search menu
play_arrow

WidgetWeb

Notiziario Regionale del 17 Aprile 2024 12:45

regia 17/04/2024


Background
share close


Speaker 0: E

Speaker 1: di e l’inia in diretta alla quale vi controllo per le notizie regionali a cura della redazione Domenico Guarino in studio. Una buona giornata a tutti voi. La politica in apertura prima uscita pubblica del candidato del centro destra alle prossime elezioni amministrative di Firenze del lotto e nove giugno l’ex direttore degli uffici Aike Schmidt si è presentato alla cittadinanza davanti ai vertici dei partiti che lo sostengono senza simboli nei bandiere che rimandano ai partiti medesime alla politica tradizionale. Accaduto ieri sera al teatro Cartiere Carrara, l’ex teatro tenda di

Speaker 2: Firenze dove c’era per noi Raffaele Palumbo. C’è entusiasmo a destra. A Firenze l’ex direttore degli uffici Aike Schmidt ha presentato la sua candidatura. Niente bandiere dei partiti che a destra lo sostengono, solo bandierine gigliate, niente politiche sul palco, ma solo nelle prime file e finalmente dicono in platea abbiamo un candidato vero. Il che non è proprio rispettoso nei confronti dei passati candidati del centrodestra, né una bella missione di metodo, ma comunque ora si cambia, dice Smith, Firenze tornereà magnifica.

Sì, ma come? In un’attrosfera un po’ trampiana, fatte le debite proporzioni, la parola d’ordine è cambiamento. Sì, ma come? Le cacine diventeranno il central park di Firenze, quello che sta in New York, non a Londra per intenderci, l’accoglienza sì, ma in sicurezza. Viva ai giovani che si divertono in centro, ma I residenti devono dormire, tramvie sì, ma con belle tecnologie, turismo sì, ma va gestito.

E ancora la spesa per lo stadio è un enorme spreco di risorse pubbliche, ma è lo stesso Schmidt che tempo fa si era sperticato in lodi su quel progetto da membro della giuria, disse alla nettezza e la preanzia del Brunelleschi e del Vasari e infine basta con gli speculatori via gli investitori. Sorboliamo sui finanziamenti agli asili nido su cui in questi anni Firenze ha fatto scuola. Ancora una volta quello che entusiasma la platea è che Aiche tutta la città deve chiamarmi così ha detto non è un politico, non ha chiamarmi così, ha detto, non è un politico, non ha fatto politica, non ha frequentato la politica.

Speaker 1: Cosa c’è di meglio se parliamo di politica? A proposito della serata di presentazione il candidato del centrodestra, Schmit, sentiamo anche un breve estratto che Raffaele Palumbo ha realizzato

Speaker 3: tra le persone intervenute. Potrebbe essere un candidato e concorrenziale, interessante, potrebbe rappresentare al ballottaggio eventualmente una risorsa per Firenze. La sinistra di governo ha fatto male c’è molta critica in città vedo c’è molta molta polemia molto molto I problemi vediamo se poi la città che è una città conservatrice, Firenze è una città di conserva conservativa più che conservatrice Vive di rendita, ama molto non spuotersi tanto, ama la una di questa specie di Pax cioè da quarant’anni. Quindi non è tanto un problema destra sinistra È

Speaker 4: una consuetudine della città a vivere in un certo modo. Che ci sia un cambiamento finalmente in questa città che non se ne può più. Basta, basta con questo degrado, basta con questa situazione di settantacinque anni così possiamo provare qualcosa di diverso, proviamo che

Speaker 5: sarà qualcosa

Speaker 3: di nuovo. Non è

Speaker 4: un politico, finalmente un imprenditore, un uomo serio che ha dimostrato negli anni quello che sa fare, è degno della nostra fiducia.

Speaker 3: A me lo doveva essere una bella serata, in quanto si spera che questa persona arriva al punto

Speaker 2: di essere sindaco per poter cambiare

Speaker 0: un pochettino le cose poi si sarà a vedere.

Speaker 6: Lei è

Speaker 0: un elettore del Cento Neste. Io sono io ho ancora la testa del PD ma sono talmente schifato

Speaker 2: da quello che hanno fatto che

Speaker 3: passo di qua.

