le donne hanno il diritto alla propria autodeterminazione sul loro corpo e nei consultori è già previsto la legge quali siano I percorsi e le devono supportare. Si nega il fatto che in maniera costante questo governo sta tagliando tutti strumenti di supporto alle situazioni di povertà, di fragilità e lo stiamo vedendo costantemente.

Nessuno si ricorda che ad esempio le assegnatale di Red Cittadinanza sono state in larga parte le donne, su un momento per il quale con la riforma arriveremo a prendere in carico meno della metà delle persone che avevamo già in carico precedentemente. Quindi non confondiamo la necessità che le nostre comunità siano in grado di supportare le persone con il ruolo dei consultori devono svolgere e devono consentire l’autodeterminazione delle donne sulla loro vita e sulla loro scelte individuali che non sono sempre solo socioeconomiche. Sono anche scelte legate al volere

Speaker 2: essere o non volere essere madri. Ovviamente. Assessora grazie, grazie di essere stata con noi, una buona

Speaker 3: serata e buon lavoro a lei. Serena Spinelli. Grazie a voi.

Speaker 0: Grazie a voi. Buona serata. Che si fa, che si fa a voi. Buona strada.

Speaker 2: Ah beh tema insomma quantomai interessante poi comunque un’esperienza diciamo che segna poi la vita delle persone, no? Quindi è giusto che che anche che si dibatta, l’importanza sarebbe che che si dibattesse all’ifuori di schieramenti ideologici preconcettiti, si entrasse nel merito della vicenda e comunque a che fare poi essenzialmente con con la vita del delle persone quindi tema e anche con I convincimenti intimi delle delle persone quindi si si tratta davvero di un tema su cui I toni dovrebbero essere quelli del massimamente del rispetto e della anche della delicatezza e troppo spesso invece si trascende allora sono le diciam diciotto e ventotto tra pochissimo la linea va a Milano per reggere il network poi torniamo insieme con altre notizie la cronaca, la politica, eccetera

Speaker 0: eccetera, insomma, meno consuote la news line, dopo EEEEEEE

Speaker 5: L’uomo è tornato da tua casa

Speaker 0: Oh Dilli, oh Dilli, hai sentito?

Speaker 5: La mia bella mamma diceva che era un uomo

Speaker 4: e

Speaker 0: non

Speaker 6: si fermano I bombardamenti nelle ultime ventiquattro ore almeno cinquantasei palestinesi morti. In Sicilia è indagato per corruzione la vicepresidente Luca San Martino leghista dalla duemila e ventuno è accusato per fatti che risalgano agli anni precedenti. In passato ha fatto parte dell’UDC, del PD e d’Italia Viva. La magistratura lo ha sospeso dai suoi incarichi di governo da cui si è dimesso subito dopo. Una massiccio, uso massiccio di psicofarmaci e un numero impressionante di tentativi di suicidio.

Il tavolo asilo e migrazione ha presentato I risultati delle visite ai CPR fatte due giorni fa da parlamentari e consiglieri regionali di opposizione.

Speaker 4: Abbiamo trovato dei piccoli lager, dice la deputato del partito democratico Matteo Orfini.

Speaker 6: Intanto I garanti territoriali dei detenuti lanciano un appello e una mobilitazione contro I suicidi in carcere servono azioni contro il sovraffollamento e più attività culturali, lavorative e ricreative. Domani davanti alle carceri saranno letti I nomi dei trentuno detenuti e dei quattro agenti penitenziari che si sono uccisi in Italia dall’inizio dell’anno dopo gli scontri di ieri oggi la sapienza c’è stato un presidio dei collettivi studenteschi chiedono di essere ascoltati dalla rettrice sui boicottaggi alle università israeliane, da questo governo solo manganellate a Cripo Tresta dicono gli studenti convalidati fermi dei due fermati ieri. Voto in condotta più pesante fin dalle scuole medie riforma dei voti delle elementari primo via libera alla legge valditare il ministro si restituisce autorevolezza alla scuola e agli insegnanti Sono le diciotto e trentatre minuti per il momento e tutto con il giornale radio ci risentiamo alle diecianove e trenta

