play_arrow

WidgetWeb

Notiziario Regionale del 23 Febbraio 2024 12:45

regia 23/02/2024


Background
share close


Speaker 0: La

Speaker 1: una buona mattinata a tutti voi da Domenico Guarino ben trovati la prima edizione del GR per oggi venerdì venti tre febbraio duemila ventiquattro cronache in apertura cariche della polizia alle manifestazioni per la Palestina di questa mattina a Firenze e Pisa a Pisa secondo un video diffuso da sinistra italiana che condanna la violenza, la repressione, le forze dell’ordine. Si vedono anche manganellate sui manifestanti durante il corteo studentesco che voleva raggiungere Piazza dei Cavalieri. Nel capologo Toscano è avvenuto le cariche sono venute quando I partecipanti hanno provato a raggiungere il consolato americano. Corteo formato da sindacati di base, studenti e comunità palestinese è partito da Piazza Santissima Annunziata. Per raggiungere l’ambasciata dove sono partiti alcune cariche per l’appunto di alleggerimento.

Il corteo ha poi fatto ritorno in Piazza Agnissanti per gli interventi finali sentiamo le voci dei

Speaker 2: partecipanti raccolte per noi da Viola

Speaker 3: Giacalone. Uno studente del Machiavelli siamo scesi in

Speaker 2: piazza, abbiamo fatto sciopero dalle scuole di Firenze, dai posti di lavoro, da Praso studenti, studentesse, lavoratori, lavoratrici insieme, perché oggi con lo sciopero generale lanciato dai giovani palestinesi vogliamo dire che quello che sta avvenendo è che a Gaza le persone stanno morendo una dopo l’altra più di 200 scuole sono distrutte gli ospedali non ci sono più l’ultimo ospedale è stato sottosedio per settimane, ci sono tantissime e tantissime studenti e studentesse sono stati protagonisti di quello che è successo, delle azioni di oggi sono stati protagonisti del corteo

Speaker 4: sto studiando all’Università di Firenze penso che qua dentro ci sia un po’ di tutto c’è qualcuno che non ha figliato a nessuno che è qui semplicemente perché è una vergogna immade stare in silenzio. Abbiamo qui tutti quanti riuniti per un bene comune.

Speaker 3: Io in

Speaker 5: realtà faccio la terza media, però secondo me organizzarsi è molto importante.

Speaker 6: E se

Speaker 4: ne parla scuola sua della questione?

Speaker 5: Allora lo fanno ma in modo molto neutrale e io contando questa cosa perché secondo me le persone dovrebbero mostrare ciò che è vero, la verità e non provare a offrire quello che sta realmente accadendo.

Speaker 7: Per manifestare per tutti I bambini che stanno morendo in Palestina e le nostre scuole che non ci fanno sapere nulla io vengo da Leonardo da Vinci, lì non si parla proprio di tutta la Palestina alcuni non sanno neanche cosa ci tratta

Speaker 8: Sono Reals e lavoro nel paletificio di Prato Oggi siamo qua perché il studente e il lavoratore di Palestina hanno chiesto di fare il show in tutto il mondo lavoro al oggi siamo qua il l’elicotore di palestina di fare il l’elicotore di il l’elicotore di il l’elicotore

Speaker 0: di il l’elicotore di l’elicotore di

Speaker 3: dobbiamo dare il sostegno a solità per I nostri compagni. Noi come studenti, come

Speaker 0: lavoratori, dobbiamo poi contare tramite lo sciopero un sistema che sta difendendo con la copricità, con la censura, quello che succede a casa. Abbiamo visto bene quando gli studenti attaccano delle semplici foto che vengono inerciate, che non è il posto giusto per parlare di ma sono proprio quelli

Speaker 1: I posti giusti sono proprio I luoghi di formazione e domani domani organizzata da ehm a Sisi pace giusta Europa for Peace ci sarà una catena umana di bandiere della pace tra a Firenze, tra Ponte Santa Trinita e Ponte della Carraia per chiedere appunto il cessate il fuoco in Palestina e in Ucraina. La catena umana hanno aderito numerose realtà pacifiste fiorentine tra cui CGL arci ampi acli l’appuntamento alle undici su Ponte Santa Trinita mentre a sedici in Piazza Santa Maria Novella sitrana una manifestazione organizzata dall’associazione ucraina toscana, abbiamo ne all’inizio l’invasione russa e infine in Palazzo Vecchio. Alle quindici l’incontro pace e giustizia in Medio Oriente, Focus Palestina promosso dal Consiglio Comunale ottanta organizzazioni tra cui Arci e Cospe eseguita dalla Digos di Firenze un’ordinanza cotelare agli arresti domiciliari con applicazione di braccialette elettronico nei confronti di una persona accusata di aver attentato l’otto agosto scorso alla sicurezza dell’alta velocità sulla tratta finanza e Bologna in diretta dalla

