search menu
play_arrow

WidgetWeb

Notiziario Regionale del 10 Giugno 2024 12:45

regia 10/06/2024


Background
share close


Speaker 0: E la notizia.

Speaker 1: Contro radio notizie. Alle dodici e quarantotto la linea agli studi di Contro Radio per Lgale Regionale e Notizia Cura della Redazione Domenico Guarino in in studio l’elezione europea per quanto riguarda la Toscana hanno visto la vittoria del partito democratico che ha ottenuto il trentuno virgola novanta per cento dei consensi. Secondo partito Fratelli Italia ventisette e quaranta quattro, movimento Cinque Stelle otto e ventidue, alleanza Verdi Sinistra, un buon successo con sette e cinquantacinque. Forza Italia noi moderati PPE sei e ventotto. Lega Salvini Premier sei e ventuno.

Stati Uniti Europa quattro e ottanta. Mentre azione finisce addirittura dopo pace, terra e dignità che prende il tre per cento il partito di Calemba al due virgolottanta per cento seguono poi gli altri. Questo per quanto riguarda I risultati elettorali è una per quanto riguarda invece le preferenze. Scrutinio concluso in Toscana per l’Europa in quota PD il sindacusciente Dario Nardella ha ottenuto sessantamila settacentomentuno preferenze superando addirittura la segretaria democratica all’Ischla in quota cinquantamila secento novantuna. Proprio in questi momenti Dario Nardella sta tenendo la conferenza stampa a commento dei risultati del voto

Speaker 0: e la sta seguendo per noi Raffaele Palumba tela linea. Sì siamo appena fuori dalla sala d’arme piazza della Signoria I fiaccai ai danno da mangiare I cavalli tanti turisti il cielo velato ma qui dentro c’è enorme soddisfazione naturalmente sia per il risultato del PD sia per il risultato personale del sindaco uscente Dario Nardella che come giustamente dicevi da studio supera con le sue preferenze anche la segretaria Alice Line, da Rinaldella ringraziato naturalmente la comunità dei fiorentini, dei Toscani, il suo partito, la segretaria del suo partito per restare in Toscana Ricordiamo la seconda forza politica e Fratelli d’Italia che fa un balzo in avanti, la Meloni e la vera campionessa di preferenze. In Toscana oggi il fratello itale era più del ventisette per cento alle passate europee era al cinque c’è stata praticamente una sostituzione vera e propria con la Lega, Salvini infatti prese nel duemila e diciannove e più del trentuno oggi è fermo ad un modesto sei e due e solo grazie al treno di Vannacci che solo in Toscana ha preso più di trentasette mila preferenze terzo il Movimento Cinque Stelle che passa che passano quasi al tredici all’otto e due di quest’oggi gli altri dati li ricordavi da studio perché lo che riguarda il sia il Movimento Cinque Stelle l’alleranza Verdi Sinistra che ha delle solistazioni anche per l’Alleanza Verdi e Sinistra che prende il sette e cinque e poi tutti gli altri che poi non superano a parte Forza Italia lo sbarramento il risultato degli Stati Uniti d’Europa in Toscana del quattro e nove così come Pasce e Terre e Dinita ha superato il tre dando una breve prova elettorale come esordio per intenderci.

Dicevamo frisseggiamenti, quinzale ad arme per Dario Nardella, diventato parlamentare europeo, eletto nelle file del Partito Democratico, tra poco tutti gli occhi puntati su quello che riguarda le amministrative, dove a Firenze si andrà al ballottaggio Sara Funaro che ha amminediato del PD viene accreditata tra il quarantina e il quarantaquattro il candidato della destra Reggersmith si ferma al trentadue trentasei mentre Stefania Saccardi di Italia Viva è tre il sei e l’otto così come Cecilia del Redi Firenze Democratica. Questo secondo gli exit poll della RAI confermati anche dagli Instant Poll per SVG per la sette ma racconteremo in diretta I dati reali per tutto questo pomeriggio sulle nostre