Speaker 2: La cronaca come dicevamo omicidio colposo è questa l’ipotesi di reato su cui indaga la procura della Repubblica di Firenze per la morte di Mattia Gianni il calciatore ventisenni del Castelfiorentino United che domenica quattordici aprile ha causato un malore durante la partita con il lanciotto ed è deceduto poi lunedì mattina all’ospedale di Careggia. Al momento non ci sono persone scritte al registro degli indagati il PM Giuseppe Ledda disporrà l’autopsia che si terà domani oppure venerdì prossimo. L’asvolta al fascicolo di indagini per la morte di Mattia Giani è stata data dalle dichiarazioni fatte anche dai genitori e carabinieri della compagnia di San Mignato in provincia di Pisa ieri pomeriggio e carabinieri su richiesta della procura di Firenze hanno infatti sentito assommare informazioni, questa è la il termine l’espressione tecnica e venosata dei genitori di Mattia come persone informate sui fatti riguardo al malore avuto dal figlio mentre giocava sul campo del lanciotto a Campi Bisenzo, nessuna denuncia formale risulta al momento depositata in procura intanto la FIGC fa sapere che le gare della ventinuvesima giornata del Gironne A del campionato di lettanti di eccellenza in programma domenica prossima ventunaprile non saranno disputate verranno invece giocate la domani che è successiva il ventotto aprile ho deciso appunto il comitato regionale Toscano Figi in seguito alla morte di Mattia Giani e la la gara lo ricordiamo era stata sospesa dall’arbitro al quindicesimo e primo tempo sul risultato di 0 0 la proseguzione è stata fissata per mercoledì ventiquattro aprile.

La Federcalcio è inoltre stabilito che le partite alla trentesima e ultima giornata sempre il Gironi ha dei campionati di eccellenza inizialmente già programmate per il ventott’aprile saranno invece disputate domenica cinque maggio per consentire la regolarità dello svolgimento del campionato nel Girono. Il riconoscimento della colpevolezza di Bisultanov è solo il primo passo, adesso va ricercato affinché vada in carcere. Così Luigi Ciacci, il padre di Niccolò, commentando la decisione della Corte di Cassazione che ieri ha reso definitiva la condanna a ventitre anni di reclusione per il cittadino ceceno, ha accusato il lomicidio del ventiunenne Toscano morto nel corso di un tragico pestaggio agli ore de mar in Spagna nell’agosto duemiladiciassette in una discoteca a deciderlo ai giudici della prima sezione in cassazione che hanno accolto così le richieste avanzate da la procura generale. La giustizia italiana arriva dunque ad un giudizio definitivo per l’uomo che attualmente latitante sentiamo

Speaker 7: Luigi Ciacciati al microfono di chiara Brilli. Finalmente è stata definita perlomeno a livello giudiziario la colpevoletta di Bisultano anche se non ne avevamo dubbi ma adesso a questo punto visto che la sentenza è definitiva Ci auguriamo che ci sia il vero impegno da parte delle nostre forze dell’ordine, del nostro governo, delle nostre istituzioni, affinché Bissultanov fa paghi con il carcere per quello che ha fatto a Niccolò, perché sono quasi due anni che lui è fuggito dalla Spagna, da Girona, quando dopo il verdetto è messo il giudice si è preso ben un mese lasciandolo libero prima di dirgli che avrebbe dovuto fare altri 15 anni di carcere. Voglio poi dire, rischi di fare da 15 a 25 anni, però ora per un mese ti lascio libero. È evidente, aveva già provato a scappare un anno prima, era evidente sarebbe scappato, nonostante le nostre raccomandazioni di sorveglianza, di controllo, niente hanno fatto e quindi è ovvio che lui stavolta è riuscito a fuggire. C’è qualcosa a livello europeo che non funziona a livello di collaborazione, perché non ci scordiamo che se non fosse stato per l’Italia per la magistratura italiana per le per I tribunali italiani di Sultano ma a quest’ora sarebbe non avrebbe fatto neanche un processo né in Spagna né in Italia assolutamente niente quindi fortunatamente c’è stato l’intervento dell’Italia a questo punto ci siamo riusciti, ci siamo riusciti in questo primo passo perché poi niente canda nei suoi

Speaker 2: confronti perché per ora è sempre la di tante. La politica prima uscita ieri sera del candidato al centro-desa prossima elezione al ministro dello di Firenze che si svolgeranno l’otto e il nove giugno, l’ex direttore degli uffici a che Schmit si è presentato alla cittadinanza davanti ai vertici dei partiti che lo sostengono ma senza simboli né bandiere che rimandassero appunto ai partiti e alla politica tradizionale per così dire è accaduto ieri sera ve l’abbiamo raccontato in diretta al Teatro Cartiere Carrara, l’ex Sashol di Firenze

Speaker 4: c’era per

Speaker 8: noi Raffaele Palumbo. C’è entusiasmo a destra. A Firenze l’ex direttore degli uffici Aichersmith ha presentato la sua candidatura. Niente bandiere dei partiti che a destra lo sostengono, solo bandierine gigliate, niente politiche sul palco, ma solo nelle prime file e finalmente dicono in platea abbiamo un candidato vero. Il che non è proprio rispettoso nei confronti dei passati candidati del centrodestra, ne è una bella missione di metodo, ma comunque ora si cambia, dice Smith, Firenze tornereà magnifica.

