search menu
play_arrow

WidgetWeb

News line del 30 Aprile 2024 18:15

regia 30/04/2024


Background
share close


Speaker 0: Che si fa.

Speaker 1: Newsline sera.

Speaker 2: Sono le diciotta e sedici minuti una buona serata a tutti voi da Domenico Guarino ben trovati la Newsline serale di Contro Rati con il menu consueto quello che avete ormai imparato a conoscere quindi le notizie del giorno a finanziare la Toscana le interviste in diretta di approfondimenti I servizi della redazione I vostri messaggi al trequattro due d’automoto uno 0 quattro uno uno uno fa I puntati questa sera naturalmente sulla festa del lavoro dei lavoratori che si svolgerà domani il primo maggio e avremo tante riflessione a partire dalla storia che è un’anticipazione poi in realtà dello speciale che andrà in onda domani come già accaduto in occasione venticinque aprile daremo un taglio particolare al nostro palinsesto e la giornata di domani con tanti approfondimenti a cui rafferre Palumbo quindi vi faremo sentire Un’anticipazione di quello che andrà in onda domani e vi spiegheremo anche meglio quello che vi abbiamo preparato per voi. Poi diciamo nel nel corpaccione della newsletter vera e propria dopo la storia, quella dopo il agere di Popolari Network delle diciotte e trenta avremo altre cose, sempre riferimento al primo maggio quindi ah un servizio per ricordare quali sono gli appuntamenti principali, un’intervista alla mamma di Luana D’Orazio la giovane donna morta a causa di di una in una ditta tessile del del Pratese a causa della cattiva manutenzione del dell’orditoio a cui stava lavorando e e poi in diretta avremo ospiti con noi Ivan Sanieche è fondatore e presidente dell’associazione No Capo contro il Caporalato, agromafia e mafia, scrittore, cavalieri dell’ordine al merito della Repubblica per la lotta contro lo sfruttamento dei braccianti sapete le notizie di cronaca anche in Toscana e noi ci riportano alla tragica attualità di del Caporalato a informe e latitudini che credevamo ne avessero oramai in se ne fossero in qualche modo liberate no?

Invece non è così evidentemente più volte anche nei nostri notiziari leggiamo dd storica a che fare col caporalato che quindi ci immaginiamo sia relegato ad alcune regioni dell’Italia in realtà o a momenti del passato in realtà assolutamente attuale per cui ne parleremo ci sembra un buon modo anche questo di ricordare e di celebrare la festa del del lavoro. Poi tanta politica naturalmente perché più che ci si avvicina alle urne, più che ci avvicina alla la data fatidica del dieci di maggio evidente del dieci di giugno evidentemente si si si moltiplicano le iniziative per altro l’otto maggio è la data ufficiale di chiusura delle liste però molte sono già state presentate ad esempio è stata ufficializzata quella del Partito Democratico che vede due donne capoliste e nelle liste c’erano tre donne incinte questo è un po’ tra I candidati e Partito Democratico questa è un po’ una particolarità anche Funaro Sara Funaro già presentato la propria lista civica. Vi faremo sentire Dimitri Palagi della sinistra che è stato ospite questa mattina la nostra rubrica tutti al voto e vi faremo leggeremo anche quello che ha dichiarato oggi candidato del centrodestra Eike Schmidt mentre Forza Italia pensa al mondo degli animali e ci sono una serie di proposte che avanzato in in questo senso e poi insomma tante altre notizie tra cui la cronaca con la chiusura delle indagini sui soldi che Berlusconi avrebbe versato a Dell’Utri per mh mh tappargli la bocca per comprare un po’ il suo silenzio in riferimento alle alle stragi del novantadue novantatre in Italia e sappiamo pagina quanto mai critica e quanto mai anche oscura della nostra democrazia.

Tutto

Speaker 3: questo però tra pochissimo

Speaker 0: partiamo con la storia.

Speaker 2: EEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE allora come dicevamo? Domani festa del lavoro, primo maggio dalle dieci alle dodici e poi dalle sedici Controed dedicherà la sua programmazione proprio al primo maggio come ha già fatto per il venticinque aprile insieme a musica tema musica, la festa e lavoro sentiremo dieci testimonianze raccolte da Raffaele Palumbo, lavoratori, studenti, studiosi racconteranno le loro storie per cercare di capire come è cambiato il mondo del lavoro oggi e sentiamo a questo proposito del professor Giovanni Urlandini che è docente di diritto e lavoro all’Università

Speaker 4: degli Studi di Siena. Principali problematiche in Italia ci sono problematiche riguardano tutti diciamo I sistemi economici avanzati poi dei problematiche specifiche dell’Italia direi le principali problematiche dell’Italia sono un sistema di tutele frantumato a causa di una legislazione che ha precarizzato il lavoro negli ultimi trent’anni in maniera analoga a quella di altri ordinamenti, ma forse in modo più accentuato nel nostro Paese. Peraltro con continue riforme si sono succedute creando una difficoltà anche proprio di lettura e di interazione fra le diverse normative. Dal 2001 a oggi il contratto a termine è stato riformato penso almeno una dozzina di volte, ogni governo ha dovuto modificare. Poi un sistema soprattutto di relazioni sindacali completamente sregolato e questa davvero è un’anomalia puramente italiana.