Speaker 1: frequenze e sulla nostra TV. Grazie a Raffaele Palumbo in in Toscana come detto il Partito Democratico si afferma come primo partito Giugia Meloni però risulta essere la campionessa del delle preferenze e delle elezioni europee ci siamo occupati ampiamente questa mattina sui sulle nostre frequenze e in video sui nostri social per l’analisi del voto sentiamo l’opinione dei politologi

Speaker 2: di Unifi Federica Bicchi, Enrico Borghetto. Diciamo che c’è stato come dire un un chiaro aumento dei seggi per la destra ma anche per il centro-destra per cui è abbastanza tenuto la coalizione al centro. Certo vediamo come dire che I due gruppi parlamentari più a destra dei popolari hanno avuto la chiara vittoria e anche quelli non allineati però ancora più a destra effettivamente hanno guadagnato parecchi voti. Quello che sorprende è un po’ questa ceduta del gruppo soprattutto intorno a Macron di Renew che ha fatto veramente una una pessima figura alle urne e dei verdi che sono stati come dire abbastanza tagliati fuori dai giochi sia in Germania che in Francia. Tradizionalmente le elezioni europee vengono considerate di secondo grado nel senso che l’elettorato tende a guardare e a parlare di temi di politica interna e a sfogare tutte le frustrazioni rispetto al governo e questo l’abbiamo visto in maniera eclatante in Francia e in Germania dove gli elettori poco soddisfatti del performance dei propri governi gli hanno veramente bastonati in un certo senso l’Italia è quella che invece ha fatto un po’ l’edizione perché invece il governo Meloni è riuscito soprattutto fratelli d’Italia a invertire questo tradizionale gioco invece trasformare

Speaker 3: le elezioni europee in un un plebiscito a favore. È importante riflettere su una cosa. Ci sono delle chiaramente un dei dei tratti di continuità tra quello che può essere stata la politica estera dell’Unione Europea nella scorsa legislatura e la prossima non non sono previsti grossi stravolgimenti dal punto di vista soprattutto del sostegno che può andare a Ukraine e dall’altro lato si prevede ancora un un’Europa divisa invece su quelle che possono essere le le diciamo la posizione su su Gaza divisa nel senso che chiaramente

Speaker 4: non non prende una posizione netta di accusa di

Speaker 3: nei confronti del governo israeliano e quindi una e poi un’Europa che sicuramente ha un questo aspetto trepidante di sapere quali sono le I risultati delle elezioni americane. Molto di quello che sarà ehm la politica estera le le decisioni politiche estere dipenderà moltissimo da chi siederà poi nel seggio presidenziale. Quindi ecco mi sento di dire tanta continuità alcuni elementi poi così di incertezza legati appunto

Speaker 1: a quello che è lo lo scenario americano vediamo a Firenze per quanto riguarda l’amministrativa lo spoglio comincerà alle quattordici come come sapete lo seguiremo in diretta ma tra un po’ vi daremo tutti I particolari. Intanto come ricordava Raffaele Palumbo nel primo collegamento nel primo axipollo per le comunali di Firenze. Sara Funaro del centrosinistra ha una forchetta tra il quaranta duo quaranta sei per cento seguita dal candidato di Centro del Seca Schmidt con il trenta trenta quattro per cento questi I dati del consorzio Opinio Italia per la RAI al terzo posto Stefania Saccardi a Cecilia del Re appaiate con una forchetta tra il sello otto per cento leggermente diversi I dati degli exit poll per le comunali che vengono invece da SVG la sette che danno sempre in testa Sarafunaro con forbice tra il quaranta e cinque percento e il quaranta quattro e cinque per cento seguita dal candidato del centro del resto è un trentadue e mezzo per cento o trentasee e mezzo per cento, questa è la forchetta più ampia e invece la forchetta per quanto riguarda Stefania Saccardi di Italia Viva che potrebbe avere tra l’otto e il dodici per cento riguardo agli exit poll abbiamo il commento