Sì, ma come? In un’atmosfera un po’ trampiana, fatte le debite proporzioni e la parola d’ordine è cambiamento. Sì, ma come? Le cacine diventeranno il central parchi di Firenze, quello che sta a New York non a Londra per intenderci, l’accoglienza sì ma in sicurezza, viva I giovani che si divertono in centro ma I residenti devono dormire, tramvie sì ma con belle tecnologie, turismo sì ma va gestito. E ancora la spesa per lo stadio è un enorme spreco di risorse pubbliche, ma è lo stesso Schmidt che tempo fa si era sperticato in lodi su quel progetto da membro della giuria disse alla nettezza e la pulizia del Brunelleschi e del Vasari e infine basta con gli speculatori via gli investitori.

Sorboliamo sui finanziamenti agli asili mido su cui in questi anni Firenze ha fatto scuola. Ancora una volta quello che entusiasma la platea è che Aiche tutta la città deve chiamarmi così ha detto non è un politico non ha fatto politica non ha frequentato la politica.

Speaker 2: Cosa c’è di meglio se parliamo di politica? E a proposte della serata di presentazione ai candidato a Ike Schmit sentiamo un breve estratto che Raffaele

Speaker 9: Palumbo ha realizzato tra le persone intervenute. Potrebbe essere un candidato e concorrenziale, interessante. Potrebbe rappresentare al ballottaggio eventualmente una risorsa per Firenze. Ecco. La sinistra di governo ha fatto male c’è molta critica in città vedo c’è molta molta polemia molto molte problemi vediamo se poi la città che è una città conservatrice Firenze è una città di conservativa più che conservatrice.

Vive di rendita, ama molto non spuotersi tanto, ama la questa specie di Pax cioè da quarant’anni. Quindi non è tanto un problema destra-sinistra È una consuetudine

Speaker 10: della città a vivere in un certo modo. Che ci sia un cambiamento finalmente in questa città. Che non se ne può più. Basta. Basta con questo degrado, basta con questa situazione di settantacinque anni così possiamo provare qualcosa di diverso, proviamo che sia qualcosa di nuovo.

Non è un politico,

Speaker 4: finalmente è

Speaker 10: un imprenditore, è un uomo serio che ha dimostrato negli anni

Speaker 9: quello che sa fare è degno della nostra fiducia. Almeno dovrebbe essere una bella una bella serata in quanto si spera che questa persona arriva al punto di essere sindaco per poter cambiare un pochettino

Speaker 8: le cose poi si sarà

Speaker 11: a vedere. Lei è un elettore del centoneste. Io sono io ho ancora la testa del PD ma sono talmente schifato da quello che hanno

Speaker 8: fatto che passo di qua. E che cosa

Speaker 11: ma che cosa che la la la fatta dire? Gestione veramente veramente senza nessun ritenio verso una lobby continua fra loro dentro loro dentro lo stesso partito cioè è una cosa terribile l’ho vista da dieci anni l’ho provato a combattere dentro perché le ripeto io avevo la testa del

Speaker 4: PD al punto

Speaker 11: di essere così schifato da dire provo un uomo di cui mi

Speaker 2: filo. Vediamo. Far peggio sarà difficile. E a proposito insomma di di Aike Schmidt, della candidatura di Aike Schmidt è stato uno dei dei temi al centro della dell’intervista realizzata da Chiara Berri e Fede Palumbo questa mattina rubrica tutti al voto con la candidata del centrosinistra a Firenze Sara Funaro ospita appunto I nostri studi alla il tema della presentazione della città di di Schmitt è stato uno degli argomenti mi sarei aspettata da lui proposte oltre a dire cose che non vanno auspico un confronto ma su cose concrete non su slogan ha detto Funaro che che poi si è tolta anche qualche sassolino dalle scarpe rispetto a certi temi come I servizi all’infanzia e coerenze di posizioni di Schmitt, il riferimento ad