È l’unico paese in Europa dove non ci sono regole su chi rappresenta qui nei luoghi di lavoro, dove non c’è alcuna regola in materia di contrattazione collettiva questo ha determinato soprattutto negli ultimi anni una patologica proliferazione di associazioni datoriali e sindacali

Speaker 0: che si

Speaker 4: fanno concorrenza ribassa tra di loro creando quindi fenomeni di dumping contrattuale e retributivo che è una delle cause della della questione salariale in Italia e quindi la riforma più urgente da fare sarebbe quella credo di una riforma in materia sindacale, c’è una legge sulla rappresentanza sindacale che però guarda caso è tema che è sempre tradizionalmente fuori dall’agenda di qualsiasi governo. Non penso. Perché da una parte è un paradosso, dall’altro non lo è, perché evidentemente conviene mantenere un sistema di questo genere, perché conviene questa concorrenza per la punta a ribasso che indebolisce diciamo il ruolo soprattutto il contratto nazionale come strumento diciamo di regolazione della concorrenza a livello nazionale. Poi questo si sovrappone a un’altra serie di debolezze strutturali sia del sistema produttivo sia del della normativa in materia di lavoro prima e fra tutta la normativa sugli appalti anche quella è stata riformata scentemente per favorire l’esternalizzazione all’inizio del secolo no? Con le le prime riforme del governo Berlusconi duemila uno duemila tre hanno avuto esattamente questo obiettivo, cioè modificare la regolazione del lavoro negli appalti per favorire le stenalizzazioni riforma alle quali poi nessuno ha più rimesso mano e questo define una situazione che combinata con la sregolato sistema di contrattazione favorisce le catene suba palt attraverso le quali viene appunto si sviluppa appunto il fenomeno anche del damping intratuale.

Quindi tutto questo questo sono a caldo le cose principali per cui tutto questo porta dietro ovviamente problemi enormi sul piano prima prima di tutto

Speaker 0: della sicurezza del lavoro che

Speaker 4: però arriva come dire a monte, no? A valle c’è un sistema di questo genere per cui continuare a indignarsi per le le le le le le fortuna e le morti sul lavoro quando si è costruito un sistema che ovviamente favorisce al massimo Condizioni di massimo rischio nei luoghi di lavoro

Speaker 5: è abbastanza come dire? Sorprendente. C’è una cosa che il profano non capisce se non forse inserendo la cosa in un discorso globale. Non abbiamo mai prodotto tanta ricchezza nella storia dell’umanità come oggi eppure appunto ci stiamo confrontando con I problemi dei giovani il il problema delle donne il problema di trovare un lavoro un lavoro stabile e le le problematiche che le sottolineava prima cioè il il lavoro è in una crisi enorme eppure ne ne abbiamo mai prodotto tanta ricchezza.

Speaker 4: Questo che vuol dire? Altra domanda da ci vorrebbe Carl Marx. Ma insomma comunque Carl

Speaker 0: Marx aiuta perché? Perché verrebbe da dire

Speaker 4: con una battuta amara che è stata prodotta tanta ricchezza anche se no soprattutto proprio sul lavoro, cioè la buona parte della ricchezza prodotta non redistribuita si è sviluppata proprio attraverso processi appunto di riforme neoliberiste che hanno puntato sulla compressione del costo del lavoro e quindi sulla ricchezza prodotta appunto grazie a processi di questo genere, per cui le due cose non sono così in contrasto.

Speaker 0: E’

Speaker 3: il tuo lavoro di catena Che curva poco a poco la tua schiena Neanche un minuto per ogni audio La catena è assai veloce E il lavoro ti ha condotto A odiare la 128 Ma alla fine, settimana, il riposo ci fa bene Noi andremo, senza pensieri, dagli amici a Moncalieri dagli amici a Moncalieri La millecento

Speaker 0: La millecento La millecento

Speaker 3: Hai lasciato la catena Un bicchiere di vino buono Ti ridà tutto il calore Trovi la tua donna, fai l’amore Sei già pronto per partire Spendi tutte le

Speaker 6: luci di casa Metti il tuo abito migliore e pulito Lascia al gatto la carne per tre giorni E insieme a una

Speaker 0: rinoccio abbandonata trovi la tua macchina

Speaker 2: meraviglioso meraviglioso rino Gaetano con la millecento meravigliosa Giustina che l’ha selezionato una chicchina davvero per me e per voi che vi regaliamo in in attesa del primo maggio domani che vita che storia che storia di vita la catena di montaggio la città che d’agosto diventava un deserto, no? Io mi ricordo I telegiornali con I miei colleghi al casello dell’autostrada con il microfono che intervistavano gli operai che andavano al sud. È stata anche questa l’Italia, non lo è più, è cambiato il lavoro, naturalmente ed è quello di cui rifletteremo anche domani un pochino l’avete sentito anche nella nell’anticipazione con l’intervista di Raffaele Palumbo cambiato di lavoro ma questo non vuol dire che non bisogna festeggiare la festa dei lavoratori. Noi nel frattempo però andiamo a Milano con il GR Network per poi tornare

Speaker 0: insieme con le altre notizie. A

Speaker 7: dopo. Popolare Network e

Speaker 0: trecento e trecento

Speaker 8: Buonasera alle notizie delle diciotto e trenta entreremo a Raffa con o senza un accordo sugli ostaggi. Il primo ministro israeliano Netanyahu chiarisce la posizione del governo mentre si attenda ancora alla risposta di Amassa. Alla proposta di un’intesa per un cessate il fuoco. Gli Stati Uniti ribadiscono, siamo contrari a un’operazione a Raffa. Domani il segretario di stato americano Blinken incontra Netanyahu in Israele.