Speaker 4: a caldo della candidata del Centro Sinistra Sarafunaro. Chiaro che rispetto ai sondaggi che stavano girando nelle ultime settimane I dati sono degli exit sono molto migliori per cui è chiaro che c’è sono molto positivi e c’è soddisfazione. Detto questo da quando ci saranno I risultati noi dobbiamo mettersi giorno per giorno andare a raccogliere voto per voto dei nostri cittadini dato di fatto è che come abbiamo sempre sostenuto la sfida era tra noi il candidato e la destra. Io penso che noi abbiamo fatto una campagna elettorale che è stata una campagna elettorale raccontando quella che era la nostra visione della città, raccontando il nostro programma e facendo vedere in maniera molto chiara quelli che erano I nostri valori e la nostra identità. Penso che la nostra città questo lo riconosca, I dati da questo punto di vista, premesso che sono sempre exit, ma mi sembra che questo sia stato che sia stato riconosciuto e soprattutto che Ci siano dati molto più positivi di quelli che ci aspettavamo.

Per cui siamo siamo ovviamente dagli

Speaker 1: exit soddisfatti, non aspettiamo I risultati finali. A Prato il PD è il primo partito rispetto alla politica duemilaventidua guadagnato cinquemila voti, il vento sta cambiando, Ellie ha fatto diventare il nostro Paese un laboratorio europeo per una vera alternativa progressista in quest’onda a quest’onda di destra e Prato si è fatta trovare pronta alla sfida. Adesso aspettiamo fiduciosi. Lei è vestito delle comunali. Questo quanto ha detto il segretario del Partito Democratico di Prato Marco Biagioni dicevamo del dell’affluenza che sarà un dato comunque interessante per calcolare poi I voti finali ed anche in in funzione di quelli che sono I risultati delle prossime amministrativi.

Per altro tre quattro due otto uno 0 quattro uno uno uno ci chiedete di Palagi ma Palagi non è stato rilevato dal dallexipol che sono gli unici che al momento abbiamo a disposizione naturalmente poi conteranno a questo punto I voti reali a proposito dell’affluenza per quello che riguarda le elezioni europee che comunque nelle piazze dove si è votato è stata più alta rispetto a quelle in cui le amministrative o anche le regionali case di Piemonte non erano presenti

Speaker 5: sentiamo in diretta Sandra Salvat. Buongiorno Domenico, si scattiamo questa fotografia oltre alla debacle a livello nazionale dove l’affluenza alle urne per l’europé rispetto al 2019 deve fare I conti con un calo storico non arriva al cinquanta per cento anche la Toscana è preceduta da un segno meno contando alle urne il cinquantanove virgola 0 otto per cento degli aventi di diritto il dato segna una flessione rispetto al sessantacinque virgola settantacinque dell’Europa del duemila diciannove a ben vedere l’affluenza in calo in tutte le province toscane Quella maggiore si è registrata a Firenze sessantacinque virgola 0 sette per cento con un calo di circa cinque punti rispetto a settanta virgola ventuno del duemila diciannove seguono Prato con sessantacuattro virgola dodici e poi Siena, Pisa e Arezzo. Non arriva al sessanta per cento invece la fluenza Livorno, cinquantotto virgola sessanta sei, Pistoia e anche Grosseto, Massa Carrara e Lucca, Fanalini di Coda con votanti ben sotto il cinquanta per cento. Rieggomitolando il filo invece sul fronte amministrativo, sempre in Toscana la fluenza nelle duemilaquattrocentoventisezioni è stata più alta rispetto a quelle europee. Pari al sessantatré virgolo ottantacuattro per cento anche in questo caso però in flessione rispetto al sessantotto virgolo ottantacuattro delle precedenti elezioni lo scarto è sempre di circa cinque punti percentuali poco ma sempre in discesa.

Zoomando nel capoluogo Toscano nei trecentosessanta sei e giandato a votare il sessantacuattro virgola quarantadue per cento dei cittadini. Cinque anni fa era toccata si era toccata quota sessantotto. A Prato ha votato il sessantatre virgola novantanove per cento degli aventi diritto nel duemiladiciannove era ben il sessantotto virgola cinquantuno al Livorno il dato definitivo dell’affluenza è del cinquantacinque virgola tredici per cento tirate le somme insomma c’è da chiedersi a cosa si deve questo astensionismo sia generale sia rispetto alle Europee. Divenuto protagonista più della politica e anche il più alto nella storia repubblicana. Tra fattori demographici, culturali, giornali si afflettano a stigmatizzare l’epoca con l’indebolimento dei partiti.