Speaker 2: E che cosa è che ma

Speaker 0: che cosa è

Speaker 3: che la la

Speaker 0: la fatta dire? Gestione veramente veramente senza nessun ritegno verso una lobby continua fra loro dentro loro dentro lo stesso partito cioè è una cosa terribile l’ho vista da dieci anni l’ho provato a combattere dentro perché le ripeto io avevo la

Speaker 3: testa del

Speaker 0: PD al punto di essere così schifato da dire provo un uomo di

Speaker 1: cui mi filo. Vediamo. Far peggio sarà difficile. Alla presentazione alla città candidata del centro del Sagesmith mi sarei aspettata da lui proposte oltre a dire cose che non vanno ospito un confronto ma su cose concrete non su slogan. Questo ha dichiarato la candidata sindaca del centro sinistra, Firenze Sarafunaro, ospite oggi ai nostri studi per tutti al voto.

Funaro si è tolta anche qualche sassolino dalla scarpa rispetto a certi temi come servizio all’infanzia e coerenze di posizioni in Schmitter riferimento ad esempio al nuovo stadio. Siamo entrati nell’intervista di Chiara Brilli,

Speaker 5: Raffaele Palumbo su Controradio Web TV. Mi sarei aspettata per lo meno questo è quello che dicevano che oltre a dire le cose che non vanno ci sarebbero state delle proposte e non mi sembra di aver visto le proposte concrete. Noi siamo per il sistema della mobilità sostenibile, siamo per le tramvie, mi pare evidente che loro sono da un’altra parte. Dice di voler combattere l’overtourism ma dice di essere contro le norme che stiamo mettendo in piedi sugli Airbnb. Dice di voler risolvere la sicurezza, ma non mi sembra che sia stata fatta neanche una proposta.

Tra l’altro ricorderei che la sicurezza dipende soprattutto dal governo. Mi auspicio che possa esserci prima o poi un confronto ma ovviamente con delle proposte concrete. Sui midi non mi faccio dare lezione, noi da Schmidt ne do al centrodestra. Ricordo che la nostra città e l’impegno che abbiamo messo in questa amministrazione ha portato Firenze ad essere la prima città metropolitana in Italia per numero di posti nido sul tema dei giovani io sono convinta e sono sicura che noi dobbiamo dare delle risposte ai giovani e che queste debbano conciliarsi ovviamente con quella che è la vita dei residenti che vivono che vivono nelle città ma io penso che quando ci si candida sindaco oltre a quelli che sono gli slogan bisogna portare delle proposte concrete allargare il regolamento unesco al di fuori dell’area unesco che ora con le norme è possibile. Stringere ancora di più con le regole all’interno dell’Areonesco cioè se noi vogliamo una città che sia vivibile, che sia per I cittadini, noi dobbiamo partire prima di tutto da quelle che sono le risposte che I cittadini devono avere.

L’abitare sostenibile sono avere gli esercizi di vicinato, I servizi che sono fruibili. È chiaro che poi vanno messe in piedi anche tutte quelle che sono delle politiche che portano anche il turismo al di fuori di una certa area, per cui con un’attrattività anche in altre zone. A me sembra anche abbastanza evidente che abbia detto delle cose che poi stia dicendo al contrario delle cose che ha detto anche nel passato. Faccio un esempio concreto. I commenti che faceva ieri sullo stadio.

Io ricordo che il delettore Schmitt è stato nella commissione di valutazione dello stadio e che a quell’epoca ha esaltato il progetto che è

Speaker 1: stato il progetto vincitore. La cronaca perché le gare della ventinovesima giornata di Girona e A del campionato di dettanti di eccellenza in programma domenica prossima ventunaprile non saranno disputate però invece giocate la domenica successiva ventotto aprile. L’oggi esisto il comitato regionale toscano della FIGC in sabita alla morte il calciatore Castelfiorentino United Mattia Gianni venteseenne desceduto l’unico discorso all’ospedale di Careggi dopo un malore in campo domenica allo stadio comunale Ballerini di Campi Bisenzo nell’incontro Lanciotto Campi Castelflorentino United la gara è stata sospesa all’arbitro al quindicesimo e primo tempo ha risultato la 00E la proseguzione è stata fissata per mercoledì ventiquattro aprile. Il riconoscimento della colpevolezza di Bissultanow è solo il primo passo, adesso va a ricercato affinché finisca in carcere. Così Luigi Ciatti il padre Niccolò commentando la decisione alla Cassazione che ha reso definitiva la condanna a ventitre anni di reclusione per il cittadino Ceceno accusato dell’omicidio il ventidueenne Toscano morto nello nello scorso di un pestaggio a Lloret de Mar in Spagna nell’agosto duemiladiciassette in una discoteca.