E intanto cresce la tensione nei campus americani dove continuano le proteste degli studenti pro Palestina. La polizia sgombera diversi accampamenti, più di novecento gli studenti arrestati in totale. In Friuli Venezia Giulia un uomo è morto sul lavoro in provincia di Pordenone. Aveva sessantanove anni e è stato travolto da una gru che lui stesso stava manovrando durante il rallestimento di alcuni ponteggi. Ogni morte sul lavoro è inaccettabile ha detto oggi il presidente della Repubblica Mattarella in un discorso alla vigilia del primo maggio.

Bonus di cento euro per famiglie monoreddito ma solo a gennaio duemilaventicinque e sgravia le imprese già previsti. Il decreto primo maggio del governo è molto magro e fa I conti con I pochi soldi e le incertezze sul patto di stabilità e getta pesanti ombre sulla prossima manovra economica Primo timido segnale di inversione di tendenza per l’economia europea il prodotto interno lordo nel primo trimestre di quest’anno ha fatto segnare un più 0 virgola tre per cento pochi decimali che arrivano dopo due trimestre di flessione stabile anche l’inflazione Samana Bass non è stata uccisa perché si è opposta a un matrimonio forzato ma perché voleva fuggire col fidanzato. Sono le motivazioni con cui la corte ha condannato I genitori al gastro e lo zio a quattordici anni. Secondo I giudici, assassinare la ragazza tre anni fa a Novellara potrebbe essere stata la madre stop al carbone entro il duemilatrentacinque c’è l’accordo al G sette clima ed energia di Torino. I paesi si impegnano ad azzerarlo progressivamente nei prossimi dieci anni.

Un passo avanti soprattutto per Giappone e Germania dicono gli ecologisti ma ora bisogna fissare delle

Speaker 0: tappe anche per gas e petrolio

Speaker 8: con la giornale radio ci

Speaker 0: risentiamo alle diciannove e trenta buon ascolto

Speaker 2: allora alle diciotta e trenta due torniamo in diretta che non è mai scelto. Allora alle diciotto e trentatodelle torniamo in diretta dall’acquario di Contro Radio trequattro due otto uno 0 quattro uno uno uno per I vostri messaggi anche il significato della festa e il lavoro per voi dei lavoratori in in questo questa congeria storica tutta particolare che stiamo stiamo vivendo no? Come come avevamo detto cambia lavoro cambia le situazioni lavorative peraltro impressione che domani tantissimi volenti o nolenti dovranno anche lavorare no? Al di là di quelli impiegati nei servizi essenziali o altri e proprio che è cambiato il lavoro è cambiato anche nella scomposizione diciamo del tempo dello spazio quindi c’è tutto un mondo nuovo che evidentemente entra a far parte della dialettica sul lavoro delle riflessioni sul lavoro intanto manifestazioni, comizi, concerti e feste nelle piazze, la Toscana e I suoi sindacati si preparano al primo maggio con iniziative e mobilitazioni sul territorio per parlare di diritti dei lavoratori in Italia come

Speaker 0: in Europa

Speaker 9: sentiamo il servizio di Viola Giacalone. Costruiamo insieme un’Europa di pace, lavoro e giustizia sociale è lo slogan scelto quest’anno da CGL che celebreranno il primo maggio in Toscana con tanti comizi, commemorazioni e manifestazioni. Il segretario generale della CGL Toscana Rossano Rossi la mattina participerà al corteo di Empoli per poi ricarsi a Livorno alla festa internazionale dei lavoratori, Mentre il segretario generale della Wil Toscana, Paolo Fantappie, terrà un comizio a Ponta Sieve dove in seguito si terrà un corteo. A Monte Falcone invece la Manifestazione Unitaria Nazionale, alla quale parteciperà anche il regente della CISL toscana, Mattia Pirulli. A Firenze, passeggiata in centro alle 17 fino alla Camera del Lavoro in Borgo dei Greci dove si terà una festa durante la serata promossa da CGL.

Sempre a Firenze l’appuntamento in Via Mariti alle 10 all’ingresso del cantiere dove lo scorso 16 febbraio morirono 5 operai. Il corteo organizzato dall’Unione Sindacale di Base dai Cobas e dai numerosi movimenti come il collettivo di fabbrica GKP N, sfilerà attorno all’area del cantiere per poi terminare in piazza Dalmazia dove sono previsti interventi dal palco. Non mancheranno poi concerti gratuiti e feste nelle piazze toscane. Livorno ospiterà la festa internazionale dei lavoratori e delle lavoratrici, organizzata dalla CGL. L’evento è stato spostato a causa delle previsioni meteo verse al The Cage.