Speaker 12: esempio al nuovo stadio, sentiamo. Mi sarei aspettata perlomeno questo è quello che dicevano che oltre a dire le cose che non vanno ci sarebbero state delle proposte e non mi sembra di aver visto le proposte concrete noi siamo per il sistema della mobilità sostenibile siamo per le tramvie mi pare evidente che loro sono da un’altra parte. Dice di voler combattere l’overtourism ma dice di essere contro le norme che stiamo mettendo in piedi sugli Airbnb dice di voler risolvere la sicurezza ma non mi sembra che sia stata fatta neanche una proposta tra l’altro ricorderei che la sicurezza dipende soprattutto dal governo mi auspicio che possa esserci prima o poi un confronto ma ovviamente con delle proposte concrete. Sui midi non mi faccio dare lezione ne da Schmidt ne dal centrodestra. Ricordo che la nostra città e l’impegno che abbiamo messo in questa amministrazione ha portato Firenze ad essere la prima città metropolitana in Italia per numero di posti nido sul tema dei giovani io sono convinta e sono sicura che noi dobbiamo dare delle risposte ai giovani e che queste debbano conciliarsi ovviamente con quella che è la vita dei residenti che vivono che vivono nelle città ma io penso che quando ci si candida sindaco oltre a quelli che sono gli slogan bisogna portare delle proposte concrete allargare il regolamento unesco al di fuori dell’Areonesco che ora con le norme è possibile.

Stringere ancora di più con le regole all’interno dell’Areonesco. Cioè se noi vogliamo una città che sia vivibile, che sia per I cittadini, noi dobbiamo partire prima di tutto da quelle che sono le risposte che I cittadini devono avere. L’abitare sostenibile sono avere gli esercizi di vicinato, I servizi che sono fruibili. È chiaro che poi vanno messe in piedi anche tutte quelle che sono delle politiche che portano anche il turismo al di fuori di una certa area, per cui con un’ attrattività anche in altre zone. A me sembra anche abbastanza evidente che abbia detto delle cose che poi stia dicendo al contrario delle cose che ha detto anche nel passato.

Faccio un esempio concreto. I commenti che faceva ieri sullo stadio. Io ricordo che il delettore Schmidt è stato nella commissione di valutazione dello stadio e che a quell’epoca ha esaltato il progetto

Speaker 2: che è stato il progetto vincitore ehm c’è anche una notizia che riguarda la ehm come dire Il ventilato accordo tra Italia Viva e Cecilia del Re che para allontanarsi perché ci vi leggiamo questa dichiarazione arrivata oggi del pomeriggio da parte di Stefana Saccardi, Italia Viva, candidata appunto dei Renziani alla carica di sindaca. Ad ora un accordo con Cecilia del Re è difficile, con Cecilia abbiamo ottimi rapporti, conteneremo ad esserci anche se al momento le nostre strade procedono in modo parallelo. Questo ha affermato Saccardi che ha aggiunto non c’è stata alcuna rottura con Cecilia ma al tempo stesso a strada dell’accordo è complessa. Venendo invece al tema delle Europee, Antonio Natali settantatre anni originario di Piombino, ex direttore della Galleria Agliuffizi e la fiorentina Lucrezia Llaro, laureanda in giurisprudenza all’Università di Firenze, attivista sui temi dell’uguaglianza di genere e denuo welfare sono I candidati alle Europee per AVS, alleanza Verdi e Sinistra nella circolazione Italia Centrale Sandra Salvatore le ha sentiti per noi questa mattina al caffè letterale alle murate dove hanno presentato

Speaker 13: I punti salienti della loro campagna elettorale. Lo spirito che mi vuoi in queste circostanze è lo spirito di servizio perché sono lì in formazione cristiana, nelle mie fedi politiche

Speaker 4: e religiose contemplano quando sono seriamente intese lo

Speaker 13: spirito di servizio. Credo anche che se questo fosse un concetto in grado di animare molti politici sarebbero già assai diverse le vicende del nostro Paese. Mi sembra che questo sia uno dei momenti più gravi che nella mia vita io abbia conosciuto. So bene il periodo delle Brigate Rosse, so bene la gravità di Chittà in Giontopoli con quello a cui poteva portare, conosco bene tutte le altre vicende, quelle connesse per esempio al terrorismo, però so altrettanto bene che c’era una tempo, una coscienza politica in molti politici, non in tutti. Poi comunque era come se il pericolo fosse esterno e le forze si qualizzavano, quasi tutte.