Aggiungiamo noi con questo scollamento tra elettorato e rappresentanti politici che

Speaker 1: dura davvero da troppo tempo. Atte la linea. Come dicevamo Spoglio in diretta sulle nostre frequenze sui nostri canali cross mediali a partire dalle quattordici per la Ministra Tive in Toscana dati, voci, aggiornamenti su Contro Radio dalle quindici e trenta anche su Contro Radio

Speaker 6: Web TV particolare in diretta da Chiara Brilli. Sì sarà un pomeriggio elettorale vissuto insieme al nostro pubblico, quello che ci apprestiamo ad aprire per seguire in tempo reale le operazioni di Scrutinio che partiranno appunto alle quattordici per le amministrative che per questa tornata hanno coinvolto 185 comuni sui complessivi 273. Da questi 34 sopra I 15 mila abitanti compresi I capoluoghi Firenze, Livorno e Prato. Diretti live in onda dall’acquario tra le quattordici alle quindici e trenta con un primo giro di collegamenti con I nostri corrispondenti e inviati. Sarete infatti sguinzagliati per I comitati elettorali per darci il polso e le reazioni in tempo reale mentre in studio avremo degli ospiti che con noi analizzeranno e commenteranno l’andamento del voto.

Tutto questo fino alle dieciannove, passaggio di testimoni e poi alle dieciannove e trenta al GR di Popolare Network e a quel che resta del giorno dalle venti alle ventuno puntata dedicata alle elezioni. Taffale Palumbo dal Comitato Electoral di Sara Funaro, candidata al centrosinistra a Firenze, vi sentiremo invece domenico dal comitato elettorale di Aiky Schmit, candidato del centrodestra e da quello di Cecilia del Re per Firenze Democratica. Sandra Salvato che abbiamo appena sentito sarà il comitato elettorale di Stefania Saccardi, candidata di Italia Viva e al comitato di Palagi il candidato a sinistra per Firenze. Giorgio Bernardini ci farà la corrispondente dai comitati elettorali e dalla situazione di Prato e della Prate. Ospiti studi anticipiamo Vincenzo Scalia, sociologo dell’Università di Firenze, Michelina della Porta, della Casa delle Donne di Firenze con due giovani under diciotto che hanno partecipato al corso Prime Minister scuola di politica per giovani donne e poi Tommaso Ciuffoletti l’opinionista di buttiamola in politica su Controradio dalle diciasette In collegamento anche il professore Chiaramonte, il professore Floridia, giornalisti, conduttori, staff, tecnico, tutti operativi, insomma per un gran pomeriggio di informazioni e approfondimento naturalmente su Controradio

Speaker 1: e Controradio guardi via, te la linea. Previsia nel tempo per quanto ricordo la giornata di oggi, nuvolosità variabile nelle zone interne con isolate le Boli Pioggia e mattinate locali rovesci nel pomeriggio schiarite a partire dalla costa venti moderati occidentali. Mari mossi fino a molto mossi a nord dell’Elba, temperature in calo, più sensibile, valori massimi. Questo per quanto riguarda le previsioni del tempo è tutto grazie a Ragione Crescioli per l’ottima regia. Giornata Campale anche per il Ragione Crescioli naturalmente che sarà in postazione per tutti I collegamenti che avete sentito annunciare dopo la sigla il City Lights poi Giovanni Barbasso con Stato Brado mentre a partire dalle quattordici il nostro pomeriggio maratona elettorale per le amministrative in Toscana.

Noi ci risentiamo dal comitato di Aike Schmidt quanto prima e anche da quello di Cecilia del Re. Un buon pomeriggio

Speaker 6: a domenico guarino. Ciao ciao.

Speaker 0: Controradio Notizie.”

Leggi l’articolo su: ControRadio.it