Le esibizioni si apriranno alle 16.30 e si concluderanno con il live di Bob Rondelli Allari in provincia di Pisa la decima edizione della festa rossa dalle undici del mattino fino alle ventitreddi sera con incontri, conferenze e musica a Capannori torna al concertone in Piazza Aldo Moro tra gli

Speaker 2: ospiti Vinicio Capossela accompagnato da Fan Fatal. Patricia ci scrive domani piove addio alle feste in piazza no dai non siamo così negativi effettivamente le provvisioni del tempo non sono delle migliori sembra strano perché c’è un sole veramente bello ancora ora però come sentiremo è provisione nel tempo un sole nelle migliori ma noi confidiamo che le cose vanno sempre per il per il meglio. Territore Prate se territorio Prate se trasformato negli ultimi venti anni da capitale dei testi, da capitale dell’abbigliamento costituisce ancora oggi uno dei più importanti vettori dell’occupazione in Toscana. Tuttavia sono numerosi gli ostacoli verso un effettivo miglioramento della condizione dei lavoratori dato che continuano a emergere situazioni di sfruttamento le più varie. Una condizione che si legge anche nei numeri, quella di Prato, la centodici a settesima provincia per reddito ed è soprattutto l’ultima provincia toscana per reddito del lavoro dipendente e c’è infine il problema più grande ai noi irrisolto quello della sicurezza sul posto di lavoro.

E allora il nostro Giorgio Bernardini ha chiesto ad Emma Marrazzo che la madre di Luana D’Orazio, la ventidueenne che il tre maggio e tre anni fa Mori risucchiata dall’orditoia a cui stava lavorando Montemurlo di illustrare la sua ultima iniziativa nell’insieme delle azioni

Speaker 0: di sensibilizzazione intorno

Speaker 10: al tema della sicurezza la legge sull’omicidio con lesioni gravi o

Speaker 6: gravissime perché la legge che c’è non viene applicata non viene

Speaker 10: applicata al lavoro diciamo questo è un omicidio sul

Speaker 0: lavoro sì

Speaker 6: omicidio sul lavoro certo sì E come mai non viene applicata secondo lei la legge che c’è?

Speaker 10: Non viene applicata perché mi guarda in diretta su mia figlia. In aula di tribunale è stata messo solo l’omicidio e non l’omicidio colposo senza dolo. E lì c’è il dolo perché ricordiamola tutti sono state tolte le

Speaker 6: cautelle anti infortunistiche tutte. Quindi il dolo dov’è? Senta le voglio fare un’ultima domanda. Secondo lei che in questi mesi si è occupata molto di sicurezza sul lavoro, qual è l’aspetto che più bisognerebbe come dire amplificare per lavorare su

Speaker 10: questo su questo dramma, su questa vera piaga?

Speaker 11: Su questa vera piaga

Speaker 0: è proprio infatti

Speaker 2: farle cultura. Lavoro in sicuro lavoro povero no? Sapete che oramai molti lavoratori pur avendo un occupazione non non riescono a uscire dalla dalla fascia grigia della della povertà anzi vi ricadono proprio per I salari che in Italia sono sono al palo e poi c’è la questione del caporalato come ricordavamo che almeno le nostre latitudini sembrava un ricordo del passato invece torna Operazione dei carabinieri ieri del comando di Livorno, I militari hanno seguito misure di custodia cotelare in carcere dieci persone che che per sfruttamento no? E oltre al reato di interminazioni illesci da sfruttamento e lavoro ad anni di sessantasette cittadini non comunitari ospitati nel cas di Piombino che venivano impiegati per la raccolta di ortaggio olive addirittura qui ne hanno pagati meno di dieci meno di meno di un euro all’ora, una cosa incredibile, quindi me qualcosa più di dieci euro al al giorno e anche anche oggi c’è stata un’altra inchiesta che riguarda il caporalato nel ditta di confezioni in settore te e Sileprato due persone nazionali cinese sono state arrestate in esecuzione a misura cautelare proprio disposta in seguito a una verifica effettuata in l’ambito del progetto dell’Unione Europea. Alt Caporalato quindi Caporalato che torna a farsi sentire se mai fosse scomparso anche in Toscana sappiamo che altrove le cose vanno anche peggio.

Buonasera e grazie a Vansagnè, fondatore presidente associazione no cap contro il caporralato agro agro

Speaker 12: mafie e

Speaker 2: mafie grazie di essere con noi grazie per la volta lei ha avuto esperienza soprattutto del di quello che accade in in Puglia, no? Nel nel territorio pugliese. Però queste notizie che vengono alla Toscana evidentemente ci ricordano che il problema è il caporalato, la tragedia è caporalato, la piaga è

Speaker 12: caporalato è a noi diffusa ovunque, no? Sì sì non l’abbiamo l’abbiamo sempre detto che il caporalato non ha una piaga che riguarda pure il mezzogiorno, riguarda tutto il paese e anzi

Speaker 0: siamo nel centro nord Italia è molto più diffuso

Speaker 12: rispetto al sud, poi assume diverse versioni rispetto a quella del sud dove c’è il caporalato dell’uomo che sfrutta l’uomo, invece qui abbiamo I cas, abbiamo le agenti in Pirinali, abbiamo le cooperative senza terra, quindi una forma di caporalato legalizzato è da persone da persone giuridiche che hanno una copertura legale ma all’interno del quale c’è il fenomeno del caporalato e secondo la magistratura ancora molto più difficile e complicato intercettare queste

Speaker 2: forme di caporalato molto più studiose. Diciamo caporalato dei colletti bianchi per per dire così e delle delle società anonime ma lei è stato anche insegnito del del dell’onorificenza di Cavaliera all’ordine del merito della Repubblica proprio per la lotta contro lo strutturamento e bracciante del mila diciassette se se non sbaglio. Noi abbiamo anche una legislazione, no? Recente, scontro il caporalato.