Speaker 9: procura per

Speaker 10: noi Raffaele Palumbo. Sì, l’attentato che ha portato all’esecuzione dell’ambicura che dicevi fu rivendicato il 14 di agosto sul sito web, il rovescio, danneggio al quadro elettrico, al modem per la tradizione dei dati, in sostanza si fermò l’alca velocità per pochi di 5 ore. C’è una logitana importante che riguarda il fatto che al 29 di Ferentino non solo viene contestata anche l’ipotesi di rimozione dolosa delle cautele contro gli infortuni sul lavoro, proprio per le cose che dicevamo prima, relativo proprio a quel modem che permette I dati, che fa monitoraggio sull’interstituta ferroviaria, ma soprattutto il GIP ha riconosciuto la finalità di terrorismo. La procura che definisce però il giovane Ferrentino, da una parte soggetto al processo per altri episodi analoghi, che viene arrestato nel genero del 2022 nella Sissa zona, stiamo parlando della Galleria di Spezzani, siamo a Firenciola, proprio l’alta velocità tra Firenze e Bologna, ma l’attentato dell’estate scorsa vede il soggetto indagato, è sempre la procura a parlare, perché è stato ritenuto l’autore o l’ispiratore dell’azione, per cui al momento non sappiamo ancora, non è chiaro che cosa gli si abbedditi in questo senso, ma si fa risalire I fatti dell’otto agosto scorso alla risposta a altre due questioni.

Stiamo parlando di casale del resto di nove militanti anargetici e di Firenze se lo sgombero espettuato il via Pontino dentro proprio lo stesso otto di agosto per il

Speaker 1: momento è tutto diretti di riscola lì. Sul crollo del cantero I via Mariti l’attenzione dell’opinione pubblica ma soprattutto alle istituzioni si teme le morte bianche c’è sempre quando arriva una tragedia. Dopo scema lo dimentichiamo, non ne parliamo più fino a tragedia successiva. Il governo deve dare risposte e convolgere le forze del paese. Se non c’è questo oggi ci troveremo un’altra tragedia e il solito pianto di coccodrillo.

Questo quanto ha dichiarato oggi sindaco di Firenze d’Alea Nardella intervenendo a Radio ventiquattro e sui cinquantacinque milioni finanziati al progetto per il restaling e lo stadio Frank, l’interlocuzione col governo va avanti. Questo ha dichiarato un’ardella a margine invece di un sopralluogo effettuato questa mattina all’interno de lo stadio confermando anche la candidatura ad ospitare le gare dell’Europa duemila trenta due per consentire la concomitanza delle partite della Fiorentina con I lavori. Ha detto Nardella abbiamo cambiato con le ditte e I progettisti l’ordine dei lavori medesimi.

Speaker 11: Sentiamo Nardella al microfono di Andrea Montigiani. Beh siamo molto contenti che le cose stanno andando come ci eravamo impegnati a fare. Questi lavori di demolizione prenderanno quasi tutto il mese di marzo e sono la prima fase dei lavori che poi interesseranno prima la parte della ferrovia, le attività di restauro e a cominciare dal prossimo campionato invece la curva Fiesole. Siamo ormai diciamo entrati nel progetto di trasformazione del franchi siamo molto contenti dell’incontro di ieri a roma con la federazione italiana gioco calcio con gravina che ci ha fatto capire che firenze è in pole position per la candidatura agli europei 2032 Siamo altrettanto contenti e soddisfatti di aver trovato, come sapete, la soluzione di far giocare la squadra per tutto il prossimo campionato in contemporanea alle attività dei lavori. Alle attività dei lavori.

Riteniamo che il progetto finale sia davvero molto bello, avremo uno stadio all’avanguardia come ha chiesto anche il presidente commisso nella lettera che è stata pubblicata questa mattina, una lettera appassionata, una lettera che guarda sempre con grande attenzione a Firenze e a Fiorentina ed è proprio quello che vogliamo fare noi, e cioè dare alla città, al quartiere, ai tifosi, alla Fiorentina uno stadio che sia all’altezza delle ambizioni di questa società. Noi abbiamo un cantiere modello. Questo cantiere che sarà costruito sarà montato ad aprile dopo le demolizioni è un cantiere che rispetterà tutti I principi di tutela della sicurezza dei lavoratori e di trasparenza. Lo voglio dire perché la ferita della della

Speaker 1: tragedia del cantiere di Via Mariti è ancora apertissima. Posso esprimere la mia opinione personale in modo totalmente disinteressato perché sono al primo mandato e quindi per me sarà già un fatto importante se sarò chiamato una ricandidatura per il secondo io sarei stato favorevole al terzo mandato perché sul fronte delle procedure amministrative della difficoltà a calarsi nelle situazioni il fatto di una continuità per tre mandati può consentire all’amministratore sia sindaco e presidente regione e dare continuità e quindi di realizzare le opere in questo modo dichiarato il presidente de Toscana Eugenio Gianni a margine dell’inaugurazione di Turisma parlando appunto del dibattito sul terzo mandato l’educazione all’affettività e all’uso corretto dei social come anche del linguaggio responsabilità della famiglia della scuola e questo in sintesi il messaggio che Noemi Caponi una suonentessa ventidueenne in mediazione linguistica all’Università per Saline di Siena in via intervenendo questa mattina durante la prima puntata della trasmissione il venticinque novembre al mese con cui Contro Radio intende riflettere e confrontarsi sulla violenza di genere in