Lo hanno decise I giudici della prima sezione di cassazione accogliendo le richieste avanzate alla Procura Generale. La giustizia italiana arriva dunque ad un giudizio definitivo per l’uomo che però è attualmente latitante. Sentiamo

Speaker 6: Luigi Ciacciatti intervistato da Chiara Brilli. Finalmente è stata definita perlomeno a livello giudiziario la colpevoletta di Bisultano anche se non avevamo dubbi ma adesso a questo punto visto

Speaker 3: che la sentenza è definitiva ci auguriamo

Speaker 6: che ci sia il vero impegno da parte delle nostre forze dell’ordine, del nostro governo, delle nostre istituzioni, finché Bissultanov paghi con il carcere per quello che ha fatto a Niccolò, perché sono quasi due anni che lui è fuggito dalla Spagna, da Girona, quando dopo il verdetto è messo il giudice si è preso ben un mese lasciandolo libero prima di dirgli che avrebbe dovuto fare altri 15 anni di carcere. Voglio poi dire, guarda, rieschi di fare da 15 a 25 anni, però ora per un mese ti lascio libero. È evidente, aveva già provato a scappare un anno prima, era evidente sarebbe scappato, nonostante le nostre raccomandazioni di sorveglianza, di controllo, niente hanno fatto e quindi è ovvio che lui stavolta è riuscito a fuggire. C’è qualcosa a livello europeo che non funziona a livello di collaborazione, perché non ci scordiamo che se non fosse stato per l’Italia per la magistratura italiana per le per I tribunali italiani di Sultano ma a quest’ora sarebbe non avrebbe fatto neanche un processo né in Spagna né in Italia assolutamente niente quindi fortunatamente c’è stato un intervento dell’Italia a questo punto ci siamo riusciti, ci siamo riusciti in questo primo passo perché poi niente canda nei suoi

Speaker 3: confronti perché

Speaker 6: per ora è sempre la

Speaker 1: di tante. Un paio di notizie prima delle previsione del tempo dei saluti Ricavi per un miliardo e ottantasemilioni di euro, mi addottanta sei milioni di euro, in aumento di secento dieci milioni più cento ventotto per cento rispetto all’esercizio precedente grazie soprattutto al consolidamento del gruppo estra più cinquecentocinquantotto virgola sette per cento di milioni e alla crescita del settore ambiente più cinquantuno milioni, investimenti per oltre cento sessantadue milioni e la proposta di dividendi fissati a trenta tre milioni di euro a fronte dei ventotto milioni il duemila ventidue. Sono alcuni dei numeri del bilancio duemila ventitre di alia multi utility approvati dal CDA di alia servizi ambientali presieduto da Lorenzo Perra la di Alberto Irace dice il progetto multi utility è arrivato su un sentiero di crescita che garantisce più infrastrutture alle comunità servite allo stesso tempo maggiore efficienza e indipendenza tecnologica risultati economici confermo la validità della strategia perseguita da azionisti e management invece per il presidente Perra il miglioramento dei risultati economici consolidati che traspari in maniera chiara dai dati del bilancio duemilad e tre va ben oltre la semplice somma algebrica dei numeri delle singole aziende coinvolte al progetto molti utility tutto questo conferma e rafforza ulteriormente la validità del percorso di aggregazione in cui siamo impegnati con tenacia e grande determinazione.

Questo quanto ha detto il presidente di Alia Multi Utility. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Toscana ha respinto invece il ricorso proposto contro il provenimento del Comune di Firenze che ha vietato a Pontevecchio la vendita di borse di pregio artigianale impreziosite da Gioielli a renderlo noto un comunicato della giustizia amministrativa in questa zona rilevante quale sito unesco regolamento comunale all’articolo otto comma uno consente la vendita di oggetti preziosi intendendo secondale edizione gioielli e articoli di orificeria legate alla tradizione secolare del Ponte Vecchio e giudici amministrativi hanno escluso dunque le borse gioiello e hanno detto che non sono assimilabili agli oggetti di cui è consentita la vendita. Questo quanto conclude la nota in previsione del tempo per quanto riguarda la regione toscana oggi il cielo si presenta con novolosità e regolare con addensamenti a tratti consistenti e possibilità di rovesci sparsi in particolare pomeriggio, quota neve, intorno a mille e cinquecento metro ma possibili brevi rovesci di neve fino a mille e duecento metri, I venti sono moderati da quadranti settentrionali con forti raffiche in mattinata ma in attenuazione I mari mossi e le temperature in calo anche sensibile. Grazie a Ragionale Crescioli per l’ottima regia dopo la sigla City Lights, giovane Giovanna Statobrado, informazioni regionale ritorna ai diciotte e quindici con la Newsland Serale.

Un buon pomeriggio a

Speaker 0: tutti voi. Da Domenico Guarino.

Speaker 2: Ciao ciao. Controradio notizie.”

Leggi l’articolo su: ControRadio.it

Previous episode