Speaker 12: È sufficiente o bisogna intervenire ancora? Non è sufficiente, l’abbiamo l’abbiamo sempre detto che la legge centonovantanove è chiaro che è un passo in avanti ma bisogna assiancarla da altri strumenti. Noi abbiamo come ho detto prima il caporalato dei coletti bianchi e la Toscana ultimamente emerge un quadro drammatico, abbiamo avuto il crollo della Talattina di essere lunga con la morte, I braccianti che lavoravano con altre società, tutto il sistema dei suba palti, il sistema del caporalato, l’esultamento, un quadro drammatico, per cui bisogna prendere atto che la legge 199 va applicata dalla sua parte preventiva, perché di questo si tratta, e serve una vera e propria riforma del mercato del lavoro che va proprio a diciamo a

Speaker 0: sannare in conto

Speaker 2: alla parte che riguarda il lavoro irregolare Cosa come come opinione pubblica cosa bisogna fare per contribuire a spingere no? Questo questi

Speaker 12: interventi della politica e quindi registrativi sì allora l’opinione pubblica può fare molto non solo facendo pressione allo stato per essere molto più presente, ma dall’altra parte ciascuno di noi può fare la sua parte. Noi abbiamo come associazione no cap, no caporalato, che abbiamo creato, abbiamo messo in campo un sistema di agricultura etica che può muovere filiere trasparete e grazie a un bolino etico, il bolino no cap, per sensibilizzare I consumatori nell’assisto dei prodotti etici quando vanno a un supermercato devono sapere che tutti quei prodotti che portano sulle loro tavole a casa non sono sani, non sono etici, quindi prendere più consapevolezza perché il cibo riguarda questo e quindi lo possiamo fare non solo sul piano agricolo, nel settore

Speaker 2: agricolo ma in tutti gli alti settori, eccomi. Grazie Ivan Segni e grazie di essere

Speaker 12: stato con noi, buona serata, buona festa e

Speaker 1: lavoro anche a lei.

Speaker 4: Buona serata

Speaker 1: a voi, grazie. Vita, morte e miracoli. La stagione è duemila ventitre e duemila ventiquattro del Teatro Metastasio di Prato. Il riformatore del mondo di Thomas Bernard, regia di Leonardo Capuano. In scena uno dei capolavori dell’autore austriaco che con il suo stile inconfondibile ha dato vita a personaggi estremi spesso artisti e intellettuali misantropi dal sette al dodici

Speaker 3: maggio al Teatro

Speaker 13: Metastasio. Cercici biddidi qualità da Uidiamo, trovi erba legale, oli e molto altro proveniente da produttori italiani, eccellenti e appassionati, selezionati con cura. Consegniamo in un’ora dal tuo ordine a Firenze. Tutti I giorni da mezzogiorno a mezzanotte a bagno a Ripoli, Fiesole, Scandicci e Sesto Fiorentino in giornata e spediamo in tutta Italia in ventiquattro ore. Scopri le offerte su Uidiamo punto it.

Uidiamo Delivery. Cacciatori di fiori, qualità superiori. A Cango, Cantieri, Goldenetta, Firenze, La Democrazia del Corpo, Spettacoli e Performance, fino a Maggio, Info, Billetteria, Chiacciola, Virgilio, Siani, punto it. Venerdì 3, sabato 4, La Creazione, che Geron Bell definisce Auto, Bio, Coreografica. Il suo personale reso conto di una vita di danza è qui restituito da Marco Mazzoni che riattiva la memoria di gesti, partiture e fatti biografici del coreografo francese.

Corri per Michela settima edizione, Domenica 12 maggio. Corri con noi contro la violenza alle donne. Partenza alle 9.30 dal giardino Michela Noli in via Torcico da Firenze. Info su Corripermichela.it Il ricavato delle iscrizioni sarà interamente devoluto al Centro antiviolenza Artemisia con il contributo di Toscana Aeroporti.

Speaker 0: I hope that I am still alive next year You magnify the way I think about myself Before you came, I barely thought about myself Behind your veil, I found the body underneath Inside your head, were things I never thought about You know that I would love to see you next year I hope that I am still alive next year What’s my view? Well how am I supposed to know? Right to reveal, well how objective can I be? Che non è mai

Speaker 2: L’ampia pagina politica cominciamo con Dimitri Palagi che è stato di candidato per il Silencio al progetto comune è possibile potere al popolo di fondazione comunista è stato oggi ospite da un sì studi per la rubrica tutti al voto. Palagi ha delineato scenari, rapporti a prospettive in vista dell’appuntamento all’ottonove giugno a Firenze e Sushmita ha ribadito non può stupirsi della proposta di candidato Vannacci se guardasse la sua coalizione. Poi Palagi ha detto no ad appelli per I nomi dell’undici agosto nella vista sinistra no ad apparentamenti in caso di ballottaggio l’obiettivo è la doppia cifra con

Speaker 7: l’ipotesi di una seconda lista sentiamo voglio evitare in ogni modo senza entrare nel merito di

Speaker 0: ciò che fanno altre formazioni io

Speaker 7: non faccio l’appello a avere candidature di 11 agosto nella nostra coalizione con me.