Speaker 12: studio c’erano Chiara Brilli e Sandra Salvato. All live fermine per descrivere la dimensione relazionale, sociale e comunicativa vista come frutto di una continua interazione tra la realtà materiale e analogica e la realtà virtuale

Speaker 6: interattiva. Come si vivono queste due realtà? Essendo di questa generazione non ho mai avuto difficoltà proprio nell’approcciarmi con questi mezzi e sicuramente è stato importante l’approccio che I miei genitori hanno avuto proprio nel sapermi indirizzare nell’uso corretto anche di di questi mezzi dei social media perché appunto non è semplice e in oltre in relazione proprio alla questione di genere è estremamente importante anche qui porre un accento su quelle che sono pagini o comunque anche iconi e personaggi che ci aiutano molto a noi I

Speaker 3: ragazzi e ragazzi perché ovviamente la

Speaker 6: questione di genere non

Speaker 3: è una questione che

Speaker 6: è strettamente femminile ed è importante sempre sottolinearlo perché spesso appunto si pensa che il soggetto che alla fine deve ascoltare o comunque fa riferimento a questi argomenti sennò proprio le donne o le ragazze. Importante appunto anche I ragazzi, gli uomini che vedono e che ascoltano appunto determinate informazioni. Per questo anche per esempio il lavoro che noi facciamo in Ateneo è estremamente importante e in merito ovviamente all’utilizzo del linguaggio in una maniera che è corretta ma soprattutto inclusiva. Grazie alla formazione che ho ricevuto, gli insegnanti che ho avuto e oggi come oggi sappiamo utilizzare tutti noi della teorema, I social media come anche il

Speaker 12: linguaggio in una maniera molto più concreta. Il trenta per cento degli adolescenti sostiene

Speaker 6: che la gelosia è un segno di amore che ne pensino Io penso che vi sia ovviamente una netta differenzazione tra gelosia e possessione e questo è sicuramente qualcosa che purtroppo non ci viene insegnando soprattutto noi ragazze. Vi deve essere sicuramente una omogeneizzazione proprio di educazione dei figli ma soprattutto ehm anche a livello proprio scolastico. Questa cosa non esiste

Speaker 1: e questo dovrebbe essere implementato. Ascoltiamo ora un’anticipazione di cosa è successo, storie e voci per capire quello che accade di Raffaele Palumbo, un podcast di Controradio ascoltabile il sabato alle tredici e quindici in replica alla domenica alle diciassette e dieci sulla frequenza di Controradio e streaming su Contoradio.it sull’app di Controradio e su Spotify. In questa puntata il silenzio degli innocenti, una riflessione sulla strage del cantiere di Via Mariti, sul lavoro, il consumo, il valore della vita dei lavoratori nella Firenze duemilaventiquattro tra

Speaker 3: I vari

Speaker 9: ospiti l’ex magistrato Beniamino De Ita. Ci sono tutti gli ingredienti che ormai da tantissimo tempo caratterizzano I lavori in Italia e specialmente I lavori in Iglesia. Sono un po’ scettico su quello che sento in giro, sento dire dobbiamo riscrivere le norme sulla sicurezza, ma che c’entra? Ma forse tutti sanno che l’Italia è una delle legislazioni più avanzate d’Europa, per alcune cose per carità possono essere ritoccate, riviste, ma complessivamente si tratta di una delle legislazioni più avanzate d’Europa. Il problema non è le leggi, oppure sento dire ma bisogna istituire un reato di omicidio sul lavoro, cosa c’è?

Ma lo sapete che l’omicidio plurimo è già punito fino a 15 anni dell’eclusione, sono pieni che non si sono mai viste, che non si danno, che non si sono mai date, perché la magistratura non ha una grande specializzazione in questo settore e li fa cesare I processi, altro che aumentare le pene. Quindi ecco, I morti si evitano se si fa prevenzione e la prevenzione naturalmente vuole investire in prevenzione, lo sa la gente che il grosso modo che gli spettori delle ASI che sono quelli competenti per intervenire nei luoghi di lavoro e per fare prevenzione. I spettori delle ASI in dieci anni sono diminuiti mediamente per trenta tre per cento. Le

Speaker 1: regioni vedono I pensionamenti e non li sostituiscono. Siamo alle previsioni del tempo per quanto riguarda la giornata di oggi sulla Toscana c’è lo molto nuovolo soccoperto con piogge inizialmente più frequenti sul nord ovest in graduale trasferimento al resto della regione inserata variabile con possibili rovesce e temporali sulla costa settentrionale e neve inizialmente sulle cime appenniniche ma in calo fino a mille trecento metri venti moderati da sud ovest fino a Forti su costa Arcipelo con mari molto mossi fino ad agitati alla seconda parte della giornata a nord dell’Elba le temperature minime in ulteriore di alzo in calo invece le massime ragione Crescioli e poi un buon

Speaker 0: pomeriggio a tutti voi

Speaker 3: da Domenico Guarino. Ciao ciao. Controradio notizie.”

Leggi l’articolo su: ControRadio.it

Previous episode