Ora il pericolo non è esterno, Il pericolo è in questa destra, vulgare, intellettualmente vulgare. Quella classe che ora è al governo è molto pericolosa da un punto di vista proprio della democrazia, dell’essenza stessa della democrazia. Credo molto di più di quanto si stia prefigurando. E allora non basta più condividere le idee politiche di altri bisogna per quel poco che si può fare impegnarsi di persona mettendoci la faccia.

Speaker 14: Vogliamo esserci per le persone per non lasciare indietro nessuno e nessuno sicuramente I temi attuali le sfide per I prossimi decenni sono tantissimi partendo da la sostenibilità, quindi il tema ambientale, ma anche senza dimenticarci la sostenibilità della vita delle persone e quindi penso al lavoro e soprattutto alla categoria che magari rappresenterò di più e quindi giovani per garantire un diritto alla felicità e per garantire alle persone oltre

Speaker 15: di lavorare anche di vivere a Cango, Cantieri Goldenetta Firenze, la democrazia del corpo, spettacoli e performance fino a maggio, info, biglietteria, Chiacciola Virgilio Siani punto it, Venerdì e sabato simple di ILM Parolin utilizzando un vocabolario coreografico volutamente limitato e scarno. Tre danzatori saranno impegnati in un sorprendente gioco di ritmo e costruzione costantemente ridistribuito,

Speaker 4: ricostruito e riprogettato. Il libro della vita, la

Speaker 1: decima edizione dedicata alla memoria di Sergio Staino. La domenica mattina l’editorio Rogers Piazza della Resistenza di Scandicci torna, la rassegna ideata è condotta da Raffaele Palumbo. Dieci appuntamenti in cui ospiti autorevoli raccontano il libro che ha segnato la loro esistenza. Programma completo su Libro della Vita punto net e pagina Facebook il Libro della Vita. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Domenica ventuno alle undici Federico Maria Sardelli parla di la

Speaker 0: trilogia della villegiatura di I goldoni. Controradio Oh, what’s wrong

Speaker 5: with me?

Speaker 4: I’m itching like a man

Speaker 5: on a fuzzy tree My friends say I’m acting wild as a bug I’m in love I’m all shook up Ooh,

Speaker 0: ooh, yeah, yeah Oh, well, my hands are shaky And my knees are weak

Speaker 5: I can’t seem to stand on my own 2 feet Ooh, ooh, yeah, yeah non so

Speaker 2: dunque allora dicevamo della della politica no? L’ampia pagina politica dedicata alla presentazione di Schmidt, la presenta di Funaro al ehm in in ehm nel nostri microfoni, nostri studi questa questa mattina ma c’è anche la la questione che riguarda la ehm la la sinistra diciamo no? Sinistra sinistra e centrosinistra e quelle che sono le le mosse del dell’associazione in dicio agosto perché associazione in dicio agosto con un appello, un ultimo appello è tornata proprio in queste ore a rivolgersi pubblicamente a tutti I soggetti politici che potrebbero dare vita a una condizione progressista si scrive nel documento capace di fermare a destra e cambiare davvero le cose a Firenze nell’appello ancora aleggiamo il nostro scopo non è quello di presentare ennesima piccola lista che divide alla sinistra ma cucire forze civiche fino ad una disperse e forze politiche tra le vise ci rivolgiamo si legge ancora il appello al Movimento Cinque Stelle da settimane bloccate con la trattativa col PD fiorentino che rischia di dare un unico frutto, cioè impedire a nascita una collezione davvero incisiva e poi l’appello a sinistra al progetto comune naturalmente e anche a Firenze Democratica invitiamo queste due forze a confrontarsi con un 11 agosto Firenze Città Aperta, Firenze Democratica e con gli altri soggetti che in queste settimane hanno dialogato ehm se questo appello non sarà raccolto l’occasione del noveggiorno andrà perduta.