Speaker 14: Riferimento a Derre naturalmente.

Speaker 7: Ma non voglio essere colio meglio rispetto a lei. Palagi era disponibile a fare un passo indietro non con Funaro ma non nemmeno con Firenze Demorati, era disponibile a farlo con associazione 11 agosto e il movimento 5 Stellella dove l’aveste chiarito. Manca circa un mese al voso. Ci sono da raccogliere cinquecento firme per ogni lista. Noi avevamo evidenziato che il rischio era che la

Speaker 5: sinistra non fosse presente sulla scada elettorale. La volta scorsa con

Speaker 7: Antonella Bundu

Speaker 5: candidata pendeste il sette. Tra il sette e l’otto. Tra il sette e l’otto.

Speaker 7: Qual è un buon risultato per

Speaker 5: voi quest’anno?

Speaker 7: Minimo superare la la doppia cifra. Vedere se effettivamente nel quadro frammentato c’è la possibilità di arrivare al ballottaggio chiaramente dobbiamo sperare che rispetto alle tante persone quel quaranta per cento che si astiene il candidato del centrodestra che è unito nella grande diversità per cui io lo dico massimo rispetto anche quei per gli avversari ma Schmidt non può stufirsi della proposta del candidato Vannacci basterebbe conoscere alcune persone che stanno

Speaker 14: in Consiglio Monale per scoprire le posizioni di Vannacci, Cientrodestra e le ha sostenute in questi cinque anni. Un appuntamento importante è il due maggio se non ero voi

Speaker 7: anticipati insomma la data formale di presentazione della lista e presentate la vostra e forse non

Speaker 0: solo una. Vediamo abbiamo iniziato a raccogliere le firme crediamo di essere almeno

Speaker 7: tra I nomi diciamo più le coalizioni che hanno maggior consenso nei sondaggi la prima realtà che ha iniziato al raccogliere le firme l’abbiamo fatto domenica ringraziamo le tante persone perché abbiamo superato le 200 firme in una giornata con poco preavviso quindi abbiamo già 36 nomi che concorreranno all’elezione nel Consiglio Comunale che è la lista di sinistra progetto comune. Stiamo cercando di capire se ci sono le condizioni per avere una seconda lista che corrisponde a profili più civici, diversi rispetto a quelli che sono I quarti tradizionali della sinistra fiorentina.

Speaker 14: Ha detto lei ballottaggio, in quello scenario come vi muoverete rispetto al vostro elettorato?

Speaker 7: In maniera molto chiara noi contestiamo al partito democratico di essere subalterno a una visione di destra, questo vuol dire che in un suo modo noi possiamo sostenere la destra, quello che abbiamo garantito dal primo momento è che noi puntiamo a arrivare al ballottaggio, laddove non ci fosse la coalizione di sinistra al ballottaggio noi non accettiamo apparentamenti, non si entra in maggioranza per un assessorato, abbiamo tenuto una posizione molto chiara anche sul tema di quanto potesse essere a larga la nostra coalizione abbiamo grande tranquillità nel fatto che noi vogliamo andare a governare e se non riusciamo a governare noi non accetteriamo di governare con posizioni a cui

Speaker 2: abbiamo fatto opposizione per quindici anni. E la direzione cittadina e Partito Democratico ha provato le liste per il comune le circoscrizioni ci sono due donne capoliste una ricercatrice universitaria e un’operatrice delle menze scolastiche venti new entry sedici uscenti che ci riprovano tra I trentasè in lista e secondo gli analisti politici diciamo quindici sono figure vicine all’Eashline, una ventina invece vicine all’area riformista quindi l’area dell’insomma che che afferisce al sindaco usciente della Nardella tre di fiducia è governatore Eugenio Giani e c’è anche una invitata agli alleati di Volt. L’elenco e comprende come abbiamo visto trentasei persone, molte sono di origine non non calabresi, tra le diciotto donne in corsa ci sono tre donne incinta, Irene Michali, Letizia Perini, Sofia Bertieri, questo è anche naturalmente un segnale mi un segnale ehm diciamo culturale no? Sociale verso la città capoliste Michali e Teodori, le due testa di lista tra quelli che ci riprovano Nicola Armentano, capogruppo e PD uscente, Renzo Pambaloni, Fabio Giorgetti, Enrico Conti, Luca Milani che era presidente del Consiglio Comunale, Franco Nutini, Massimo Fratini, Angelo D’Ambrosi, Correrà anche Cosimo Guccione, assessore allo sport, Cristiano Balli che è presidente del quartiere cinque e che lascerà il posto come candidato al quartiere cinque.

Filippo Ferraro in lista c’è anche Valerio Fabiani che ehm come sappiamo l’uomo di fiducia del presidente Eugenio Gianni sulle crisi che riguardano il mondo del del lavoro c’è Tomoasso Coppolaro del Sunia, Enrico Ricci, Francesco Ciculli e c’è anche l’ex senatrice Caterina Binti, questo per quanto riguarda la lista e Partito Democratico per quanto riguarda I candidati ai quartieri invece quartiere uno centro storico Mirco Ruffilli consigliere comunale uscente quartiere due Michele Perguidi che va per il terzo mandato quartiere tre per il bis Serena Perini quartiere quattro per il terzo mandato Mirco Dormentoni, Ferraro come dicevamo quartiere cinque prende il posto come candidato del PD del presidente uscente Balli che tenta la corsa al Consiglio Comunale ehm intanto questa mattina è stata presentata invece a lista civica che afferisce alla candidata sindaca Sara Funaro il diciamo il l’obiettivo è quello di raggiungere, dice Funaro il risultato maggiore, abbiamo candidati che sono molto competitivi e rappresentano una città plurale. Ha ribadito Funaro sentiamo

Speaker 0: le sue dichiarazioni raccolte

Speaker 10: da Chiara Brilli. Una lista con

Speaker 15: tanta società civile, tanti cittadini e cittadine che hanno deciso di mettersi a disposizione. Abbiamo rappresentazioni del mondo del sociale, mondo della scuola, mondo degli imprenditori, dei commercianti, della cultura, dell’artigianato, dello sport e di tanto altro. Ho deciso di fare una testa di lista con due donne, un uomo, per rappresentare il mondo importante della nostra città. A partire da Alessia Coppolaneri, giovane sportiva, che ha un’attività molto molto intensa nelle arti marziali, a partire da Paola Grifoni che è donna conosciuta nel mondo dei beni culturali e che ha dato un contributo importante sia nella nostra città che in altre realtà e Marzia Mori della Caritas che ha sempre lavorato nel mondo del sociale e ha sempre dato un contributo fondamentale non solo concreto ma in termini di idee. Al fianco di tutti questi tante donne e tante uomini che hanno veramente tanto da dire, che hanno una visione della città che racchiude quello che è il nostro slogan che è Firenze al Plurale in cui ogni cittadino e ogni cittadina deve avere rappresentanza e ogni settore cruciale della nostra città deve essere rappresentato.

Ora io penso che quando si amministra una città si sia amministratori e si sia politici insieme perché avere una visione della città è la base è la base della politica e dell’amministrare che non si possa non si possa prescindere da questo. La mia storia parla

Speaker 2: da solo da questo punto di vista. Sono nove le proposte per I diritti degli animali elaborate invece da Forza Italia per il comune di Firenze come l’inserimento degli animali di casa nello stato di famiglia o le cure veterinari gratuiti per chi ha un isè e basso. Marco Stella è il capogruppo in consiglio regionale EEE anche coordinatore regionale del di Forza Italia. Peraltro ha presentato questa mattina in consiglio regionale una proposta di legge sull’istituzione dei parchi

Speaker 16: canile sentiamolo nell’intervista di Viola Giacalone. Abbiamo presentato stamani mattina a firmamia la proposta di legge prevede proprio incardinando

Speaker 7: dentro

Speaker 16: la

Speaker 6: dentro

Speaker 16: per legge regionale il parco anile invece è un mix, naturalmente la legge è un riferimento regionale, dà la possibilità ai comuni di farlo, fra l’altro lì detto si può svolgere la pet therapy, ci sono delle ludoteche, ci sono I parchi per I bambini e agevola anche la fruibilità dei parchi soprattutto magari in ambienti diversi da quelli delle città, come dire, tradizionali come quella di Firenze, Siena, dei capologi di provincia e consente di avere un contatto diretto con gli animali. Abbiamo messo anche una dotazione finanziaria che sono per l’anno 2024 300 mila euro in conto capitale cioè che serve a comuni per realizzare insieme all’associazione che le andranno a gestire il il parco Camile e centomila euro in parte corrente naturalmente per quanto riguarda il bilancio regionale per la realizzazione delle attività

Speaker 2: da realizzare al suo interno la lista civica si chiamerà Aike Schmitz sindaco ci sono molte persone che sono messe in contatto per candidarsi nella nostra lista civica abbiamo avuto ben più contatti alle trenta sei postazioni di questa quanto ha detto intervenendo oggi a Toscana TV il candidato del centro-dessa Aike Schmitz Schmitz ha anche detto che avrà un assessore alla sicurezza insieme alla delega con il decoro e ha firmato che serve la presenza dei vigili in tutti I quattordici rioni tradizionale della città torna a parlare di quattordici rioni non di quattordici quartieri ricorderete c’ha stato un po’ di anche di hilarità, no? Su questa su questa numerazione fatta da da Schmidt e poi ha detto io mi propongo come un manager per I beni di Firenze, non è che voglio entrare in politica e diventare un politico, è anche detto Schmidt che bisogna cambiare il nome al museo del novecento perché la gente non sa cos’è e ha parlato anche di Vannacci della possibilità che il generale Roberto Vannacci sia candidato capolista per la amministrativa a Firenze per la Lega non abbiamo parlato di Schmit Questo tema in questo momento riguarda più I giornali che la politica vera.