Questo è l’appello che viene l’appello che viene fatto a appunto dalla dall’associazione diciagosto che fa capo come sapete così come nome tutelare no? Allo storico dell’arte Tumaso Montanari noto, volto televisivo nonché retore dell’Università degli Stranieri di Firenze vedremo se sortirà degli effetti e lo troverete poi nella sua integrità nella sua interenza sulla sul nostro sulla nostra su nostro sito, le nostre pagine social la Multiutility, la Multiutility nel frattempo che è uno dei temi diciamo di di di di maggiore rilievo anche all’interno della campagna elettorale per quello che riguarda soprattutto la quotazione in borsa. La Multi Utility miete successi e ehm e soprattutto va benissimo per quello che riguarda la per quello che riguarda gli utili perché I ricavi addirittura sfondano il miliardo di euro, un miliardo e ottantasei milioni di euro in aumento di secento dieci milioni rispetto all’esercizio precedente grazie al consigliamento del gruppo extra più cinquecentocinquantotto milioni e alla crescita viene detto il settore ambiente più cinquantuno milioni investimenti per oltre centasessantodio milioni e la proposta ai dividenti fissati a trentatremilioni di euro a fronte di ventotto milioni al duemila ventidue. Sono questi alcuni numeri del bilancio duemila ventitrediali a multi utility approvati dalla CDI alla servizia ambientale presiduto da Lorenzo Perla, Lorenzo Perla che dice il miglioramento dei risultati economici consolidati che traspare in modo chiaro dai dati del bilancio duemilaventitre va ben oltre la semplice somma algebrica dei numeri delle singole aziende coinvolte nel progetto multiotiliti tutto questo conferma e rafforza ulteriormente la validità del percorso di aggregazione in cui

Speaker 0: siamo impegnati con tenacia e grande determinazione non c’è nulla a vivere, non voglio andare in verità ma l’ho fatta, ho preso questo Vieni

Speaker 16: qui, non mi importa le mani, I campi, l’ammonia non si tratta di vita, di scandale non puoi riuscire a passare per

Speaker 0: le cracce è così, continui a

Speaker 16: tornare lungo giorno, lunga ora mostri me

Speaker 4: il tuo potere No scandal, you can’t see right through the cracks That’s why I keep coming back Long day, long hour Let me show me

Speaker 16: your power Show

Speaker 0: me your power

Speaker 4: Try to hold my demons in Keep my bad side down I never ever fed the wolf Cause it would chew my mind Keep the pace, don’t let it Can’t be left behind Realize my

Speaker 0: shambles Turn them upside down

Speaker 4: Turn them upside down e

Speaker 2: un ultima notizia prima delle previsioni del del tempo che riguarda il Ponte Vecchio perché il il Tarra ha confermato il divieto di vendita delle borse e gioiello. Il Tribunale amministrativo della Toscana ha respinto infatti il ricorso presentato contro il provenimento del Comune di Firenze che ha vetato a Ponte Vecchio la vendita di borse di pregio artigianale in preziosità e dai gioielli. In questa zona rilevante quale si tunesco il Regolamento Comunale articolo otto comma uno consente la vendita di oggetti preziosi intendendo siccome le dizioni e gioielli articoli di orificeria legati alla tradizione secolare al Ponte Vecchio le borse gioiello che siano assimilabili ad oggetti di cui è consentita la vittima negato dal Tribunale amministrativo che ha respinto appunto il ricorso contro il provvedimento del comune. Grande soddisfazione espressa da Conf Comercio che insieme all’associazione Pontevecchio si era costituita come contro ricorrente nel procedimento un esito forse scontato visti fatti ma disordinato al significato politico. Questo quanto sostenere a direttore generale di Commercio Toscana Franco Marinoni.

Mentre soddisfazione viene anche dalla candidata sindaco al centrosinistro Sara Funaro soddisfata anche la Lega che con il capogruppo Federico Busolin dice la decisione del tarro in merita a Ponte Vecchio ci soddisfa per dei motivi finalmente viene tutelata l’attività di orificeria e al secondo luogo viene data ragione a chi denunciava la stortura a cominciare appunto dalla Lega E siamo alle siamo alle previsione del tempo per quanto riguarda la regione Toscana domani nella notte possibili rovesci sull’arcipelago e occassionalmente sulla costa, poco nuvoloso al mattino ma con tendenza ad un aumento della nuvolosità associata a rovesce e temporali sparsi in particolare dal pomeriggio quota neve intorno a mille duecento mille quattrocento metri localmente inferiore eventi deboli variabili tendenti a provenire da nordest dal pomeriggio rinforzo della sera mari generalmente mossi temperature in lieve calole minimo e presto che stazionaria le massime questo per quanto riguarda le e il segreto. Troverete dopo la sigla fino alla GR di Popolari Net per diciannove e trenta. Una buona

Speaker 0: serata a tutti voi da Domenico Guerino. Ciao ciao.

Speaker 1: Newsline sera”

Leggi l’articolo su: ControRadio.it

Previous episode