Se questo tema venisse proposto è chiaro che le posizioni che abbiamo letto su I giornali sono in forte contrasto con le posizioni della coalizione della lista civica delle mie personali a Detto Schmitt anche si potrebbe dire che per certi versi siamo agli antipodi e a caro posito però della candidatura di Vannacci ricorderete no nei giorni scorsi le polemiche intorno a le dichiarazioni per le classi separate per diversamente abili ipotesi avanzata caldeggiata dal generale la scuola è un paese democratico il luogo dell’inclusione dove ci si forma ma si creano anche rapporti sociali si crea il futuro dei giovani forse il generale Vannacci non conosce il significato della parola ugualianza quando ipotizza la creazione di classi differenziate per I risabili facendoci precipitare in un passato buio queste le parole di Cristiano Bencini presidente dell’associazione Trisomia

Speaker 11: Ventuno che abbiamo intervistato. Le parole hanno un suo peso quindi che siano dette e poi smentite ehm secondo me conta il giusto ma sentire queste dichiarazioni siamo senti male perché praticamente sono più di quarant’anni che si si lavora su sull’inclusione scolastica, sull’inclusione in generale. Ci sono la Costituzione italiana con l’articolo trentaquattro della Carta Costituzionale Italiana garantisce infatti il diritto allo studio mentre l’articolo tre coniuga questo diritto col principio di guaglianza cioè quindi l’articolo trentotto della Costituzione tratta esplicitamente il diritto allo studio delle persone con disabilità oltre a quello la quadriagogia italiana proprio della scuola italiana mette al centro l’inclusione degli alumni di tutelabilità. Andilà di quelle che sono diciamo le le le

Speaker 0: le le le le leggi che

Speaker 11: il signore qui in questione che io non voglio neanche nominare dovrebbe sapere dovrebbe studiare perché lui va dovrebbe andare a rappresentare l’Italia in Europa e si permette di parlare con tanta leggerezza su un tema che non conosce, che ovviamente non conosce perché l’ho anche dichiarato che non conosce il tema. Quindi io posso parlare per esperienza personale per una figlia con la sindrome di down di 23 anni che è seguita da un’associazione che è la nostra da vent’anni e il risultato è che mia figlia adesso sta facendo un percorso di alternanza, no, formazione professionale in un nuovo albergo fiorentino al concierge di un albergo avendo delle manzioni anche piuttosto strutturate e tutto questo è stato possibile grazie al lavoro che è stato fatto negli anni di integrazione, di inclusione, proprio lavorando su percorsi inclusivi in maniera che che mia figlia

Speaker 0: si sentisse parte della società fin da

Speaker 2: subito siamo alle alle provisione del tempo per quanto riguarda la regione Toscana però prima abbiamo un paio di altre notizie anche importanti perché la Procura di Firenze ha chiuso le indagini su Marcello Dell’Utri e accusandolo di aver ricevuto dei soldi per assicurare l’impunità al Berlusconi con l’aggravante venen scritto di aver commesso reati di omissioni circa le variazioni patrimoniali di trasferimento fraudolento al fine di occultare la più grave condotta di concorso nelle strage, ascrivibile a Silvio Berlusconi e allo stesso Dell’Utri. Ricorderete che sulla base di questa accusa la magistratura di Fiorentina ha disposto qualche tempo Fons, questo da dieci milioni ottocentoquarantamila euro al patrimonio dei Dell’Utri per l’appunto quantità è riportata oggi dalla Repubblica. Altre notizia importante ci viene da Pisa perché il questore di Pisa Sebastiano Salvo andrà a fare il questore alla spezia, il trasferimento e all’interno di un giro di questori e dirigente della polizia che è stato deciso oggi dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza. Però certamente insomma ricorderete le polemiche intorno al ruolo del del questore di Pisa nella gestione dell’ordine pubblico in occasione del corteo studentesco però Palestina lo scorso ventite e febbraio quando ci furono le cariche, I feriti, eccetera eccetera alcuni minorenni rimassero feriti, il ministro all’interno più antidosi, riferì in parlamento sull’accaduto e ora arriva questo trasferimento sia pur all’interno di altri trasferimenti come abbiamo detto.

Sarà invece l’arbitro inglese Michel Michael Oliver dirige la semifinale di andata della Conference League Fiorentina Brugge in programma giovedì prossimo alle ventuno a Firenze. Prima delle previsioni del tempo vi dobbiamo leggere anche dell’allerta meteo, allerta meteo gialla che arriva questo per dire appunto quanto si diceva e si temeva a proposito delle manifestazioni di piazza sul primo maggio perché c’è un allertamento emessa dalla sala operativa della regionale della protezione civile per rischio idrogeologico a causa di forti temporali su tutta la Toscana per l’intera giornata di domani mercoledì primo maggio Le precipitazioni potranno assumere anche caratteri di rovescio temporale, specialmente sulle zone collinare. Dalla sera di oggi e per tutto domani cumulati I medi intorno a venti e trenta millimetri su tutta la regione fino a quarantasessanta millimetri occasionalmente superiori sulle zone occidentali Massacrata, Lucca, Pisa, Livorno e Grosseto. Le previsioni del tempo dunque sono queste, per domani c’è lo molto nuvolo soccoperto con precipitazioni diffuse localmente anche al carattere di rovescio temporale specialmente dal pomeriggio, venti meridionali, prevalentemente di di Becio dal pomeriggio fino a moderati sulla costa, collocare rinforzi ma rimossi poco mossi sotto costa, temperature massime, insensibile, calo. Di rinforzi ma rimossi poco insensibile calo.

Grazie per l’ottima regia giustina che ovviamente annuisce e gioisce sul sensibile calo nelle temperature la ritroverete dopo la sigla fino a giardini popo e net col diciannove e trenta. Una buona serata a tutti voi da Domenico

Speaker 0: Guarino e naturalmente buon primomaggio a tutti voi.

Speaker 1: Ciao Newsline sera

Speaker 0: Sottotitoli e revisione a cura di QTSS”

Leggi l’articolo su: ControRadio.it

Previous episode